Article Marketing

article marketing & press release

George Floyd – Proteste in tutto il mondo per la sua uccisione negli USA

George Floyd – Proteste in tutto il mondo per la sua uccisione negli USA

I nemici dell’America soddisfatti per i disordini di piazza e hanno supportato la globalizzazione della lotta contro il razzismo.

8 giugno 2020
Si potrebbe contestare se l’America sia rimasta la “nazione indispensabile”, una frase diffusa nel 1998 da Madeleine Albright, allora segretaria di stato del paese. Ma è certamente ancora la nazione che non può essere ignorata, quella che, in un certo senso, imposta il clima politico a livello globale. Quindi, quando attraversa un trauma come lo è stato l’uccisione da parte della polizia di George Floyd, l’impatto si fa sentire in tutto il mondo. La morte di Floyd ha provocato proteste popolari in dozzine di paesi; è stata anche un’opportunità di rivalsa per i governi  nemici e dei rivali d’America, ed è stato un imbarazzo per i suoi amici e alleati.
Lo scorso fine settimana ci sonostate centinaia di proteste non solo in America, ma in tutto il mondo. Sabato, in Parliament Square a Londra, la più grande di molte manifestazioni in Gran Bretagna, decine di migliaia di persone hanno sfidato i divieti e il rischio di covid-19, che ha portato i ministri del governo a chiedere che le proteste venissero evitate. Hanno Gridato il nome di Mr Floyd, cantando “Black Lives Matter” e, di tanto in tanto, cadevano in ginocchio con un pugno chiuso sollevato verso il cielo.
La folla, straordinariamente giovane e di razza mista, indossava principalmente maschere ma non prestava attenzione ai vincoli di distanziamento sociale. Molti consideravano il pericolo rappresentato dal virus come prova del loro impegno nella causa antirazzista. I loro genitori o nonni potrebbero essere stati feriti o arrestati nella battaglia fuori dall’ambasciata americana che seguì una protesta contro la guerra del Vietnam nel marzo 1968.

Protestavano non solo contro la violenza da parte della polizia americana, o dal modo in cui il presidente Donald Trump gestiva i disordini, ma contro il razzismo.
Molti cartelli hanno elencato i nomi delle vittime nere della violenza poliziesca in Gran Bretagna, come Mark Duggan, un 29enne le cui sparatorie da parte della polizia a Londra nel 2011 hanno provocato rivolte diffuse. Hanno anche ricordato le vittime di altri crimini i cui autori non erano stati consegnati alla giustizia, come Belly Mujinga, un ferroviere deceduto per covid-19, presumibilmente dopo essere stato contagiato da un passeggero dei treni.

Anche in altri paesi, l’omicidio di George Floyd ha fatto risorgere vecchie preoccupazioni per il trattamento delle minoranze etniche da parte del sistema giudiziario. In Francia, ad esempio, i manifestanti hanno ricordato Adama Traoré, un giovane francese di origine maliana che è morto sotto la custodia della polizia nel 2016. E il Brasile domenica ha visto marce a livello nazionale contro il presidente Jair Bolsonaro e violenze della polizia contro i neri, tra cui l’uccisione accidentale di un ragazzo di 14 anni  a Rio de Janeiro il 18 maggio.

 




Altrove i rappresentanti di intere comunità hanno tracciato parallelismi tra la loro condizione e quella degli afro-americani. I palestinesi hanno visto echi del destino di George Floyd nelle sparatorie della polizia a Gerusalemme il 30 maggio di Iyad Halak, un 32enne con grave autismo, che apparentemente era stato scambiato per qualcun altro. In Australia, attivisti aborigeni hanno sottolineato che più di 400 indigeni sono morti sotto la custodia della polizia dal 1991, quando una commissione d’inchiesta, tenuta a indagare sul problema, ha formulato centinaia di raccomandazioni per promuovere la riconciliazione tra aborigeni e altri australiani. Lo slogan “Black Lives Matter” è stato adottato in Indonesia dagli indigeni delle province di Papua e Papua occidentale. Di pelle più scura di molti indonesiani, molti papuani si lamentano di una diffusa discriminazione e hanno un forte desiderio di indipendenza.

Che nessun paese sia completamente libero dal razzismo e la discriminazione potrebbe aver impedito ad alcuni politici di commentare i problemi dell’America. I suoi critici più forti, tuttavia, non hanno mostrato tale reticenza. Dopotutto, i leader americani raramente tirano i pugni.

La Cina, in particolare, adorava accusare l’America di ipocrisia. Il tempismo è stato toccante. Il 28 maggio il parlamento cinese ha preparato una proposta per imporre una legge sulla sicurezza a Hong Kong che l’America ha accusatodi  aver derubato il territorio dell’autonomia che gli era stata promesso.




Il 4 giugno ha segnato l’anniversario del massacro di Tiananmen nel 1989. Mike Pompeo, il segretario di stato americano, non scoraggiato dall’ironia secondo cui  l’America avesse ora più probabilità della Cina di schierare veicoli corazzati contro manifestanti pacifici nella sua capitale nazionale, ha commemorato il massacro di Tiananmen incontrandosi con veterani del movimento democratico cinese. Hu Xijin, redattore del Global Times , un tabloid controllato da un partito politico, ironizzava chiaramente ad attirare l’attenzione su queste coincidenze.

Su Twitter, ha invitato Pompeo a “stare con la gente arrabbiata di Minneapolis, proprio come hai fatto con la gente di Hong Kong ”.

I leader iraniani stanno speculando  sulla situazione americana per tutto ciò è possibile.

“Uno sbirro in ginocchio sul collo di un uomo di colore e lasciarlo soffocare a morte … è la natura del governo americano. Hanno fatto lo stesso in paesi come l’Iraq, l’Afghanistan e la Siria “, ha detto l’Ayatollah Khamenei, il leader supremo del paese, in un discorso televisivo. I leader autoritari altrove, ad esempio in Russia e Turchia, hanno fatto altrettanto per criticare l’America e , implicitamente, cercano di rivendicare la propria repressione. Persino la Corea del Nord, secondo molte valutazioni il regime più malvagio e dispotico del mondo, ha cercato di impadronirsi delle alture morali. “I manifestanti infuriati dai razzisti estremi affollano persino la Casa Bianca. Questo è la realtà negli Stati Uniti oggi “, ha affermato un portavoce citato nel quotidiano del partito al potere, Rodong Sinmun.

Gli amici e gli alleati d’America, al contrario, si sono trovati in una situazione difficile. Pochi vogliono antagonizzare l’America o il signor Trump. Così tanti hanno cercato rifugio per tenere la bocca chiusa. Boris Johnson, primo ministro britannico, per esempio, è stato insolitamente taciturno sulla questione. E Justin Trudeau, il suo omologo canadese, ha risposto a una domanda sulla gestione da parte di Trump degli eventi recenti con oltre 20 secondi di silenzio eloquente, prima di iniziare la sua risposta: “Tutti guardiamo con orrore e costernazione cosa sta succedendo negli Stati Uniti .. . ”, Prima di rivolgersi al razzismo e alla disuguaglianza in Canada.

D’altra parte, la pressione delle strade significa che i leader occidentali non possono ignorare il razzismo né in America né a casa. Una giovane generazione per la quale questo è diventato, insieme ai cambiamenti climatici e alla disuguaglianza sessuale, una delle grandi questioni politiche forzerà un esame di molti punti ciechi nazionali. Nella città portuale britannica di Bristol, ad esempio, i manifestanti hanno rovesciato una statua di Edward Colston, un mercante di schiavi del 17 ° secolo, e lo hanno gettato in un canale. E nei Paesi Bassi, il primo ministro, Mark Rutte, ha affermato di aver cambiato idea sulla sua precedente difesa della tradizione “Zwarte Piet” apprezzata da molti olandesi: quando Babbo Natale visita il paese ogni dicembre, è accompagnato da “nero Petes “, aiutanti interpretati da bambini o adulti vestiti di nero, grandi labbra rosse e parrucche ricci.

La pandemia ha segnato una pausa nell’ondata di movimenti di protesta non coordinati ma simultanei che hanno attraversato gran parte del mondo lo scorso anno. Sembrano riprendere, iniziando in America. La sua posizione di unica superpotenza potrebbe essere minacciata. Ma le sue agonie politiche influenzano ancora l’opinione pubblica in tutto il mondo.

FONTE: www.economist.com

 

Leave A Comment

Your email address will not be published.