Article Marketing

article marketing & press release

Lo scrittore spagnolo Carlos Ruiz Zafón muore all’età di 55 anni

Lo scrittore Carlos Ruiz Zafón muore all’età di 55 anni

Lo scrittore Carlos Ruiz Zafón (Barcellona, ​​55 anni) è morto questo venerdì a Los Angeles, la città in cui viveva, come confermato da EL PAÍS da fonti della sua casa editrice. Zafón ha raggiunto il successo mondiale con The Shadow of the Wind , un libro che ha iniziato una tetralogia con il titolo The Cemetery of Forgotten Books , che si è chiuso nel 2016 con The Labyrinth of Spirits . L’autore aveva avuto il cancro per alcuni anni. “Oggi è un giorno molto triste per l’intero team Planeta che lo ha incontrato e ha lavorato per 20 anni, in cui è stata forgiata un’amicizia che trascende il campo professionale”, ha detto l’editore.

Nato il 25 settembre 1964 a Barcellona, ​​Ruiz Zafón visse la sua infanzia in un appartamento vicino alla Basilica della Sagrada Familia. Questo monumento e la sua città appaiono nelle pagine dei suoi libri, popolati da draghi, animali mitologici così amati da Ruiz Zafón che aiutano a generare l’aria del mistero narrativo, incorniciato sempre nella letteratura di genere che ha difeso così tanto ma senza attribuire. a uno in particolare. Interessato alla produzione cinematografica e audiovisiva, si è iscritto all’Information Science, una carriera che non ha terminato, e ha iniziato a lavorare in agenzie pubblicitarie come Dayax, Ogilvy o Tandem / DDB. Nel 1992, dopo aver lasciato il lavoro in quel momento, iniziò a scrivere il suo primo romanzo, Il principe della nebbia.(1993), che ha vinto il Premio Edebé per la letteratura giovanile, con una dotazione che andava a Los Angeles, California (USA), dove viveva dal 1994 con la sua famiglia.
Negli Stati Uniti ha vissuto combinando la sua opera letteraria con la scrittura di sceneggiature. In quest’ultima sfaccettatura è stato finalista per la Nicol Fellowship, una borsa di studio assegnata dall’Accademia di Hollywood.

L’articolo continua dopo l’immagine




Dopo aver iniziato nella letteratura giovanile, l’autore ha optato per la letteratura per adulti e ha presentato L’ombra del vent al Premio Fernando Lara, di cui è stato finalista nel 2000. Quell’anno lo scrittore Ángeles Caso ha vinto. con Un largo silencio , ma Planeta ha deciso di pubblicare il romanzo di Ruiz Zafón su insistenza di Terenci Moix, uno dei grandi difensori del lavoro dell’autore di Barcellona sin dalle sue origini. Poi è arrivato il successo – The Shadow of the Windè stato tradotto dallo spagnolo originale in oltre 50 lingue, ha venduto 10 milioni di copie, ha vinto numerosi premi ed è stato selezionato nella lista fatta nel 2007 da 81 scrittori e critici latino americani e spagnoli con i migliori 100 libri in spagnolo degli ultimi 25 anni – e una pausa di sette anni interrotta con The Game of the Angel (2008), che ha venduto 230.000 copie nel suo primo fine settimana. Il resto è storia. The Shadow of the Wind è un romanzo che tocca diversi generi e in cui il piccolo Daniel Sempere arriva dalla mano di suo padre nel cimitero dei libri dimenticati e prende, appunto, una copia di The Shadow of the Wind, scritto nella fiction da Julián Carax, un personaggio enigmatico.
Qualcuno sta bruciando le sue opere per cancellare la traccia. È Barcellona, ​​nel 1945, e questa scelta lascia il posto a un’indagine letteraria in cui Sempere scopre aspetti inquietanti della storia di Carax in una narrazione che mescola abilmente il genere fantasy con il mistero.

L’articolo continua dopo l’immagine

 

 




Zafón è entrato nella letteratura dopo il suo passaggio nel mondo della pubblicità e del cinema, a cui alla fine è tornato. È così che ha parlato del suo percorso letterario in un’intervista a EL PAÍS alla Feria de Guadalajara nel 2008, nel mezzo di un turbine di popolarità. “Come sceneggiatore, molto; di pubblicità, molto meno. La pubblicità era il mio primo lavoro, avevo 19 o 20 anni e sì, ho iniziato all’improvviso e sono finito come direttore creativo; Ho imparato molto e ho vissuto bene lì … Molti scrittori, come Don Delillo, hanno lavorato nella pubblicità perché suona in letteratura. Qui impari a vedere la lingua, le parole come immagini. È proprio come i romanzieri che sono stati giornalisti. Michael Connelly, un ragazzo a cui sono molto interessato, era un giornalista di corte a Los Angeles e senza questa formazione la sua letteratura sarebbe stata molto diversa, senza dubbio. Ma ciò che influisce sul mio lavoro e non si dice mai è il mio lavoro nel campo del cinema ”.

Il suo universo creativo ha sempre avuto la letteratura come fonte di ispirazione e contesto. Coloro che amano i libri, quelli che li odiano, quelli che li vendono riempiono le loro opere. Tuttavia, l’autore di The Shadow of the Wind non è mai stato molto presente nei circoli letterari, con i quali era critico. “Il presunto mondo letterario è l’1% letterario e il 99% mondiale”, ha detto.

FONTE: elpais.com
VIDEO: youtube.com

Leave A Comment

Your email address will not be published.