Article Marketing

article marketing & press release

Disastro ambientale in Siberia: 21 milioni di litri di gasolio nell’Artico

Disastro ambientale in Siberia: 21 milioni di litri di gasolio nell’Artico

“La più grande fuoriuscita di petrolio nell’Artico.” 180 mila metri quadrati di terreno annegati nel gasolio

Dal sito sibreal.org (siberia). Il più grande disastro ambientale oltre il circolo polare artico si è verificato nell’Artico russo. Oltre 21 milioni di litri di gasolio, che si spostano nel mare di Kara, sono stati versati dal serbatoio del CHPP-3 dello stabilimento metallurgico di Nadezhda. Per almeno due giorni le conseguenze dell’incidente non sono state eliminate e la sua portata è stata messa a tacere e minimizzata. Un’emergenza federale è stata introdotta a Norilsk. Gli osservatori affermano che la società Norilsk Nickel non consente agli ispettori di visitare le sue strutture e che le competenze necessarie vengono semplicemente acquistate.

Sul territorio della centrale termoelettrica di proprietà di Norilsk Nickel, c’erano tre serbatoi di acciaio con prodotti petroliferi di 30 mila metri cubi ciascuno. Sono stati previsti in caso di arresto di emergenza della stazione dalla fornitura di gas. Due di loro erano pieni a metà. E nel terzo, il più grande, c’erano 21.163.000 litri di gasolio. Da un buco in questo serbatoio, che aumentava ogni ora,  il carburante è iniziato a defluire il 29 maggio, finendo nei fiumi Daldykan e Ambarnaya.

Un auto ha preso fuoco a causa del carburante diesel rovesciato  – l’autista è riuscito a salvarsi. È iniziato un incendio, che è stato spento dopo diverse ore. Il serbatoio, da cui proveniva il gasolio, fu ricostruito in URSS.

L’articolo continua dopo l’immagine





I costruttori sovietici negli anni ’80 del secolo scorso hanno messo una gigantesca botte d’acciaio alta sette metri e circa della stessa larghezza, dice Igor Shkradyuk, coordinatore del programma di controllo e aggiornamento delle attrezzature industriali, esperto del Consiglio pubblico del Ministero delle risorse naturali.
Il fondo del serbatorio era attaccato a una fondazione in cemento, che si erge sul permafrost (base terreno normalmente gelato). Ma il permafrost si stava sciogliendo. La metà delle case di Norilsk viene distrutta dal disgelo del permafrost.
Una cosa simile è accaduta con le fondamenta su cui sorgeva il serbatoio più grande. Il permafrost si è sciolto. La lastra di cemento ha  perduto il suo sostegno: il suo pezzo si è staccato e trascinò il fondo del serbatoio dietro di se. Si formò un buco attraverso il quale il gasolio passava.
Notato ma  non immediatamente segnalato. La società non disponeva di alcun dispositivo di monitoraggio, ad esempio non vi era alcun allarme sul terreno. L’allarme sul livello dei prodotti petroliferi non ha funzionato. Sfortunatamente, Norilsk Nickel non ha mai instaurato una sorta di relazione con gli organismi di controllo – semplicemente non sono ammessi nell’azienda.

Tende EMERCOM - Fuoriuscita gasolio a Norilsk in SiberiaTende EMERCOM della Russia nel sito della fuoriuscita di gasolio a Norilsk – Credits TASS

In epoca sovietica, lo studio delle proprietà del ghiaccio è stato condotto da scienziati specializzati nella termica del ghiaccio – l’industria idraulica sul regime del ghiaccio e del regime termico dei corpi idrici. In speciali zone artiche naturali, furono creati i cosiddetti laboratori permafrost. Uno di loro ha lavorato nello stabilimento di Norilsk Nickel, ma è stato chiuso diversi anni fa.

Il permafrost, su cui si trovano la città di Norilsk e le sue imprese, è stato costantemente rafforzato con l’aiuto di tubi di calore: hanno perforato il ghiaccio e martellato. Al loro interno c’erano tubi di calore, con l’aiuto dei quali rafforzavano il permafrost. Ma non c’erano simili tubi vicino ai serbatoi di gasolio dove si è verificato il disastro “, afferma Igor Shkradyuk.
Il controllo delle condizioni delle altre due botti in piedi accanto alla botte danneggiata non viene segnalato da nessun ente di controllo.

Il gasolio, che è fuoriuscito da sotto il fondo di un barile di metallo arrugginito, superò facilmente l’ennesima barriera protettiva: il “terrapieno”. Questo è il nome del fossato di protezione che normalmente circonda oggetti pericolosi in caso di perdite. Il video pubblicato sul social network mostra come il gasolio ha sfondato il pozzo di protezione con un ampio fiume: in un punto scorre in un flusso continuo e in un altro posto oltre il bordo.

Il gasolio fluì sulla strada, si riversò in un burrone e da lì verso i fiumi Daldykan e Ambarnaya, che hanno una forte corrente.

“L’incidente ha portato alla penetrazione di carburante nel suolo e neibacini idrici più vicini – il fiume Ambarnaya (che fornisce acqua ai residenti della regione di Kayerkan Norilsk), il lago e il fiume Pyasino, che sfocia nel mare di Kara” , ha affermato l’ Ufficio del procuratore generale . La lunghezza del fiume Pyasina è di 818 chilometri.

Il fiume Ambarnaya alimenta le acque sotterranee, che vengono utilizzate per rifornire la regione di Norilsk di Kayerkan, situata vicino al fiume omonimo (questo è il giusto affluente del fiume Ambarnaya) – per questo motivo, il suo approvvigionamento idrico centrale è stato minacciato.

Il gasolio scorre lungo il fiume. L’odore è insopportabile. Impossibile avvicinarsi. Il fiume del gasolio scorre oleoso. Ti preghiamo di fare rifornimento di carburante alle auto “, afferma il residente locale che ha registrato il video sul fiume Ambarnaya. Raccoglie un liquido marrone scuro dal fiume, lo incendia e si accende come la benzina.

Tutti i canali fluviali sono pieni di gasolio. E già rosso per la mescolanza di ferro e sostanze nocive, il fiume Daldykan divenne ancora più colorato di color mattone.

La fuoriuscita è avvenuta vicino a Kayerkan. Dal 1982 al 2005, era una città separata e ora è formalmente considerata il distretto di Norilsk “, ha dichiarato un residente locale Igor Abramovich . – Per quanto riguarda il fiume Daldykan, il suo colore rosso è già diventato familiare ai residenti locali.

Dove si trova Norilsk

Quando le autorità regionali hanno ricevuto informazioni sul disastro ambientale, queste non sono state diffuse in attesa di conferme.

“L’unità EMERCOM della Russia ha ricevuto informazioni sull’emergenza attraverso il GEPD solo il 31 maggio. Per tutto questo tempo l’impresa ha cercato di localizzare da sola le conseguenze della fuoriuscita”, ha dichiarato il capo EMERCOM Evgeny Zinichev il 3 giugno durante una teleconferenza con il presidente russo. “Il vero quadro è diventato chiaro solo dopo le informazioni sui social network”, ha dichiarato il governatore di Krasnoyarsk Alexander Uss.

L’articolo continua dopo l’immagine





Durante l’incontro, Putin è rimasto stupefatto dalle azioni del direttore generale della Norilsk-Taimyr Energy Company, Sergey Lipin, che non ha denunciato il disastro in tempo.

“Stiamo andando a conoscere le emergenze dai social network, o cosa? Va tutto bene con la tua salute?” ha chiesto Putin riferendosi a Lipin. Tuttavia, ha risposto che il messaggio sull’emergenza è stato trasmesso immediatamente alle autorità locali. Di conseguenza, i funzionari non sono stati in grado di fornire una spiegazione chiara del perché affrontare le conseguenze del disastro sia iniziato così tardi.

Trasporto attrezzaturre EMERCOM - Fuoriuscita gasolio a Norilsk in SiberiaTrasporto attrezzature EMERCOM della Russia lavora sul posto del gasolio

Nello stesso incontro con Putin, il governatore Alexander Uss e il capo della società, Sergey Lipin, hanno proposto di bruciare il gasolio versato e quindi eliminare le conseguenze del disastro ecologico.

“Non riesco a immaginare come bruciare così tanto carburante nella zona artica della Federazione Russa”, ha dichiarato Dmitry Kobylkin, ministro delle risorse naturali.

Putin ha incaricato le forze dell’ordine di affrontare tutte le incongruenze nelle testimonianze di funzionari e rappresentanti dell’impresa. Il maggiore azionista di Norilsk Nickel, Vladimir Potanin non ha partecipato alla riunione.

Lo stesso giorno, il 3 giugno, il comitato investigativo della Russia ha aperto diversi procedimenti penali in base agli articoli sui danni alla terra (Parte 1, Articolo 254 del Codice Penale della Federazione Russa), sulla violazione delle norme di protezione ambientale nel corso del lavoro (Articolo 246 del Codice Penale della Federazione Russa), articolo sull’inquinamento delle acque ( 250 del codice penale). Nell’ambito dell’indagine, Vyacheslav Starostin , capo dell’officina della turbina-caldaia del TPP-3, dove è avvenuto l’incidente, è stato arrestato come sospetto .
Si è  rifiutato di testimoniare.

“Amministrazione della regione rimasta a sistema feudale”

– Questa catastrofe ecologica non può essere corretta fino a quando un problema a lungo termine con la pianta di nichel Norilsk non viene risolto a livello globale. Terreno avvelenato, acqua. Emissioni di gas. Il fondo dei fiumi, coperto di fanghiglia tossica. Inoltre, il rilascio di due milioni di tonnellate di anidride solforosa.
Allo stesso tempo, Norilsk Nickel non paga per l’inquinamento ambientale, afferma l’attivista locale Gennady Poltorikhin, residente a Norilsk.  L’impianto dovrebbe avere strutture di trattamento reali, non villaggi di Potemkin , (sistemi utilizzati nel 700) che ora stanno lì come impianti di trattamento. La società non si sta sviluppando. Funziona secondo il principio residuo a quelle capacità rimaste dall’Unione Sovietica. Viene acquisita qualsiasi competenza. Norilsk Nickel è il più grande contribuente in Russia. Questo è uno stato in uno stato. La nostra città dipende completamente dalla società. L’amministrazione comunale, i deputati sono i protetti della società. Questa è una città del feudalesimo.

I residenti del territorio di Krasnoyarsk, sul cui territorio opera Norilsk Nickel, raccolgono le firme sotto una lettera a Vladimir Putin. “Le vere informazioni ci vengono nascoste sulla situazione delle fuoriuscite di petrolio al TPP-3 nella città di Norilsk. La vera scala della catastrofe è nascosta. Faremo danni enormi all’ecosistema Taimyr e all’Artico nel suo insieme”.
L’incidente mostra la lentezza e l’arretratezza del sistema di gestione russo. Sul sito web di Norilsk Nickel è scritto che, arrivato sulla scena dell’incidente, il primo vicepresidente della compagnia, Sergey Dyachenko, “ha escluso il fattore di negligenza operativa nella gestione del serbatoio, il controllo viene effettuato ogni due anni”. Apparentemente, non ci sono sensori nella struttura estremamente pericolosa e molto antica, in piedi sul permafrost in fusione, in grado di avvisare in tempo reale sul movimento della fondazione “, afferma Evgeny Simonov,coordinatore della coalizione Rivers Without Borders.

L’articolo continua dopo l’immagine





Il gasolio è continuato a fuoriuscire per quasi tre giorni, fino a quando non hanno  iniziato a bloccare il suo percorso. È stata bloccato proprio all’ingresso del lago a Pyasino ”, afferma l’attivista di Norilsk Gennady Poltorikhin.
Solo allora hanno informato il Ministero delle situazioni di emergenza, specializzato nella raccolta di perdite.
Poi hanno cominciato a raccogliere il gasolio: su 21 mila tonnellate di gasolio, solo 60 tonnellate sono state pompate.
I recinti del braccio installati sul letto del fiume principale non danno molto effetto.
Il gasolio, a differenza della benzina, affonda sul fondo e copre uniformemente tutto ciò che può coprire: piante, microrganismi, pesce, uova, avannotti, larve, insetti.
È difficile raccogliere prodotti petroliferi versati. Non ci sono strade da quelle parti. Puoi ottenere solo un veicolo fuoristrada o un elicottero. Le navi che potrebbero raccogliere carburante diesel a bordo ed eliminarle non potranno arrivare qui. Ora viene raccolto in container e si prevede di lasciarli qui fino all’inverno, quindi su veicoli fuoristrada per portarli fuori lungo la strada invernale. Ho pensato che fossero 18.000 barili. È quasi impossibile. Nei prossimi giorni inizia una tempesta sul lago Pyasino, il gasolio si mescola con l’acqua e vedremo le foto del lago più pulito.

La vegetazione unica della tundra muore: il muschio di renna, il cibo principale per i cervi domestici e selvatici, sarà riprodotto dopo 30 anni. Alla fine, morirà il più grande lago d’acqua dolce Taimyr Pyasino, il luogo di riproduzione dei pesci. C’è avvelenamento di pesci, morte di uccelli. La grande riserva artica, un’area naturale appositamente protetta, ha subito danni irreparabili. Laddove l’imbottigliamento ha colpito il terreno, dovrà essere ripristinato per altri dieci anni in modo che la vegetazione appaia in questo clima non caldo, che cresce male lì “, afferma Gennady Poltorikhin.

Secondo i regolamenti, in caso di perdita superiore a cinquemila tonnellate, viene introdotta una modalità di emergenza federale. Sfortunatamente, è stata annunciata un’emergenza a livello intercomunale. Sono stati persi giorni preziosi durante i quali una squadra di soccorso federale ha potuto localizzare la distribuzione di alcuni prodotti petroliferi ”, ha affermato Alexander Kolotov , direttore dell’organizzazione pubblica Plotina Krasnoyarsk.
Ora, più vicino alla foce del fiume Ambarnaya, hanno messo in piedi barriere che impediscono la penetrazione dei prodotti petroliferi nel lago Pyasino.

Tuttavia, secondo Alexander Kolotov, le barriere sono inefficaci: sono progettate per funzionare con petrolio greggio. Il gasolio è più tossico, i suoi composti – xilene, benzene, etilbenzene, toluene – reagiscono con l’acqua e si depositano sul fondo. L’inquinamento si è infiltrato nel lago Pyasino.

Questa è la più grande fuoriuscita di petrolio nell’Artico in questo millennio ha affermato Alexander Kolotov.

Venerdì, il capo del governo del territorio di Krasnoyarsk Yuri Lapshin in una sessione dell’Assemblea legislativa ha affermato che le tecnologie esistenti per la purificazione dell’acqua dal petrolio e dai prodotti petroliferi sono orientate verso i mari e i corpi idrici navigabili e non verso i fiumi. In “Norilsk, queste aree acquatiche non hanno carattere di spedizione, i veicoli di spedizione non possono adattarsi”, ha detto Lapshin, aggiungendo che ci sono solo due opzioni per eliminare le conseguenze del disastro: bruciare il gasolio versato, ma lo hanno già rifiutato. E pomparlo – per questo, bisognerebbe costruire un oleodotto. Nella stessa riunione, Lapshin ha accusato il Ministero delle Emergenze e la leadership dell’azienda di sminuire la portata dello stato di emergenza. “I primi rapporti ricevuti dal Ministero delle Emergenze in merito all’incidente al TPP-3 di Norilsk e ai commenti della Norilsk-Taimyr Energy Company (NTEC) non hanno fornito la scala di ciò che è accaduto”, ha detto Lapshin.

L’area di inquinamento dopo la fuoriuscita di carburante a Norilsk ammontava a 180 mila metri quadrati.

FONTE: sibreal.org/
IMMAGINI: Credits agezia TASS | AP
VIDEO: youtube.com

Leave A Comment

Your email address will not be published.