ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' active_time = 1516275567, active_ip = '54.234.45.10', acti' at line 2
---
REPLACE INTO it_active SET active_id = , active_time = 1516275567, active_ip = '54.234.45.10', active_user_agent = 'CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)', active_session = 'pvf7opueqj550kf4imt81dr8a5'
---
ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3
---
SELECT * FROM it_comments, it_users WHERE user_id = comment_author_id AND comment_topic = 92071 AND comment_type = 'articles' AND (comment_state = 1 OR comment_author_id = ) ORDER BY comment_date ASC
---
You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3 Un espresso nello spazio per Lavazza!

Article Marketing

Articoli, recensioni e comunicati stampa

Un espresso nello spazio per Lavazza!

Inviato da: comunicatori su misura | Visite totali: 0 | Numero di parole: 461 | Data: 15-04-2016 - 2:45 PM



Il 3 maggio 2015 alle ore 12.44 GMT, è stato bevuto il primo espresso nello spazio. I 400 km di distanza dalla Terra non hanno rappresentato un ostacolo per Samantha Cristoforetti, non solo la prima donna ad essersi avventurata nello spazio, ma anche la prima ad averci bevuto un caffè. Consumato con una cannuccia, è stato preparato introducendo la capsula con il caffè dentro lamacchina ISSpresso, prodotta da Lavazza in collaborazione con Argotec, azienda ingegneristica aerospaziale torinese. ISSpresso è bianca, pesa 20 kilogrammi ed è del tutto anticonvenzionale: aspira l’acqua e la porta in pressione tramite un sistema elettrico formato da uno speciale tubo di acciaio, capace di resistere alla pressione nello spazio. Si tratta della prima macchina espresso a capsule in grado di lavorare nelle condizioni più estreme, dove i principi che regolano la fluidodinamica dei liquidi sono molto diversi da quelli tipici terrestri. Grazie a ISSpresso è possibile preparare anche thè, tisane e vari tipi di brodo, consentendo così la reidratazione degli alimenti. Si tratta di un importante supporto psicologico per gli astronauti, che così possono sentirsi meno “lontani” da casa, ritrovando la piacevole quotidianità di un rito tutto italiano.
Nel 2004, l’Espresso ‘in orbita’ era già parte dell’immaginario Lavazza che realizzò il calendario “Mission to espresso”, con la collaborazione del fotografo Thierry Le Gouès, ispirato dall’immaginario pop e fantascientifico degli anni ’60 e ’70. Quella che sembrava fantascienza, è ora diventata realtà. Con questo sensazionale avvenimento, Lavazza rappresenta il perfetto connubio tra 120 anni di tradizione e la voglia di continuare a innovarsi. Chissà quale sarà il prossimo passo!
Citiamo di seguito i nomi di tutti coloro che hanno reso possibile il progetto:
Responsabile: David Avino, Argotec, Torino
Responsabile Tecnico: Valerio Di Tana, Argotec, Torino
Responsabile della Realizzazione dell’Apparato: Agrotec, Torino
Supporto alla Realizzazione dell’Apparato: Lavazza, Torino
Supporto alle attività di integrazione e test: Finmeccanica – Selex ES Firenze
Fonte:http://www.xn--cafstival-23a.com/2016/04/04/un-espressospaziale/ (www.xn--cafstival-23a.com)

Note sull'autore

Commenti

Nessun commento postato.

Scrivi un commento

Per poter commentare devi prima effettuare il login.
Copyright © 2018 www.article-marketing.eu - Tutti i diritti riservati - Powered by link UP Europe! P.IVA 09257531005
Associazione Culturale per l'uso didattico ed etico dell'informatica
Sede legale: Via Pietro Rovetti, 190 - 00177 - ROMA