Article Marketing

article marketing & press release

Covid19: Crea il tuo complotto! Simpatico gioco che gira su twitter da qualche giorno

Covid19: Crea il tuo complotto! Simpatico gioco che gira su twitter da qualche giorno

Non è chiaro chi lo ha messo in rete ma, giocando sul complottismo “esoterico” che gira in rete si può creare un “complotto” in pochi secondi utilizzando  nome, giorno e mese di nascita e colore preferito si crea una trama complottistica.
Per esempio per una persona di nome Giulio nata il 16 settembre con colore preferito il giallo si avrà

Il coronavirus è stato creato da La lega al fine di difendere la Russia e si trasmette attraverso i topi. Io lo sò perché non puoi provare che non sia così

Ovviamente su twitter già girano commenti ironici come
Creati dalle lobby gay (probabile) al fine di difendere la russia (possibile) si trasmette attraverso i vaccini (sicuro fonte tuider.com) lo so perché l’ha detto mio cugino cheblavora nel campo (confermo)
commenti twitter crea il tuo complotto sull'origine del coronavirus

Vere teorie complottistiche o fake news sul coronavirus non sono mancate nelle ultime settimane e sono state ampiamente da vari giornali.
Come ha riportato dire.it Thomas Cowan di San Francisco, medico olistico specialista di antroposofia propone una teoria molto citata che indica la causa del diffondersi del Covid19
al nuovo 5G ovviamente senza indicare prove scientifiche. Più in generale tutte le pandemie sarebbero legate al grado di elettrificazione della terra e la terribile spagnola del 1918 seguì l’uso delle onde radio del 1917.





In verità una prova viene indicata: la prima città al mondo interamente coperta dal 5G è proprio la cinese Wuhan da cui è partita l’epidemia.
Comunque, non sono mancati politici a accennare a complotti come la francese Marine Le Pen che ha ritenuto, secondo quanto riportato da adnkronos.com che
interrogarsi su una eventuale origine artificiale del Sars-Cov-2 sia “una questione di buon senso” sulla scia dei suoi elettori, che rappresentano lo ‘zoccolo duro’ di chi, in Francia, sostiene le teorie del complotto secondo cui l’agente patogeno all’origine della pandemia sarebbe stato creato intenzionalmente in laboratorio. Secondo un sondaggio condotto da Ifop per la Fondazione Jean-Jaures e per l’Osservatorio sul cospirazionismo, il 26 per cento dei francesi è disposto a seguire quanto è stato già smentito a livello scientifico, una percentuale che sale al 40 per cento fra chi ha votato Le Pen al primo turno delle elezioni del 2017.

A suo tempo non mancarono teorie del complotto sull’origine della SARS (Sindrome respiratoria acuta grave)  come ricostruito molto in dettaglio su wikipedia

L’idea di un complotto dietro l’espansione della SARS è stata per la prima volta esposta nella primavera del 2003 dallo scienziato russo Sergei Kolesnikov. Il biologo ha pronunziato le sue motivazioni negando ogni possibile base naturale del coronavirus; a confermare la tesi sarebbe la composizione della SARS, ovvero una sintesi tra morbillo e parotite epidemica, fenomeno mai svoltosi (o perlomeno mai visto) in natura.




Tempo dopo queste dichiarazioni un virologo sempre di nazionalità russa, Nikolai Filatov, espose altre teorie al riguardo, in cui fu per la prima volta considerato un coinvolgimento umano nella creazione del virus.
Nel 2004 le teorie di Kolesnikov e di Filatov diventarono oggetto di dibattito quanto mai prima ed in rete apparvero blog e forum incentrati solamente sull’argomento SARS.
Il dibattito si estese come preannunciato in Cina e negli Stati Uniti toccando anche la politica. Nella Repubblica Popolare Cinese si è discusso molto attivamente sulla reale posizione degli Stati Uniti riguardo allo scoppio della SARS nell’Estremo Oriente.

In sostanza, prendendo atto dell’alta mortalità nei paesi orientali rispetto all’Europa e Nord America si ipotizzava la creazione in laboratorio di una arma biologica calibrata specificatamente per uccidere alcune popolazioni del mondo.

FONTE: twitter.com
IMMAGINE: twitter.com

Leave A Comment

Your email address will not be published.