Article Marketing

article marketing & press release

Vacanze in Australia: Burocrazia e visto turistico eVisitor

Per poter entrare sul territorio australiano , è obbligatorio richiedere un visto prima di partire, infatti se si è sprovvisti del documento approvato non sarà consentito salire sull’aereo. Esistono numerose tipologie di visto, che variano a seconda di diversi parametri che vanno dal paese di origine del viaggiatore ai motivi del viaggio. Se si sta pianificando un viaggio in Australia è necessario capire qual è il visto adeguato alle proprie necessità, informandosi preventivamente sul tipo di visto per Australia prima di prenotare le strutture ricettive ed il volo.
La procedura di richiesta del visto per l’Australia dal luglio 2016 deve essere inoltrata esclusivamente online che semplifica e velocizza le domande ed i tempi di concessioneScriviamo ora una breve Guida per i visti turistici per l’Australia più importanti :
Visto per l’Australia Evisitor ( subclass 651):
Il visto turistico per l’Australia eVisitor è dedicato a tutti i cittadini di quei paesi che fanno parte della comunità europea ( tra cui gli italiani) i quali intendono recarsi in Australia per motivi turistici o di affari. Il visto eVisitor (subclass 651) da la possibilità di poter girare il paese come turista, fare visita ad amici e parenti che risiedono sul territorio, partecipare a colloqui di lavoro, conferenze, o ad allacciare collaborazioni commerciali. Da la possibilità di poter studiare ad esempio frequentando un corso d’inglese. Il visto eVisitor ha una validità di 1 anno con periodo di permanenza massima di 3 mesi per ogni soggiorno sul territorio australiano. E’ un visto individuale ed ogni singola persona deve farne richiesta compresi i bambini in fasce. Tra i principali requisiti da soddisfare per l’ottenimento della concessione dell’eVisitor c’è la necessità di non essere ammalati di tubercolosi al momento dell’arrivo in Australia e non vi sia presenza sulla fedina penale di reati che danno luogo ad una pena detentiva di almeno 12 mesi. Se si sta pensando di trasferirsi e vivere in Australia questo è il visto ideale, in quanto da la possibilità di poter assaporare lo stile di vita e la possibilità di una ricerca di lavoro futuro. Ma con l’eVisitor non è possibile assolutamente svolgere attività lavorativa ma solo del volontariato. Grazie ad un accordo tra Italia e Australia è possibile attivare l’assicurazione sanitaria italiana in Australia, basta recarsi alle usl di competenza e comunicare le date del viaggio.
Visto per l’Australia ETA
Ha le stesse caratteristiche del Visto eVisitor, ma la richiesta di un visto Australia ETA può essere inoltrata solo da cittadini di determinati paesi: Canada, Malesia, Hong Kong, Stati Uniti, Corea del Sud.
Per la richiesta di entrambi i visti turistici ETA ed eVisitor , possono essere seguite varie strade,. Quella ufficiale Governativa in cui ci si dovrà registrare al sito del dipartimento dell’immigrazione e effettuare la scelta tra le numerosissime tipologie di visto, oppure rivolgersi alle agenzie di viaggio o ad agenzie di servizi che con un costo aggiuntivo le quali seguono tutto l’iter burocratico ed al quale è possibile richiedere ogni tipo di informazione sul Visto Australia compresi gli obblighi doganali da rispettare e le procedure di ingresso. E’ previsto anche rimborso in caso che la richiesta viene rifiutata per qualsiasi motivo.

Leave A Comment

Your email address will not be published.