ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ' active_time = 1516159025, active_ip = '54.242.250.208', ac' at line 2
---
REPLACE INTO it_active SET active_id = , active_time = 1516159025, active_ip = '54.242.250.208', active_user_agent = 'CCBot/2.0 (http://commoncrawl.org/faq/)', active_session = '3lfa9f9v40ibps9c5p1pm41ps6'
---
ERROR: You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3
---
SELECT * FROM it_comments, it_users WHERE user_id = comment_author_id AND comment_topic = 87547 AND comment_type = 'articles' AND (comment_state = 1 OR comment_author_id = ) ORDER BY comment_date ASC
---
You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near ') ORDER BY comment_date ASC' at line 3 Ristorante Amabile “Passione e Tradizione”

Article Marketing

Articoli, recensioni e comunicati stampa

Ristorante Amabile “Passione e Tradizione”

Inviato da: Ufficiostampasema | Visite totali: 0 | Numero di parole: 625 | Data: 5-10-2015 - 4:34 PM






A Cercola, serata di presentazione del nuovo progetto di Bruno Aragno, Marco De Cesare e Umberto Salvo, tra assaggi di gusto tra tradizione e innovazione.

A Cercola, alle porte del Parco Nazionale del Vesuvio, il Ristornate Amabile ha presentato il nuovo brand “Passione e Tradizione”, nel corso di un’esclusiva serata tenutasi lo scorso mercoledì 30 settembre. Un nuovissimo progetto gastronomico, che guarda all’attualità della ristorazione strizzando l’occhio alla tradizione, in cui Bruno Aragno, food & beverage manager di più che consolidata esperienza, si associa a Marco de Cesare, cuoco formatosi alla scuola dei piatti più autentici della cucina tradizionale campana, e a Umberto Salvo, pizzaiolo che perpetua un’arte tramandata da più generazioni all’interno della storica famiglia napoletana. L’intento è quello di dar vita ad un locale che possa diventare punto di riferimento per quanti vedono nel cibo un’esperienza di gusto da vivere con tutti e cinque i sensi. Cultura enogastronomica, selezione accurata di materie prime, dal territorio campano e meridionale in generale, preparazioni attentamente elaborate, presentazioni originali e ben curate, anche con accostamenti di profumi e sapori inediti, ma sempre intonati, sono le principali chiavi di lettura del progetto. L’idea dei tre soci è quella di riproporre la tradizione, con i prodotti da sempre protagonisti della cucina della Campania interpretati secondo le nuove suggestioni della buona tavola. “Innoviamo”- dice Marco De Cesare - “ma senza stravolgere la materia prima. I sapori devono essere riconoscibili, anche quando la presentazione osa nuove combinazioni olfattive e cromatiche, ma sempre senza esagerazioni.” Un posto di rilievo nel progetto occupa la pizza, realizzata con l’utilizzo esclusivo della Farina Caputo, resa morbida da una lievitazione molto lenta e stuzzicante grazie a farciture che spaziano dalla semplicità della marinara alla complessità della pizza battezzata “E MO BAST’”, con bianchetti, provola di Agerola, scaglie di Provolone del Monaco. “La Cetara, l’Amabile”, - racconta Umberto Salvo, che nel corso della serata viene insignito della medaglia di Senatore della Pizza Napoletana dal presidente dell’APN Sergio Miccù - “sono solo alcune delle variazioni sul tema che mi piace mettere in atto”. La serata, cui hanno preso parte giornalisti, food blogger, emittenti televisive, ma anche autorità locali e del territorio, curiosi di conoscere questa nuova realtà imprenditoriale che, attiva da pochi mesi, già fa parlare di sé, è stata articolata in un percorso tra sapori e scoperte eno-gastronomiche. Si è cominciato con una grande varietà i aperitivi: dal fritto tradizionale al sushi partenopeo, un involtino di alga ripieno di riso con salsiccia e “friarielli”. A seguire, pasta e patate con baccalà e ravioloni con mozzarella di bufala, burro d’acciughe e fiori di zucca. Il baccalà è stato, inoltre, protagonista di diverse interpretazioni: un delizioso baccalà mantecato, baccalà in tempura, delicatissimo, e uno spettacolare baccalà in guazzetto di pomodorini del piennolo e olive di Gaeta. Ad accompagnare il tutto un Falerno bianco del Massico di Cantina Collefasani e un Falerno di Primitivo. Si chiude in dolcezza con la collaborazione del Maestro Pasticciere Sabatino Sirica (www.lucianopignataro.it) della pasticceria Sirica di San Giorgio a Cremano, selezionata dal Gambero Rosso che ha proposto la sua torta simbolo, con crema chantilly e fragoline, sfogliatelle e babà “inzuppati” al momento. A presentare la serata, Maddalena Venuso, dell’Associazione Culturale Terre di Campania.

Note sull'autore

Commenti

Nessun commento postato.

Scrivi un commento

Per poter commentare devi prima effettuare il login.
Copyright © 2018 www.article-marketing.eu - Tutti i diritti riservati - Powered by link UP Europe! P.IVA 09257531005
Associazione Culturale per l'uso didattico ed etico dell'informatica
Sede legale: Via Pietro Rovetti, 190 - 00177 - ROMA