Article Marketing

article marketing & press release

La classifica delle migliori Università di Giurisprudenza in Italia

Certamente uno dei fattori più interessanti per chi studia all’Università è quello di poter analizzare le classifiche degli Atenei dove si studia meglio, dove si trova più lavoro e così via. Così anche vedere le Facoltà che in Italia offrono la migliore didattica è certamente importante.

A tal proposito oggi analizzeremo la classifica delle migliori facoltà di Giurisprudenza in Italia, secondo quanto ha esposto nella sua classifica il Censis. Al primo posto troviamo l’Università di Macerata con un punteggio di 105; segue quella di Modena e Reggio Emilia con 101,5.

Alcuni Atenei che godono di ottima fama tra gli studenti si trovano in basso nella classifica; specialmente questo accade per le Università del sud come la Federico II di Napoli o gli Atenei, enormi, di Catania e Palermo. Tuttavia ciò non basta a declassarli come Università, essendo queste certamente molto valide.

Altre classifiche andrebbero certamente analizzate, come ad esempio quelle che piazzano nel lavoro il maggior numero di studenti. Ed eppure da questo punto di vista non ci sono ottime notizie per gli aspiranti giuristi, visto che le ricorrenti classifiche elaborate e rilasciate da Almalaurea piazzano la Facoltà di Giurisprudenza come tra le ultime per poter trovare un lavoro. Sarebbe certamente interessante analizzare il motivo di ciò: forse troppi studenti studiano in questa Facoltà ed è ovvio che poi si crei un surplus di offerta sul mercato del lavoro? Infatti è già da molto tempo che ci si chiede se sia opportuno, e a tal proposito esistono diversissimi punti di vista, inserire il numero chiuso in entrata, un pò come accade attualmente per Medicina e per tante altre facoltà.

E’ certamente vero che con la laurea in Giurisprudenza si possono fare tantissimi lavori, ma è altrettanto vero che i più scelgono di fare gli avvocati, taluni per vocazione, altri per non essere riusciti a trovare delle collocazioni più soddisfacenti. Alternativa è tentare i concorsi in magistratura e notariato, già di per sè molto complessi, e oggi lo sono ancora di più visto che ne fanno richieste tantissimi laureati (non avendo voglia o ispirazione per svolgere altre mansioni giuridiche).

In definitiva possiamo concludere che analizzare le classifiche delle Università migliori, sia per Giurisprudenza che per le altre facoltà, non è certamente tempo perso. Esso serve per scegliere oculatamente la propria Università, che è una delle scelte più importanti per la propria vita futura. Fare gli avvocati è certamente un bellissimo lavoro ma molti cercano occupazioni più stabili e durature che spesso il mercato del lavoro, complice forse una legislazione non proprio favorevole in materia, non offre. Bisognerà aspettare tempi migliori, dunque. In attesa che questi arrivino bisogna fare di necessità virtù; scegliete la migliore Università per voi senza però tralasciare le vostre passioni e le vostre attitudini. Questo è quanto di meglio possiate fare per il vostro futuro. Chi ben comincia è a metà dell’opera, si dice. E’ così anche in questo caso.

Leave A Comment

Your email address will not be published.