Article Marketing

article marketing & press release

Nave Acquarius bloccata a Marsiglia a causa della revoca della bandiera

Nave Acquarius bloccata a Marsiglia a causa della revoca della bandiera. Operazioni di salvataggio migranti impossibili

L’ultima nave di ricerca privata nel Mediterraneo non è in grado di navigare, con gli attivisti che incolpano le pressioni del governo italiano.

 Più di 1.700 vite sono state perse nel pericoloso attraversamento del mare dal Nord Africa verso l’Europa dall’inizio del 2018.
Fotografia: Nicoló Lanfranchi per The Guardian

Una ricerca disperata è in corso per un paese disposto a emettere una bandiera per l’Acquarius, l’ultima nave civile di salvataggio dei migranti operante nel Mediterraneo, dopo che la sua bandiera panamense è ufficialmente scaduta questa settimana.

L’Acquarius non è in grado di navigare senza bandiera e ora è bloccata a Marsiglia, dando inizio a un effettivo blackout soccorsi migranti nel Mediterraneo, senza navi oltre alla guardia costiera libica che effettua operazioni di ricerca e soccorso.

“Siamo in una corsa contro il tempo per trovare un altro stato disposto a rilasciare una bandiera per l’Acquariius”, ha detto Sophie Beau, co-fondatrice di SOS Méditerranée, l’organizzazione che gestisce la nave a fianco di Medici senza frontiere (MSF).

“La nostra grande paura è che diventeremo effettivamente una nave pirata e perderemo la nostra assicurazione. Al momento abbiamo trovato uno stopgap a breve termine, con la Liberia che ci ha emesso una bandiera temporanea, ma questo non ci consente di condurre missioni di salvataggio e sappiamo che le persone stanno affogando in mare senza alcun aiuto per loro. Non riposeremo finché non troveremo una soluzione a questo “.

L’acquarius è diventata un punto focale per le politiche anti-migrazione in rapido movimento che sono state lanciate dal governo italiano, guidato dal ministro degli interni, Matteo Salvini. Lo scorso giugno, l’Acquarius è stato costretta a fare una deviazione in Spagna dopo che gli è stato negato il permesso di attraccare nei porti italiani e maltesi per sbarcare centinaia di migranti che aveva salvato in mare.

Gibilterra e Panama hanno da allora revocato le loro bandiere per l’Acquarius, le mosse che SOS Mediterranée e MSF denunciano come un risultato diretto della pressione politica ed economica italiana.

“A Panama è stato riferito che si rilascerà la nave con una bandiera solo se si  interrompono le operazioni di ricerca e soccorso”, ha affermato Beau.

“Questo è effettivamente un ricatto perpetrato dagli stati di bandiera a causa di minacce politiche ed economiche volte a garantire che non si possa tornare ad operare”.

Salvini ha negato che il suo governo fosse dietro la decisione di declassare l’Acquarius, dicendo in un tweet che non conosceva il prefisso internazionale per Panama.
Fonte: https://twitter.com/matteosalvinimi/status/1043936716522967045?lang=en

L’anno scorso c’erano 10 navi di soccorso civili operative in mare, che raccoglievano quasi la metà di tutti i migranti soccorsi nel 2017. Fino a questa settimana l’Acquarius era l’unica nave operativa rimasta, con la de-flagging che ora ha effettivamente chiuso tutte le operazioni umanitarie nel Mediterraneo.

Acquarius Medici senza Frontiere
Secondo l’ONU, c’è stato un forte aumento nel numero di persone che muoiono durante il tentativo di effettuare la pericolosa traversata dall’Africa settentrionale verso l’Europa quest’anno. Più di 1.700 vite sono già andate perse dall’inizio del 2018, in gran parte a causa della ridotta capacità di ricerca e soccorso.
Fonte: https://www.unhcr.ca/news/unhcr-iom-mediterranean-sea-deaths/

La guardia costiera libica ora gestisce le restanti navi di ricerca e soccorso operative nel Mediterraneo e non ha la capacità di far fronte alla portata della necessità, secondo le agenzie umanitarie.

“Sappiamo che la guardia costiera libica non ha le attrezzature giuste, non ha giubbotti di salvataggio o l’esperienza per condurre operazioni di salvataggio delicate e complicate, e non ha la capacità di coprire l’intera area di ricerca e soccorso”, ha detto Beau .

“Abbiamo visto noi stessi che spesso non rispondono alle chiamate di soccorso. Ci sono spesso momenti di panico quando le persone vedono arrivare la guardia costiera libica, che può causare incidenti pericolosi. Molti migranti ci hanno detto che preferirebbero morire piuttosto che essere riportati in Libia, dove sanno che dovranno affrontare estorsioni, violenze e detenzioni “.

Beau ha detto che la migliore opportunità della nave Acquarius è la Svizzera, dove una richiesta di bandiera è ancora in sospeso, ma che hanno fatto richieste anche ad altri stati europei.

“Aspettiamo urgentemente le risposte di questi Stati e speriamo di tornare in mare il prima possibile”, ha detto Beau. “È una politica criminale per l’ Europa permettere alle persone di morire in mare quando sappiamo che possiamo salvare queste vite. Se i paesi europei non sono in grado di fornire un quadro che ci consenta di adempiere ai nostri obblighi umanitari, ciò mina i principi fondamentali delle nostre democrazie e alla fine pagheremo tutti i costi politici “.

FONTE:  theguardian.com

Leave A Comment

Your email address will not be published.