Article Marketing

article marketing & press release

Quando e come sterilizzare in autoclave

Sterilizzare è fondamentale in determinati ambienti, chi è del mestiere lo sa bene, grazie al vapore ad alta pressione ed una certa temperatura, si possono eliminare microorganismi che non andrebbero via con la sola disinfezione. Ma procediamo con ordine, il mezzo con cui la sterilizzazione avviene, si chiama Autoclave , il quale satura i materiali con il vapore, eliminando le spore batteriche, i protozoi, i prioni, i virus e i funghi presenti nei fluidi.
Viene utilizzato in molti ambienti, anche se noi non lo vediamo, sulle superfici dei materiali, nei centri estetici e dal dentista, nella medicazione o nei mezzi di coltura, in laboratorio. Non esiste qualcosa come una “sterilizzazione parziale”, ecco perché è il mezzo più scelto da tutti, perché è il più sicuro.
Ma perché si preferisce la sterilizzazione alla disinfezione? Perché per la seconda utilizziamo generalmente prodotti chimici, prodotti che attaccano i germi e tutti i microorganismi presenti, ma nonostante ciò non riescono ad eliminarli del tutto e inoltre potrebbero rimanere in parte sul medesimo oggetto, andando ad influire negativamente su chi li utilizza e su chi verranno utilizzati determinati strumenti.
Anche se per completezza di informazione, va specificato che esistono dei prodotti chimici sterilizzanti che sono impiegati quando il calore potrebbe danneggiare i materiali. Ma nel complesso la sterilizzazione per calore umido tende ad essere più effettiva e perciò è il metodo preferito da tutti coloro che per mestiere devono utilizzare determinati strumenti, su più pazienti o clienti che dir si voglia.
Essi però difficilmente possono vedere questo meccanismo sugli attrezzi da lavoro, perché di certo la sterilizzazione non è un processo molto rapido. La durata a cui ogni attrezzo viene sottoposto, dipende dalla sua funzionalità specifica. La maggioranza dei microorganismi muoiono a temperature oltre 80ºC ma i prioni, richiedono temperature più elevate e tempi più lunghi per essere deattivati.
Va detto infatti che le autoclavi a calore umido operano ad un rapporto di tempo e di temperatura. Temperature più elevate sono necessarie per una morte più veloce dei microorganismi. Le temperature e pressioni impiegate più frequentemente in un autoclave a calore umido sono 115ºC e 10 psi, unità di misura che deriva dall’inglese e sta per “pound per square inch”, 121ºC e 15 psi e 132ºC e 27 psi. Quindi il tasso di mortalità è direttamente proporzionale alla quantità di microorganismi presenti per un tempo dato.
Le autoclavi a calore umido operano bene per vetreria, mezzi biologici, medicazione chirurgica, rifiuti a rischio biologico e molti altri. No c’è dubbio comunque che la sterilizzazione per vapore, produca un alto livello di sterilità, motivo per il quale è il modo più scelto anche dagli ospedali e nei laboratori. Il processo in autoclave per calore umido è il modo pi&u Sterilizzare è fondamentale in determinati ambienti, chi è del mestiere lo sa bene, grazie al vapore ad alta pressione ed una certa temperatura, si possono eliminare microorganismi che non andrebbero via con la sola disinfezione. Ma procediamo con ordine, il mezzo con cui la sterilizzazione avviene, si chiama Autoclave , il quale satura i materiali con il vapore, eliminando le spore batteriche, i protozoi, i prioni, i virus e i funghi presenti nei fluidi.
Viene utilizzato in molti ambienti, anche se noi non lo vediamo, sulle superfici dei materiali, nei centri estetici e dal dentista, nella medicazione o nei mezzi di coltura, in laboratorio. Non esiste qualcosa come una “sterilizzazione parziale”, ecco perché è il mezzo più scelto da tutti, perché è il più sicuro.
Ma perché si preferisce la sterilizzazione alla disinfezione? Perché per la seconda utilizziamo generalmente prodotti chimici, prodotti che attaccano i germi e tutti i microorganismi presenti, ma nonostante ciò non riescono ad eliminarli del tutto e inoltre potrebbero rimanere in parte sul medesimo oggetto, andando ad influire negativamente su chi li utilizza e su chi verranno utilizzati determinati strumenti.
Anche se per completezza di informazione, va specificato che esistono dei prodotti chimici sterilizzanti che sono impiegati quando il calore potrebbe danneggiare i materiali. Ma nel complesso la sterilizzazione per calore umido tende ad essere più effettiva e perciò è il metodo preferito da tutti coloro che per mestiere devono utilizzare determinati strumenti, su più pazienti o clienti che dir si voglia.
Essi però difficilmente possono vedere questo meccanismo sugli attrezzi da lavoro, perché di certo la sterilizzazione non è un processo molto rapido. La durata a cui ogni attrezzo viene sottoposto, dipende dalla sua funzionalità specifica. La maggioranza dei microorganismi muoiono a temperature oltre 80ºC ma i prioni, richiedono temperature più elevate e tempi più lunghi per essere deattivati.
Va detto infatti che le autoclavi a calore umido operano ad un rapporto di tempo e di temperatura. Temperature più elevate sono necessarie per una morte più veloce dei microorganismi. Le temperature e pressioni impiegate più frequentemente in un autoclave a calore umido sono 115ºC e 10 psi, unità di misura che deriva dall’inglese e sta per “pound per square inch”, 121ºC e 15 psi e 132ºC e 27 psi. Quindi il tasso di mortalità è direttamente proporzionale alla quantità di microorganismi presenti per un tempo dato.
Le autoclavi a calore umido operano bene per vetreria, mezzi biologici, medicazione chirurgica, rifiuti a rischio biologico e molti altri. No c’è dubbio comunque che la sterilizzazione per vapore, produca un alto livello di sterilità, motivo per il quale è il modo più scelto anche dagli ospedali e nei laboratori. Il processo in autoclave per calore umido è il modo più affidabile e veloce di sterilizzazione.
In conclusione possiamo dire, che si parla di Autoclave, quando si vuol parlare di una sterilizzazione ovvero una distruzione completa di tutti i microorganismi presenti. Essa funziona quasi come una pentola a pressione che impiega il vapore a pressione come agente sterilizzante.

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Copyright © 2017 www.article-marketing.eu - Tutti i diritti riservati - Powered by link UP Europe! P.IVA 09257531005
Associazione Culturale per l'uso didattico ed etico dell'informatica
Sede legale: Via Pietro Rovetti, 190 - 00177 - ROMA