Article Marketing

article marketing & press release

Coronavirus: l’Italia ha ora un terzo delle morti nel mondo – rassegna stampa estera

Coronavirus: l’Italia ha ora un terzo delle morti nel mondo – rassegna stampa estera

Le ultime notizie sulla pandemia di coronavirus del mondo, che ha infettato oltre 190.000 persone e ucciso oltre 7.500.
La malattia COVID-19 provoca sintomi lievi o moderati nella maggior parte delle persone, ma i sintomi gravi sono più probabili negli anziani o in quelli con problemi di salute esistenti.
Più di 80.000 persone hanno recuperato finora, principalmente in Cina.

17 marzo 2020
L’Italia, la seconda nazione più colpita dopo la Cina nella pandemia di coronavirus del mondo, ha annunciato nuove cifre che mostrano che ha un terzo delle morti totali del mondo a causa del nuovo virus.
Martedì l’Italia ha aggiunto oltre 3.500 nuovi casi positivi, portando il suo totale a 31.506. Inoltre, altre 345 persone con il virus sono morte, portando il totale dei decessi in Italia a 2.503.
L’Italia, che ha la seconda popolazione più anziana del mondo dopo il Giappone, è esposta al virus che sembra essere molto più mortale per gli anziani e gli infermi.
Attualmente in Italia mancano le attrezzature mediche chiave come guanti protettivi e maschere.

“Quasi 1.700 operatori sanitari, o l’8% del totale dei casi di COVID-19 in Italia, sono stati infettati mentre si occupavano instancabilmente del numero crescente di pazienti gravemente malati che richiedevano un ricovero a lungo termine”, è stato riferito dalle autorità sanitarie.




La Spagna, la quarta nazione più colpita dalla pandemia di coronavirus del mondo, ha richiesto forniture mediche dalla Cina.

Il primo ministro Pedro Sánchez ha parlato martedì mentre Pechino stava preparando la sua prima spedizione di aiuti nel paese europeo, secondo l’ambasciata cinese a Madrid.
Sánchez ha affermato che la richiesta di aiuto cinese è stata fatta una settimana prima e che è stato un argomento di cui ha discusso martedì con il presidente cinese Xi Jinping.
Un portavoce dell’ambasciata cinese in Spagna ha affermato che Pechino stava preparando una spedizione di kit per test, maschere chirurgiche e occhiali di protezione. Il funzionario, che non è stato autorizzato a essere nominato nei media, ha affermato che anche la Cina “considera positivamente” l’invio di medici in Spagna.

La Spagna ha 11.309 infezioni confermate e ha visto 509 morti.

L’amministrazione Trump sta esortando le società di costruzioni statunitensi a donare agli ospedali i loro inventari di maschere di sicurezza e rinunciare a nuovi ordini mentre la nazione combatte la pandemia di coronavirus.
Il vicepresidente Mike Pence ha affermato che le maschere N95 monouso, progettate per filtrare il 95% delle particelle sospese nell’aria e comunemente utilizzate nel settore edile, sono “perfettamente accettabili” per l’uso ospedaliero.
Pence, che dirige la Task Force del Coronavirus della Casa Bianca, ha visitato il quartier generale del Minnesota di 3M, il produttore della maschera N95, all’inizio di questo mese per discutere dell’aumento della produzione.
Il generale e chirurgo Jerome Adams ha detto che l’americano medio non ha bisogno di uscire e comprare una maschera. Hanno sollecitato gli americani a lasciare le maschere per i professionisti medici.

Il Sudafrica afferma che una nave da crociera è stata messa in quarantena fuori dal porto di Città del Capo per precauzione dopo che un membro dell’equipaggio di una nave mercantile che ha condiviso un volo con alcuni passeggeri ha mostrato sintomi di coronavirus.
Il custode del porto statale Transnet afferma che il membro dell’equipaggio ha condiviso un volo del 9 marzo da Istanbul a Città del Capo con un collega e sei persone che sono salite a bordo della nave da crociera a Città del Capo, una delle principali destinazioni turistiche internazionali.
Il presidente Donald Trump e Mnuchin affermano inoltre, durante un briefing della Casa Bianca, di voler inviare assegni agli americani nelle prossime due settimane, nel tentativo di contenere l’impatto economico della pandemia. Negli Stati Uniti, oltre 4.660 persone sono state infettate dal virus COVID-19 e 95 persone sono morte.
Trump ha affermato che la salute pubblica degli americani e l’economia americana possono essere protette attraverso quelli che dice “sacrifici condivisi” e “cambiamenti temporanei”.




Il governo greco ha annunciato il divieto di viaggiare in Grecia per tutti i cittadini di paesi non appartenenti all’Unione Europea, che entreranno in vigore mercoledì.

Il presidente dello Sri Lanka ha suggerito che le elezioni parlamentari previste per il prossimo mese si terranno come previsto, nonostante un aumento del numero di pazienti COVID-19. Lo Sri Lanka ha segnalato 43 casi da marzo. 11. I partiti di opposizione hanno chiesto un rinvio delle elezioni.

La regina Elisabetta II britannica sta lasciando Londra e si dirige al Castello di Windsor per precauzione a causa della pandemia di coronavirus.
Buckingham Palace afferma che il monarca 93enne si sposterà al castello, 32 miglia (32 km) a ovest di Londra, giovedì, una settimana prima del solito per la festa di Pasqua.

Il torneo di calcio del campionato europeo di quest’anno è stato posticipato di un anno, ribadendo una tradizione domina la vita europea per un mese intero ogni quattro anni.
Il presidente UEFA Aleksander Ceferin afferma che la diffusione del coronavirus “rende il calcio e tutta la vita in Europa piuttosto difficili”.
La UEFA prevede di organizzare il torneo il prossimo anno dall’11 giugno all’11 luglio.
Il calcio europeo è chiuso e non è chiaro quando i giochi possano riprendere.

Il Brasile ha registrato la sua prima morte in relazione al nuovo focolaio di coronavirus, secondo il governo dello stato di San Paolo. Le autorità non sanno dove sia stato infettato il paziente. Il Brasile ha 234 casi confermati di virus, più della metà a San Paolo.

La Grecia ha annunciato nuove restrizioni nei campi dei migranti delle isole greche e della terraferma, al fine di combattere la diffusione del coronavirus.
Le misure includono la sospensione delle classi scolastiche e tutte le attività di gruppo per due settimane, nonché l’esclusione del personale non essenziale dai siti, molti dei quali sono gravemente sovraffollati. Altre misure includono test sanitari per i migranti appena arrivati ​​e la creazione di aree di isolamento nei campi.





Il governo britannico sta avvisando i suoi cittadini contro i viaggi internazionali non essenziali in qualsiasi parte del mondo per i prossimi 30 giorni.
Il segretario agli Esteri Dominic Raab afferma che con sempre più paesi che chiudono i propri confini, c’è il rischio che molti britannici rimangano bloccati.
Il governo ha riferito di aver portato a casa centinaia di britannici bloccati in Cina e in altri luoghi colpiti dallo scoppio, ma ha avvertito che d’ora in poi le persone sarebbero state rimpatriate solo “in circostanze eccezionali”.

Il centro finanziario cinese di Shanghai sta espandendo il numero di paesi i cui cittadini devono sottoporsi a regole di quarantena di 14 giorni per coprire i passeggeri che entrano in città da più paesi e regioni. I passeggeri che hanno viaggiato o vissuto in 16 paesi, 14 giorni prima di entrare a Shanghai, devono essere messi in quarantena a casa o in strutture designate, ha affermato il governo locale in una conferenza stampa.
I 16 paesi sono Repubblica di Corea, Italia, Iran, Giappone, Francia, Spagna, Germania, Stati Uniti, Regno Unito, Svizzera, Svezia, Belgio, Norvegia, Paesi Bassi, Danimarca e Austria.

Da mezzogiorno in Francia,  le pattuglie della polizia  fermano chiunque si trovi all’esterno per cercare di contenere il diffondersi del virus .
Dozzine di poliziotti si sono  schierati lungo gli Champs-Elysees alberati, le cui lussuose boutique erano chiuse ed i suoi ampi marciapiedi privi di acquirenti o amanti dei selfie.
Il governo francese ha ordinato il blocco  poichè il numero di casi di virus ha superato i 6.600, inclusi 148 decessi.
Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che a partire da martedì, alle persone sarebbe permesso di lasciare il posto in cui vivono solo per attività necessarie come fare la spesa, andare al lavoro o fare una passeggiata. Per la maggior parte delle persone, il nuovo coronavirus provoca solo sintomi lievi o moderati. Per alcuni può causare malattie più gravi.


Una coppia con le mascherine  cammina sul Trocadero vuoto vicino alla Torre Eiffel, a Parigi, martedì 17 marzo 2020.

La più grande provincia del Canada sta dichiarando uno stato di emergenza coinvolta dalla pandemia.
Il premier dell’Ontario Doug Ford afferma che sono proibiti tutti gli eventi organizzati di oltre 50 persone.
Ford afferma che tutti i ristoranti e bar saranno chiusi, tranne per il takeout o la consegna. Rimarranno aperti negozi di alimentari, farmacie, negozi d’angolo e mezzi pubblici.
Scuole, centri per l’infanzia e teatri sono chiusi anche nella provincia più popolosa del Canada.





Le nazioni africane stanno ricevendo due importanti contributi nella loro risposta al coronavirus.
Jack Ma, fondatore della società tecnologica cinese Alibaba, afferma che la sua fondazione donerà oltre 1 milione di kit di test. Sono 20.000 i kit di test per ciascuno dei 54 paesi dell’Africa mentre il coronavirus inizia a diffondersi nel continente.
Ma dice “non possiamo … presumere che questo continente di 1,3 miliardi di persone sfuggirà beato alla crisi”.
E Bloomberg Philanthropies ha annunciato un’iniziativa da 40 milioni di dollari per aiutare i paesi vulnerabili, in particolare in Africa.

La drammatica escalation britannica delle restrizioni sociali per combattere il COVID-19 è stata innescata da nuove prove scientifiche che suggeriscono che 250.000 persone nel Regno Unito e più di 1 milione negli Stati Uniti potrebbero morire se il paese non sopprimesse la diffusione del nuovo coronavirus.
Gli epidemiologi dell’Imperial College di Londra che hanno fornito consulenza al governo britannico hanno pubblicato un’analisi basata sui dati provenienti dall’Italia, il paese europeo più colpito con quasi 28.000 casi e 2.158 morti.
Hanno scoperto che una strategia di “mitigazione” – rallentando ma non arrestando la diffusione del virus e proteggendo gruppi vulnerabili come gli anziani – porterebbe comunque a un numero enorme di casi che potrebbero sopraffare il sistema sanitario.
Wuhan, la città al centro dell’epidemia di coronavirus in Cina, martedì ha registrato solo un nuovo caso,  i funzionari hanno dichiarato di ritenere che il paese cominci ad uscire della crisi. Pechino ha richiesto che tutti gli arrivi subissero 14 giorni di quarantena, ma non ha chiuso i suoi confini. Altre città cinesi hanno adottato misure simili, anche se le autorità lavorano per riavviare le industrie che sono fondamentali per le catene di approvvigionamento globali.

 

FONTE: mail.com | AP
IMMAGINI: mail.com | Associated Press

Leave A Comment

Your email address will not be published.