Article Marketing

article marketing & press release

Portantica: porte e portoni vecchi ed antichi

Da qualche anno oramai, chi ristruttura (ma anche chi edifica), cerca per la Sua vecchia casa, cascina o rustico, perlomeno una vecchia o antica porta, vuoi per chiudere un passaggio tra ambienti, vuoi per realizzare, senza usare un mobile, una piccola dispensa-credenza a muro nell’anticucina (stipo). La domanda di questo tipo di porte vecchie ed antiche è sempre piu’ in crescita e l’offerta diminuisce; lo dimostra anche il fatto che  sempre piu’ persone si accingono spesso a salvare, cioe’ a restaurare, o a laccare a mano, vecchie porte malandate, tarlate, con il buco in basso, tipico del calcione dato per bussare o aprire o far uscire il gatto, porte che se ben restaurate, cosi’ come si dovrebbe restaurare un bel mobile, con i criteri del restauro classico conservativo ed un occhio attento alla non tossicita delle sostanze usate, divengono dei veri e propri complementi di arredo di esclusivo sapore e che strappano il sorriso.Portantica di Vittorio Tortora, a Vignola in provincia di Modena, è una ditta individuale che si occupa di questo certosino restauro,recupero,acquisto e vendita;in mezzo alle colline dalle quali ci giunge il  Lambrusco, l’Aceto Balsamico, i Tortellini, il Nocino, troviamo anche chi si occupa di sole porte e portoni vecchi ed antichi, di ante, antine, stipi murali, di laccatura artistica di porte(alla veneziana) con  quella artistica anticatura delle eventuali nuove dipinture e coloriture  tali da risultare come veramente antiche! Poi li’ si imparano cose fantastiche, tipo che oramai signore e signorine usano i vecchi portoni e portoncini non piu’ all’esterno,ma all’interno, si’ stupendamente come porta di una cucina magari rustica che da’ su una sala! Oppure che con un’anta di un portone posizionato in orizzontale  e fissato alla parete si puo’ realizzare  una splendida testiera di letto,peraltro molto escusiva, irripetibile! O  ancora che  la stessa anta  puo’ divenire  il piano di un tavolinetto da mettere davanti alla tele opportunamente sollevato ed innalzato da terra con supporti in ferro disegnati da Voi! Ma non solo! Con delle vecchie porte si possono  realizzare delle quinte di separazione  che delimitino due ambienti.Con una vecchia  anta  in legno consumato si puo’,pregevolmente restaurato,arredare una parete di una tavernetta o di una cucina!E’ un po’ la logica del riutilizzo di oggetti che in origine sono nati con uno scopo ed ora ne avranno un’altro, peraltro, fantasioso e divertente.I l titolare, con disponibilita’, ed a titolo gratuito, potra’ darvi anche quei suggerimenti necessari per la collocazione di queste porte vecchie ed antiche che generalmente non  si fissano a muro con  sembrani o contorni porta,ma con guerci in ferro murati direttamente, oppure consigli sul tipo di porta da collocare nei vari ambienti ,oppure ancora sul tipo di finitura (a laccatura o legno a vista) piu’ idonea per  la porta e per  l’ambiente. Una porta laccata, o per meglio dire rilaccata, puo’ presentare anche le vostre iniziali dipinte sulle formelle ed è una personalizzazione  aggiuntiva ed esclusiva che puo’ caratterizzare, oltreche’ con l’artisticita’ ed artigianalita,la porta stessa.Spesso sono aperti anche di domenica,percio’ … andateci è veramente interessante e se amate queste cose,Vi diverterete.

Portantica di Tortora Vittorio via per Spilamberto 610,41058-Vignola (Mo)  059776633/3282733083   

 

Leave A Comment

Your email address will not be published.