Article Marketing

article marketing & press release

Sono migliori le case in legno con struttura a telaio o xlam?

E’ la domanda ricorrente che fanno le persone che hanno un minimo di nozioni in tema di case in legno. Uno degli aspetti fondamentali da definire quando si vuole realizzare una casa in legno è la tipologia costruttiva.
Le principali tipologie delle case prefabbricate in legno che si possono realizzare sono o con struttura a telaio o con struttura a xlam; la prima è composta da delle esili colonne in legno massiccio avente passo di circa 60 cm su cui vengono fissate delle lastre in fibrocemento, frenovapore e chiaramente un grande spessore di isolante (fibra di legno o lana di roccia o vetro principalmente). La seconda è composta da delle pareti in legno lamellare avente spessore variabile dagli 8 ai 16 cm sui cui, all’esterno, viene applicato il cappotto (solitamente in fibra di legno o lana di roccia o vetro), mentre all’interno viene applicata una controparete per il passaggio degli impianti, chiusa da cartongesso o fibrogesso (o da pannelli lignei facciavista).
Nei miei progetti preferisco utilizzare sempre la struttura a xlam per i seguenti motivi principali:
– la struttura della casa in legno risultante è più rigida e garantisce negli anni una maggiore stabilità anche in condizioni estreme (tempeste, sisma, ecc.).
– è più semplice sia in fase costruttiva, sia durante il normale utilizzo della casa, garantire la perfetta tenuta all’aria dell’involucro edilizio in modo da scongiurare il più grande pericolo per le case in legno: le condense interstiziali all’interno dei muri peripetrali che possono, negli anni, far marcire il legno della struttura o del cappotto (se fatto in fibra di legno).
– la massa complessiva della parete e il comportamento estivo è migliore e quindi la casa rimane naturalmente più fresca rispetto ad una casa con tipologia a telaio.
E’ anche importante sottolineare che utilizzando entrambe le tipologie costruttive è possibile realizzare delle abitazioni con altissimo livello si confort ed di risparmio energetico, ad esempio utilizzando la certificazione di casa passiva (Passivhaus) o dell’Agenzia Casaclima di Bolzano in classe oro.
Le caratteristiche principali di tali case ecologiche passive sono:

  • L’iperisolamento dell’involucro edilizio che permette risparmi dell’ordine del 80-90% sulle spese di riscaldamento. L’abbattimento della potenza termica necessaria per il riscaldamento, fa in modo che tali case prefabbricate in legno siano intrinsecamente case ecosostenibili caratterizzate da un grande rispetto per l’ambiente.
    Il fabbisogno energetico relativo al riscaldamento specifico è inferiore a 10 kwh/mq anno (cioè lo standard delle case in classe oro o case passive). Spesso queste case in bioedilizia vengono certificate in classe oro dall’Agenzia casaclima di Bolzano o dal Passivhaus Institut.
  • Queste ville prefabbricate in legno o edilizia tradizionale sono sempre dotate di un impianto di ricambio d’aria automatico ad alta efficienza, in modo che ogni due ore tutto il volume d’aria contenuto all’interno dell’edifico viene rinnovato (con recupero del calore) con completa eliminazione di odori, aria viziata, umidità, muffe, ecc., senza necessità di aprire le finestre, nonostante questo sia ovviamente possibile!
  • Le case ecologiche (se ben progettate) sono anche caratterizzate da un grande isolamento e massa termica che fanno sì che in estate le temperature interne non superino i 26-27 °C sebbene non sia in funzione alcun impianto di condizionamento/raffrescamento, quindi oltre al confort si aggiunge il risparmio energetico.
  • Assenza di ponti termici e spifferi che garantisce un grande comfort.
  • L’assenza di fessure e difetti di realizzazione (che causano dispersioni energetiche oltre che fastidi) viene verificata dallo specifico test di tenuta all’aria (blower-door test).

Comunque è fondamentale che la scelta strutturale della tua casa in legno, così come la progettazione e definizione di tutti gli aspetti fondamentali (pacchetti isolanti, esposizione, numero e dimensioni delle finestre, tipo di impiantistica, ecc) sia fatta col tuo tecnico di fiducia e non fatta (o recepita) ad occhi chiusi, senza prestare la necessaria attenzione e valutare bene le implicazioni, sotto più punti di vista. www.studiodallalibera.com

Leave A Comment

Your email address will not be published.