Article Marketing

article marketing & press release

Premio Nobel per la fisica – 5 donne meritevoli a cui è stato negato

Premio Nobel per la fisica – 5 donne meritevoli a cui è stato negato

La stagione dei Nobel è finita, con un altro anno di celebrazioni degli scienziati che hanno aperto la strada ad alcuni dei più grandi progressi in fisica, chimica, medicina e altro ancora. Il premio di fisica di quest’anno per gli incredibili progressi della scienza laser, per il 2018 celebra lo sviluppo di pinzette ottiche e impulsi laser ultra-corti e ultra potenti .

Queste scoperte hanno permesso di realizzare innumerevoli nuove idee scientifiche e tecnologiche, tra cui LIGO, stelle guida artificiali e laser lunare utili nella ricerca e LASIK, incisione laser e saldatura e lettori di codici a barre per la tecnologia. Ma tutto ciò è stato messo in ombra, giustamente, da un fatto importante. Per la terza volta nella storia, uno dei destinatari del Premio Nobel per la Fisica è una donna: Donna Strickland.

Il gruppo di ricerca di Donna Strickland all’Università di Waterloo. Strickland (la fila dietro, 4 ° da sinistra)  che diventa solo la terza donna ad essere insignita del premio Nobel per la fisica. (ABDULLAH.RAHNAMA / WIKIMEDIA COMMONS)

C’è una lunga storia, in particolare in fisica, di donne che non vengono riconosciute per i loro risultati e contributi. Spesso, i loro consulenti o collaboratori – quasi sempre più uomini anziani nel campo – hanno ottenuto il credito, come nel caso di Maria Mitchell. In altri casi,sono rimaste nell’oscurità, incapaci di assicurarsi una carriera praticabile, mentre i loro contributi hanno rivoluzionato il modo in cui la scienza viene condotta, esemplificata dal caso di Henrietta Leavitt.

Nonostante la schiacciante documentazione e molti esempi eclatanti che dimostrano il fatto che le donne non sono state riconosciute nonostante i loro straordinari contributi, ci sono ancora molte persone che sostengono che le donne non sono idonee in generale a essere dei buoni scienziati e usano la loro mancanza di riconoscimento, riconoscimenti o premi Nobel come prova per quell’assurda contesa. È un circolo vizioso che perpetua la disuguaglianza di genere in atto in un sistema storicamente ingiusto.
laser-zetawatt

I laser Zetawatt, che raggiungono un’intensità di 1⁰²⁹ W / cm², dovrebbero essere sufficienti per creare coppie di elettroni / positroni reali dal vuoto quantico stesso. La tecnica che ha permesso al laser di alzarsi così rapidamente è stata Chirped Pulse Amplification, che è stato sviluppato da Mourou e Strickland nel 1985  e fatto guadagnare loro una parte del Premio Nobel 2018 in fisica. (WIKIMEDIA COMMONS USER SLASHME)

Con la sua parte del Premio Nobel per la Fisica nel 2018, tuttavia, Donna Strickland si unisce a Marie Curie (1903) e Maria Goeppert-Mayer (1963) come le uniche tre donne in fisica a essere selezionate come Premi Nobel.

Eppure, se ci fosse stata giustizia per tutto il XX e l’inizio del XXI secolo, la vittoria di Strickland potrebbe non essere così rilevante solo per questo fatto. Dopo aver appreso del suo premio, ha detto quanto segue:

Dobbiamo celebrare le donne fisiche perché siamo là fuori, e forse col tempo saremo di più. Sono onorato di essere una di quelle donne.
Premi Nobel per la Fisica

I premi Nobel 2018 in fisica, insieme alle loro quote del premio, per i progressi nella fisica dei laser. Questo segna solo la terza volta nella storia che una donna ha condiviso nel premio. (NIKLAS ELMEHED. © NOBEL MEDIA)

Ma forse questo è qualcosa che non dovrebbe essere necessario dire.

Se il comitato di selezione del Nobel avesse assegnato premi basati esclusivamente sui meriti della scoperta scientifica, il Premio Nobel di Strickland non la avrebbe semplicemente considerata la terza donna a vincere il premio Nobel per la fisica. Molte donne meritevoli sono rimaste senza ricompensa nel corso degli anni, anche se gli uomini meno meritevoli hanno accumulato tali riconoscimenti.

Qui ci sono cinque donne che, secondo stima di esperti, sono state le più ingiustamente e severamente snobbate dal comitato Nobel  per i loro risultati scientifici in fisica.

Cecilia Payne

Cecilia Payne, in seguito nota come Cecilia Payne Gaposchkin, ha scritto quella che è considerata da molti la più brillante tesi di dottorato di tutti i tempi. Il suo lavoro continua ad avere un impatto sull’astronomia di oggi, eppure non è mai stata nemmeno nominata per un premio Nobel. (ACCORDO 90-105 – SERVIZIO SCIENZA, REGISTRI, ANNI ’20 / ’70, ARCHIVIO ISTITUTI SMITHSONIANI)

1.) Cecilia Payne , per la scoperta di ciò di cui sono fatte le stelle. Oggi sappiamo che, mentre la materia si riscalda, i suoi elettroni salgono a livelli di energia più elevati e con abbastanza energia possono essere ionizzati. Sappiamo che le stelle esibiscono diverse caratteristiche spettrali e linee di assorbimento / emissione, e questo dipende dal colore di una stella, che a sua volta è determinata dalla temperatura della superficie della stella.

Ma nulla di tutto ciò era noto nel 1925. In un colpo di genio di quell’anno, sintetizzando idee e informazioni da campi completamente diversi, Cecilia Payne mise insieme quei fenomeni di temperatura, colore e ionizzazione. In tal modo, è stata in grado di determinare, in base alla forza delle linee in stelle di diversi tipi, di cosa erano fatte. Mentre contenevano gli stessi elementi della Terra, avevano migliaia di volte più di elio e milioni di volte di più di idrogeno. Nonostante il suo dottorato di ricerca i riconoscimenti della dissertazione, è stato solo il suo consigliere, Henry Norris Russell, che è stato persino nominato per il premio .

Chien-Shiung Wu

Chien-Shiung Wu, a sinistra, ha avuto una notevole e distinta carriera come fisico sperimentale, compiendo molte importanti scoperte che hanno confermato (o confutato) una serie di importanti previsioni teoriche. Tuttavia non le è mai stato assegnato un premio Nobel, anche se altri che hanno fatto meno  lavoro sono stati nominati e scelti prima di lei. (ACCORDO 90-105 – SERVIZIO SCIENZA, REGISTRI, ANNI ’20 / ’70, ARCHIVIO ISTITUTI SMITHSONIANI)

2.) Chien-Shiung Wu , per scoprire la proprietà della “prontezza” delle particelle nell’Universo. Negli anni ’50, i fisici stavano appena iniziando a comprendere le proprietà fondamentali delle particelle. Le particelle rotanti e in decomposizione hanno una direzione preferita per i loro prodotti di decadimento? Se la natura obbedisse a una legge di simmetria dello specchio (parità), lo farebbero. Ma i teorici Tsung-Dao Lee e Chen Ning Yang hanno pensato che in alcune condizioni, potrebbero non farlo.  Solo attraverso l’esperimento e l’osservazione si possono rivelare verità scientifiche sull’Universo.

Chien-Shiung Wu partì per testare questo, osservando il decadimento radioattivo di Cobalt-60 in presenza di un forte campo magnetico. Quando gli elettroni (un prodotto di decadimento) hanno mostrato una direzione preferita, ha mostrato direttamente che le particelle avevano una intrinseca manualità (e violava la simmetria di parità) sotto le interazioni deboli. Il Nobel del 1957 andò esattamente per questa scoperta … a Lee e Yang, con Wu vergognosamente omesso.

Vera Rubin

Vera Rubin, mostrata mentre manovra il telescopio di 2,1 metri al Kitt Peak National Observatory con lo spettrografo di Kent Ford allegato. Ogni scienziato che lavora oggi in astronomia e astrofisica concorda sul fatto che il lavoro di Rubin e Ford merita un premio Nobel, ma non ne è mai stato dato uno. Rubin è morta nel 2016.

3.) Vera Rubin , per la co-scoperta (con Kent Ford) di materia oscura nelle galassie. Cosa rende l’universo? Se si fosse posta questa domanda 50 anni fa, la gente avrebbe indicato come risposta gli atomi e le particelle subatomiche.  La scienza della Nucleosintesi del Big Bang e la nostra capacità di “pesare” l’Universo attraverso la lente gravitazionale e la formazione di strutture su larga scala erano ancora lontane tanti anni.

Ma il lavoro di Rubin (e di Ford) ha indagato su come le singole galassie, a partire da Andromeda, ruotassero su una varietà di raggi diversi. Osservando una sfilza di singole galassie e il modo in cui ruotavano, un universo di materia normale al 100%, secondo le attuali leggi di gravità, non era più possibile. L’attenta analisi di Rubin e Ford su come ruotavano le singole galassie mostrava che c’era più gravitazione di cui la materia normale poteva dare ragione, portando il problema della materia oscura nella corrente principale. È ormai accettato che la materia oscura è una componente importante del nostro Universo, ma Rubin è morta nel 2016, dopo aver aspettato più di 45 anni per un Nobel che non è mai arrivato.

Lise Meitner

Lise Meitner, uno degli scienziati il ​​cui lavoro fondamentale ha portato allo sviluppo della fissione nucleare, non ha mai ricevuto un premio Nobel per il suo lavoro, ed è stato costretta a fuggire dalla Germania a causa delle sue origini ebraiche. (ARCHIVIO DELLA MAX PLANCK SOCIETY)

4.) Lise Meitner , per la sua scoperta della fissione nucleare. Meitner fu una stretta collaboratrice di Otto Hahn, che fu insignito del Premio Nobel (in Chimica, anche se molti Chimici Nobel ora vanno in campi che consideriamo la Fisica, e viceversa) per la scoperta della fissione nucleare. Nonostante il fatto che fino a tre persone possano partecipare al premio, Hahn è stato, ingiustamente, premiato con questo da solo nel 1944 . I contributi di Meitner erano probabilmente anche più importanti di quelli di Hahn, poiché lei, non Hahn, era l’unica a fare l’importante lavoro di scissione dell’atomo. Oltre a ciò, ha dovuto sopportare l’incredibile ingiustizia di lavorare come ebrea nella Germania nazista negli anni ’30, nonostante richiedesse l’intervento dello stesso Hahn, Heisenberg e molti altri.

Dopo essere fuggita dalla Germania nel 1938, Meitner continuò la corrispondenza con Hahn, guidandolo attraverso i passaggi critici nella creazione della fissione nucleare. Hahn, tuttavia, non l’ha mai inclusa come coautorice, nonostante i suoi inestimabili contributi. Anche se il grande scienziato Niels Bohr stesso, nominò sia Meitner (prima) che Hahn (secondo) per il Nobel, fu assegnata solo ad Hahn. Quando Meitner morì, la sua lapide fu inscritta con la seguente semplice frase: “Lise Meitner: un fisico che non ha mai perso la sua umanità”.

Jocelyn Bell

Nel 1967, Jocelyn Bell (ora Jocelyn Bell-Burnell) scoprì la prima pulsar: una radiosorgente luminosa e regolare che ora sappiamo essere una stella di neutroni in rapida rotazione. (OSSERVATORIO DELL’ASTRONOMIA RADIO MULLARD)

5.) Jocelyn Bell-Burnell , per la sua scoperta della prima pulsar. Le pulsar furono predette dalle supernove già nel 1933 e il premio Nobel fu assegnato per loro nel 1974 a Martin Ryle e Anthony Hewish. Eppure né Hewish né Ryle hanno scoperto la prima pulsar, per la quale è stato assegnato il premio. La persona che ha fatto quel lavoro è stata la studentessa di Hewish, Jocelyn Bell. È stata lei a scoprire la pulsar e ha scelto il suo segnale interessante come oggetto di particolare significato.

Fred Hoyle e Thomas Gold, che hanno messo insieme i pezzi finali che la scoperta di Bell era in effetti una stella di neutroni pulsante e vibrante, sostenevano che avrebbe dovuto essere inclusa nel premio. Nonostante la sua umiltà, asserendo, “Credo che ridurrebbe i Premi Nobel se fossero assegnati a studenti di ricerca, tranne che in casi eccezionali, e non credo che sia uno di questi”, è il caso in cui vorrei affermare che è sbagliato. Il suo lavoro è stato eccezionale, e la sua omissione dal premio Nobel è stata un errore.

Alfred Nobel

Alfred Nobel, l’inventore della dinamite e detentore di 355 brevetti, fondò nel 1895 il suo desiderio di sviluppare la fondazione del Premio Nobel e le regole in base alle quali dovrebbe essere governata. Dopo la sua morte nel 1896, il Premio è stato assegnato ogni anno dal 1901, con le sole eccezioni che si verificano quando la Norvegia fu occupata durante la seconda guerra mondiale. Le regole sono state modificate prima e potrebbero essere nuovamente modificate. (NOBEL MEDIA AB 2016)

Ovviamente molti affermano che alcune o tutte queste donne non meritassero un premio Nobel per il loro lavoro. Dopotutto, Payne e Bell-Burnell (e Strickland, del resto) erano solo studenti quando facevano la loro ricerca, per esempio, e molti affermano che i Premi Nobel non dovrebbero andare a qualcuno che non ha “pagato i loro debiti” per il sistema, o che stavano solo agendo in base alle decisioni prese dai loro consulenti. Ma questa discussione non regge, specialmente nei casi di Payne (che ha fatto il suo lavoro da sola) e Bell-Burnell (che ha scoperto il segnale chiave per conto suo).

Inoltre, molti premi Nobel nel corso della storia sono stati studenti quando hanno fatto le loro ricerche meritevoli, tra cui i fisici Lawrence Bragg (1915), Bob Schrieffer (1972), Brian Josephson (1973), Russell Hulse (1993), Douglas Osheroff (1996) , Frank Wilczek (2004) e Konstantin Novoselov (2010).

Donna Strickland

Donna Strickland, una studentessa laureata in ottica e membro del Picosecond Research Group, mostra l’allineamento di una fibra ottica. La fibra viene utilizzata per il chirp di frequenza e per estendere un impulso ottico che può essere amplificato e compresso in seguito per ottenere impulsi ad alta potenza di picco. Questo lavoro, catturato alla macchina fotografica nel 1985, è stato una parte essenziale di ciò che le è valso il Nobel per la fisica del 2018. (UNIVERSITÀ DI ROCHESTER, CARLOS & RHONDA STROUD)

Il fatto è che non vi è alcuna prova concreta che le donne siano in alcun modo intrinsecamente inferiori agli uomini quando si tratta di lavorare in una delle scienze o in uno qualsiasi dei loro sottosettori. Ma ci sono prove schiaccianti di misoginia, sessismo e pregiudizi istituzionali che ostacolano le loro carriere e non riescono a riconoscerli per i loro risultati eccezionali. Quando pensi ai premi Nobel in fisica e ti chiedi perché ci siano così poche donne, assicurati di ricordare Cecilia Payne, Chien-Shiung Wu, Vera Rubin, Jocelyn Bell-Burnell e Lise Meitner. Il comitato Nobel potrebbe aver dimenticato o trascurato i loro contributi fino a quando non è stato troppo tardi, ma ciò non significa che dobbiamo. In tutte le scienze, vogliamo i migliori, i più brillanti, i più capaci e i lavoratori più duri che questo mondo abbia da offrire.

FONTE:  medium.com

Leave A Comment

Your email address will not be published.