Article Marketing

article marketing & press release

Premi Nobel 2018 – Disparità verso le donne

Premi Nobel 2018 – L’assegnazione dei premi Nobel continua a sfavorire le donne

STAVANGER, Norvegia  – I premi Nobel sono i premi più prestigiosi del pianeta, ma il prestigio degli annunci di quest’anno è stato offuscato dalle domande sul perché così poche donne sono state premiate, in particolare nelle scienze.

La medaglia d’oro al Nobel conferita al compianto romanziere Gabriel Garcia Marquez, a Bogotà, in Colombia.

La marcia degli annunci dei Nobel inizia lunedì con il premio fisiologia e medicina.
Dal momento che i primi premi furono assegnati nel 1901, 892 individui ne hanno ricevuto uno, ma solo 48 di loro sono donne. Trenta di queste donne hanno vinto il premio di letteratura o di pace, evidenziando l’ampio divario di genere tra i vincitori di fisica, chimica e fisiologia e medicina. Inoltre, solo una donna ha vinto per il premio di economia, che non è tecnicamente un Nobel ma è associato ai premi.

Alcune delle disparità probabilmente possono essere attribuite a ragioni strutturali sottostanti, come la bassa rappresentazione delle donne nella scienza di alto livello. L’American Institute of Physics, ad esempio, riporta che nel 2014 solo il 10% delle professioni attinenti la fisica erano esercitate da donne.

Ma i critici suggeriscono che il pregiudizio di genere pervade il processo delle nomine, che provengono in gran parte da professori di ruolo. “Il problema è l’intero processo di nomina, con questi professori di ruolo che si sentono come intoccabili: possono farla franca con in qualsiasi cosa, dalle molestie sessuali alle micro-aggressioni, come supporre che la donna ruberà appunti, o se ne andrà presto per avere bambini “, ha detto Anne-Marie Imafidon, a capo di Stemettes, un gruppo britannico che incoraggia le ragazze e le giovani donne a perseguire carriere in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica.

“Non c’è da meravigliarsi se queste persone non stanno facendo avanzare le donne per le nomine: dobbiamo essere più bravi a raccontare le storie delle donne nella scienza che stanno facendo cose buone e che stanno ottenendo riconoscimenti”, ha detto.

Uomini potenti che prendevano credito per le idee e le fatiche delle loro colleghe sono state rovesciate nel 1903, quando Pierre Curie ha chiarito che non avrebbe accettato il premio di fisica se la moglie e collega ricercatrice Marie Curie non fosse stata onorata congiuntamente. È stata la prima vincitrice femminile di qualsiasi premio Nobel, ma solo un’altra donna ha vinto il premio di fisica da allora.

Più di 70 anni dopo, Jocelyn Bell, studentessa a Cambridge, fu trascurata per il premio di fisica nonostante il suo fondamentale contributo alla scoperta delle pulsar.
Il suo supervisore, Antony Hewish, ha preso tutto il credito Nobel.

Brian Keating, professore di fisica all’Università della California di San Diego e autore del libro “Perdere il premio Nobel: una storia di cosmologia, ambizione e il più grande onore della scienza”, dice la Nobel Foundation dovrebbe sollevare le sue restrizioni – proponendomi una svolta se un individuo è stato trascurato. Dice anche che i premi postumi dovrebbero essere presi in considerazione e non ci dovrebbero essere restrizioni sul numero di persone che possono condividere un premio. Oggi il limite è di tre persone per un premio.

“Queste misure farebbero molto per affrontare l’ingiustizia che poche delle donne brillanti che hanno contribuito così tanto alla scienza nel corso degli anni sono state trascurate”, ha detto.
Keating teme che semplicemente accettare la disparità come strutturale danneggerà seriamente il prestigio di tutti i premi Nobel.

Nobel a donne ricercatrici“Penso che con il movimento #MeToo di Hollywood, sia già successo nei premi del film, è successo con il premio letterario. Non c’è alcuna legge fondamentale della natura che i premi Nobel per la scienza continueranno ad essere visti come il più alto riconoscimento” Egli ha detto.

L’assenza di quest’anno di un premio Nobel per la letteratura, che è stata vinta da 14 donne, pone ancora più in risalto il divario di genere nei premi scientifici. L’Accademia svedese, che assegna il premio per la letteratura, ha dichiarato che non sceglierà un vincitore quest’anno dopo le accuse di abusi sessuali e gli scandali dei crimini finanziari che hanno scosso comitato segreto, dividendo nettamente i suoi 18 membri, nominati a vita. Sette membri lasciano o prendono le distanze dall’accademia.
Il suo segretario permanente, Anders Olsson, ha detto che ci vorrà tempo per recuperare la fiducia del pubblico.

L’accademia prevede di assegnare sia il premio 2018 sia il premio 2019 l’anno prossimo, ma anche questo non è garantito. Il capo della Nobel Foundation, Lars Heikensten, ha avvertito che se l’Accademia svedese non risolve la sua immagine offuscata, un altro gruppo potrebbe essere scelto per selezionare il premio letterario ogni anno.

Forte di critiche sul divario di diversità tra ex vincitori del premio, la Nobel Foundation ha chiesto che i membri di premiazione scientifica per il 2019 chiedano ai nominatori di considerare i loro pregiudizi nelle migliaia di lettere che inviano per sollecitare le candidature al Nobel.

“Sono desideroso di vedere più nomination per le donne in modo che possano essere considerate”, ha detto Goran Hansson, segretario generale della Royal Swedish Academy of Sciences e vice presidente della Nobel Foundation. “Abbiamo scritto ai nominatori chiedendo loro di assicurarsi che non perdano le donne o le persone di altre etnie o nazionalità nelle loro nomination, speriamo che questo possa fare la differenza per il 2019”.

Non è la prima volta che i funzionari Nobel hanno cercato la diversità. Nel suo testamento del 1895, il fondatore del premio Alfred Nobel scrisse: “È mio espresso desiderio che nell’assegnazione dei premi non venga presa in considerazione alcuna affiliazione nazionale di alcun tipo, in modo che i più meritevoli ricevano il premio, sia che sia scandinavo o no.”

Anche così, i premi rimasero per lo più bianchi e maschili per la maggior parte della loro esistenza. Per i primi 70 anni, il premio per la pace si è spostato pesantemente verso i bianchi occidentali, con solo due dei 59 premi assegnati a individui o istituzioni con sede al di fuori dell’Europa o del Nord America.
Solo tre dei vincitori in quel periodo erano donne.

Il premio per la pace del 1973 condiviso da Le Duc Tho del nord del Vietnam e dall’americano Henry Kissinger ha allargato gli orizzonti: da allora più della metà dei premi Nobel per la pace sono andati a persone o istituzioni africane o asiatiche.

Dal 2000, sei donne hanno vinto il premio per la pace. Lunedì, la Royal Swedish Academy of Sciences annuncerà il Nobel in fisica martedì e in chimica mercoledì, mentre il Nobel per la pace sarà assegnato venerdì dal Comitato norvegese per il Nobel. L’8 ottobre, la Banca centrale svedese annuncia il vincitore del premio per l’economia, in onore di Alfred Nobel.

FONTE:  mail.com

Leave A Comment

Your email address will not be published.