Article Marketing

article marketing & press release

Covid-19 – La Svezia ha la più alta percentuale al mondo di mortalità

La Svezia ha registrato il maggior numero di morti per coronavirus in Europa pro capite nell’ultima settimana, secondo i dati di Oxford

IMMAGINE IN EVIDENZA: Un grande adesivo dei servizi sanitari della Svezia è stato posizionato sul marciapiede a Stoccolma per indicare alle persone di rimanere a 2 metri di distanza. JONATHAN NACKSTRAND / AFP via Getty Images

  • La Svezia ha registrato il maggior numero di decessi per coronavirus in Europa pro capite nell’ultima settimana, secondo i dati di Our World In Data , una pubblicazione di ricerca online con sede presso l’Università di Oxford.
  • La Svezia non ha mai emesso un blocco formale del coronavirus e ha invece incoraggiato i cittadini a rimanere a casa quando sono malati e a mantenere le distanze sociali quando sono in pubblico.
  • Johan Giesecke, ex capo epidemiologo svedese, ora consigliere per la salute presso l’Organizzazione mondiale della sanità, ha dichiarato a Business Insider che, sebbene la politica rilassata della Svezia non avesse ancora avuto successo nel frenare l’epidemia di COVID-19, lo avrebbe fatto in futuro.

La Svezia ha registrato il maggior numero di decessi per coronavirus in Europa pro capite nei sette giorni che si sono conclusi martedì, secondo i dati di Our World In Data , una pubblicazione di ricerca online con sede presso l’Università di Oxford.

I dati, riportati per la prima volta da Reuters , indicano che la Svezia ha registrato in media 6,25 decessi al giorno per milione di persone a causa del virus nell’ultima settimana.

Comparativamente, il Regno Unito ha registrato una media di 5,75 decessi al giorno per milione di persone nello stesso periodo di sette giorni, il Belgio in media 4,6, la Francia in media 3,49 e l’Italia in media 3.

Mentre la Svezia ha registrato un numero di casi di coronavirus molto inferiore rispetto a paesi più popolati come l’Italia e la Germania, il suo bilancio delle vittime del coronavirus pro capite è tra i più alti al mondo .

L’articolo continua dopo l’immagine




La Svezia non ha mai emesso un blocco formale in risposta alla pandemia di coronavirus. Invece, il modello di coronavirus del paese si basa sulla responsabilità personale e incoraggia i cittadini a rimanere a casa quando sono malati e a mantenere le distanze sociali quando sono in pubblico. La maggior parte delle aziende, dei ristoranti, dei bar e delle scuole sono rimaste aperte, anche se alla fine di marzo sono stati banditi incontri di oltre 50 persone .

Johan Giesecke, ex capo epidemiologo svedese, ora consigliere sanitario dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha difeso la politica svedese e ha affermato che i blocchi a livello nazionale ritardano semplicemente l’inevitabile numero di casi e decessi di coronavirus.

“C’è molto poco che possiamo fare per prevenire questa diffusione”, ha scritto in un pezzo in un articolo per  la rivista scientifica Lancet all’inizio di questo mese.

“Un blocco potrebbe ritardare i casi gravi per un po ‘, ma una volta alleviate le restrizioni, i casi riapparirebbero”, ha affermato.

“Mi aspetto che quando contiamo il numero di morti per COVID-19 in ciascun paese tra un anno, le cifre saranno simili, indipendentemente dalle misure adottate”, ha aggiunto.

Giesecke ha dichiarato a Business Insider che la controversa politica svedese non ha ancora avuto successo nel frenare l’epidemia di COVID-19 nel paese, ma lo sarà in futuro.

Ha predetto che il conteggio dei casi della Svezia e il bilancio delle vittime continueranno a salire nelle prossime settimane, ma ha detto che nel complesso sarà poi  “in declino”.

FONTE: businessinsider.com
IMMAGINI: businessinsider.com

 

Leave A Comment

Your email address will not be published.