Article Marketing

article marketing & press release

Vento di Mare; un po’ di storia

Il ristorante fondi Vento di Mare sorge in un luogo ricco di storia. Le origini di questo piccolo centro vanno ricercate in un’epoca remota, nel lontano 1200 quando la Contea di Fondi era un centro di sviluppo artistico e culturale; ciò grazie alle famiglie che ne entrarono in possesso nel corso degli anni. Sotto il dominio aragonese del VI sec, venne concessa in feudo prima ai Colonna e successivamente alla famiglia Di Sangro. Quei Di Sangro che tanta importanza avranno nella Napoli capitale grazie anche all’ingegno del loro erede Raimondo. Devastata da due saccheggi ad opera dei Saraceni nella prima e seconda metà del VI sec, perse la sua importanza di centro artistico iniziando lentamente il suo declino. Inoltre, chi si reca oggi nella villa per cerimonie fondi , difficilmente immagina che a ciò si aggiunse un’epidemia di malaria, provocata ed alimentata dalle acque stagnanti di cui l’area era ricca, e che nel 1600 provocò la scomparsa di gran parte della popolazione riducendo la zona ad una landa deserta. Dal 1700 in poi, divenne la riserva di caccia dei nobili che continuarono a dominare nei secoli la città di Fondi, chiamandola più spesso Bosco del Principe o Isola del Salto. Quella che è oggi una villa per ricevimenti fondi , fu una casa colonica di proprietà della Famiglia Bisleti. Quando i suoi attuali proprietari decisero di rilevarla e di trasformarla nella tenuta che è oggi, si trovarono di fronte un vecchio ma imponente rudere che sicuramente avrà vissuto in primo piano gli avvenimenti di questi secoli. Deturpata anche da una bomba risalente alla Seconda Guerra Mondiale, non ha perso il suo carattere rustico e la sua bellezza.
Il ristorante fondi Vento di Mare sorge in un luogo ricco di storia. Le origini di questo piccolo centro vanno ricercate in un’epoca remota, nel lontano 1200 quando la Contea di Fondi era un centro di sviluppo artistico e culturale; ciò grazie alle famiglie che ne entrarono in possesso nel corso degli anni. Sotto il dominio aragonese del VI sec, venne concessa in feudo prima ai Colonna e successivamente alla famiglia Di Sangro. Quei Di Sangro che tanta importanza avranno nella Napoli capitale grazie anche all’ingegno del loro erede Raimondo. Devastata da due saccheggi ad opera dei Saraceni nella prima e seconda metà del VI sec, perse la sua importanza di centro artistico iniziando lentamente il suo declino. Inoltre, chi si reca oggi nella villa per cerimonie fondi , difficilmente immagina che a ciò si aggiunse un’epidemia di malaria, provocata ed alimentata dalle acque stagnanti di cui l’area era ricca, e che nel 1600 provocò la scomparsa di gran parte della popolazione riducendo la zona ad una landa deserta. Dal 1700 in poi, divenne la riserva di caccia dei nobili che continuarono a dominare nei secoli la città di Fondi, chiamandola più spesso Bosco del Principe o Isola del Salto. Quella che è oggi una villa per ricevimenti fondi , fu una casa colonica di proprietà della Famiglia Bisleti. Quando i suoi attuali proprietari decisero di rilevarla e di trasformarla nella tenuta che è oggi, si trovarono di fronte un vecchio ma imponente rudere che sicuramente avrà vissuto in primo piano gli avvenimenti di questi secoli. Deturpata anche da una bomba risalente alla Seconda Guerra Mondiale, non ha perso il suo carattere rustico e la sua bellezza.
Il ristorante fondi Vento di Mare sorge in un luogo ricco di storia. Le origini di questo piccolo centro vanno ricercate in un’epoca remota, nel lontano 1200 quando la Contea di Fondi era un centro di sviluppo artistico e culturale; ciò grazie alle famiglie che ne entrarono in possesso nel corso degli anni. Sotto il dominio aragonese del VI sec, venne concessa in feudo prima ai Colonna e successivamente alla famiglia Di Sangro. Quei Di Sangro che tanta importanza avranno nella Napoli capitale grazie anche all’ingegno del loro erede Raimondo. Devastata da due saccheggi ad opera dei Saraceni nella prima e seconda metà del VI sec, perse la sua importanza di centro artistico iniziando lentamente il suo declino. Inoltre, chi si reca oggi nella villa per cerimonie fondi , difficilmente immagina che a ciò si aggiunse un’epidemia di malaria, provocata ed alimentata dalle acque stagnanti di cui l’area era ricca, e che nel 1600 provocò la scomparsa di gran parte della popolazione riducendo la zona ad una landa deserta. Dal 1700 in poi, divenne la riserva di caccia dei nobili che continuarono a dominare nei secoli la città di Fondi, chiamandola più spesso Bosco del Principe o Isola del Salto. Quella che è oggi una villa per ricevimenti fondi , fu una casa colonica di proprietà della Famiglia Bisleti. Quando i suoi attuali proprietari decisero di rilevarla e di trasformarla nella tenuta che è oggi, si trovarono di fronte un vecchio ma imponente rudere che sicuramente avrà vissuto in primo piano gli avvenimenti di questi secoli. Deturpata anche da una bomba risalente alla Seconda Guerra Mondiale, non ha perso il suo carattere rustico e la sua bellezza.

Leave A Comment

Your email address will not be published.