Article Marketing

article marketing & press release

E-commerce, è il momento giusto per provarci!

Il dato economico principale di questo inizio 2015 è senz’altro il crollo del valore dell’Euro, rispetto a quello del Dollaro. Di conseguenza, le esportazioni sono diventate più facili, il petrolio costa molto di meno e, in generale, è diminuita la spesa per lo spostamento delle merci.
Un settore che, più di altri, sembra poter beneficiare di questa situazione è quello dell’e-commerce (o commercio elettronico), ossia della compravendita di merci su internet. Non che non godesse già di buona salute: solamente in Italia, nel 2014, le transazioni sono cresciute del 18%, per un giro d’affari di circa 14 miliardi di euro (e che comprende anche di molti clienti stranieri che si sono affidati a siti italiani).
L’avvicinamento del dollaro all’euro e il conseguente calo del costo del petrolio e dei costi di spedizione delle merci, potranno rappresentare un ottimo trampolino di lancio per chi desidera vendere online. Perciò, in questo 2015, i produttori dovranno essere molto bravi (e anche un po’ coraggiosi) nell’investire in questo settore.
In aggiunta, possiamo considerare anche il fascino del Made in Italy che, da sempre, caratterizza i prodotti del nostro paese. L’unione tra questo aspetto e la favorevole congiuntura economica può rivelarsi veramente vincente.
Vediamo adesso quali sono le principali tendenze che ci si attende nel mondo dell’e-commerce per i prossimi 12 mesi, che potrebbero risultare molto utili per chi ha deciso di intraprendere questa strada:

  1. Sicuramente aumenteranno le vendite via smartphone: nel 2014 sono state circa il 10% del totale, per il 2015 ci si attende una crescita all’incirca del 15%, dovuta in parte all’aumento degli store compatibili con i dispositivi mobili e in parte all’aumento delle dimensioni medie degli schermi.
  2. Le vendite dell’e-commerce in Italia sono divise così: prodotti 70%, servizi 30%. Data l’influenza che esercitano dollaro e petrolio, ci si attende un’importante crescita del commercio di prodotti.
  3. Il settore d’abbigliamento è in trend positivo ed è destinato a crescere ancora: se adesso rappresenta il 4% delle vendite totali online, si stima che possa raggiungere almeno il 6%.

Un ultimo cambiamento che vale la pena conoscere – e passato quasi inosservato – riguarda Google. Il principale motore di ricerca, infatti, tenderà sempre più a dare maggior visibilità ai siti compatibili con il mobile rispetto a quelli che non lo sono: un valido motivo per creare una pagina web ottimizzata e responsiva.
Allora? Siete pronti a prendere la palla al balzo? I consumatori si stanno dimostrando al passo coi tempi e con le nuove tecnologie, ora tocca a chi vuole vendere, alle aziende, ai grandi produttori: per essere all’altezza delle aspettative devono sfruttare i fattori economici favorevoli, mettendo a disposizione degli utenti portali semplici, efficaci e veloci.
Per informazioni e contatti:
SARA-NI
Corso Garibaldi 273 – 47121 Forlì (FC)
Tel. 348.0360671
Website: http://www.sara-ni.com/
Email: nicolucci.sara@libero.it

Leave A Comment

Your email address will not be published.