Article Marketing

article marketing & press release

Virulenza e carica virale – Quali fattori provocano la diffusione del Covid-19

Virulenza e carica virale – Quali fattori provocano la diffusione del Covid-19

Quali fattori sono più pericolosi per provocare infezione e malattia?
Come con qualsiasi altro veleno, i virus sono generalmente più letali in quantità maggiori.
Li Wenliang, il medico cinese che ha preso coscienza del nuovo coronavirus, è morto a causa del virus a 34 anni a febbraio. La sua morte è stata scioccante non solo per il suo ruolo nel pubblicizzare l’epidemia in via di sviluppo, ma anche, dato che i giovani non hanno un alto rischio di morte per Covid-19, a causa della sua età.
È possibile che il dottor Li sia morto perché come medico che ha trascorso molto tempo attorno a pazienti con Covid-19 gravemente malati, è stato infettato da una dose così alta?
Dopotutto, sebbene sia stato uno dei primi giovani operatori sanitari a morire dopo essere stato esposto da vicino e frequentemente al virus, purtroppo non è stato l’ultimo.




L’importanza della dose virale, anche definita carica virale viene trascurata nelle discussioni sul coronavirus. Come con qualsiasi altro veleno, i virus sono generalmente più pericolosi in quantità maggiori. Le piccole esposizioni iniziali tendono a portare a infezioni lievi o asintomatiche, mentre dosi più elevate possono essere letali.
Poi da un altro punto di vista, quello della durata di esposizione, dobbiamo anche considerare che non tutte le esposizioni al coronavirus possono essere uguali. Entrare in un edificio per uffici in cui un tempo è stato qualcuno con il coronavirus non è pericoloso come sedersi accanto a quella persona infetta per un viaggio di un’ora di treno.

Questo può sembrare ovvio, ma molte persone non stanno facendo questa distinzione.
Dobbiamo concentrarci maggiormente sulla prevenzione delle infezioni ad alte dosi.

Sia piccole che grandi quantità di virus possono replicarsi all’interno delle nostre cellule e causare gravi malattie in soggetti vulnerabili come immunocompromessi. Nelle persone sane, tuttavia, i sistemi immunitari rispondono non appena percepiscono un virus che cresce all’interno.

Il recupero dipende da chi vince la gara: diffusione virale o attivazione immunitaria.

Gli esperti di virus sanno che la dose virale ovvero la carica virale influisce sulla gravità della malattia. In laboratorio, i topi che ricevono una bassa dose di virus lo eliminano e si riprendono, mentre lo stesso virus a una dose più elevata li uccide. La sensibilità alla dose è stata osservata per ogni comune infezione virale acuta che è stata studiata negli animali da laboratorio, inclusi i coronavirus.
Anche gli esseri umani mostrano sensibilità alla carica virale. I volontari si sono lasciati esporre a dosi basse o alte di virus relativamente benigni che causano raffreddori o diarrea.
Coloro che ricevono le dosi basse hanno raramente sviluppato segni visibili di infezione, mentre le dosi elevate hanno in genere portato a infezioni e sintomi più gravi.
Non sarebbe etico manipolare sperimentalmente la dose virale nell’uomo per un patogeno grave come il coronavirus, ma ci sono prove che la dose sia importante anche per il coronavirus umano. Durante l’epidemia di coronavirus della SARS del 2003 a Hong Kong, ad esempio, un paziente ha contagiato molti altri residenti nello stesso complesso di condomini, provocando 19 morti. Si ritiene che la diffusione dell’infezione sia stata causata da particelle virali disperse nell’aria che sono state soffiate in tutto il complesso dall’unità appartamento iniziale del paziente. Come risultato di una maggiore esposizione virale, i vicini che vivevano nello stesso edificio non solo erano più frequentemente infettati, ma avevano anche maggiori probabilità di morire.
Al contrario, i vicini più distanti, anche se infetti, hanno sofferto di meno.




Le infezioni a basse dosi possono persino generare immunità, proteggendo da esposizioni ad alte dosi in futuro. Prima dell’invenzione dei vaccini, i medici spesso infettavano intenzionalmente soggetti sani con fluidi provenienti da pustole di vaiolo. Le risultanti infezioni a basse dosi sono state spiacevoli ma generalmente sopravvivibili e hanno impedito peggiori episodi di malattia quando tali soggetti sono stati successivamente esposti al vaiolo in quantità incontrollate.

Nonostante l’evidenza dell’importanza della dose virale, molti dei modelli epidemiologici utilizzati per informare la politica durante questa pandemia la ignorano. Questo è un errore.

Covid-19 al microscopio elettronicoUn’immagine al microscopio elettronico del virus che causa Covid-19.
Credits Punto immagine Fr – Lpn / BSIP – Universal Images Group, via Getty Images

Le persone dovrebbero prestare particolare attenzione alle esposizioni ad alte dosi, che molto probabilmente si verificano in interazioni ravvicinate di persona – come riunioni di caffè, bar affollati e momenti di tranquillità in una stanza con la nonna – e dal toccare i nostri volti dopo aver ottenuto quantità sostanziali di virus sulle nostre mani.
Le interazioni di persona sono più pericolose in spazi chiusi e a brevi distanze, con una dose che aumenta con il tempo di esposizione. Per interazioni transitorie che violano la regola di mantenere un metro tra te e gli altri, come pagare una cassiera al supermercato, tienili brevi – punta a “entro un metro, ovvero solo sei secondi“.

Poiché la dose è importante, il personale medico si trova ad affrontare un rischio estremo, poiché si occupa dei pazienti più malati e con la più alta carica virale. Dobbiamo dare la priorità ai dispositivi di protezione per loro.




Per tutti gli altri, l’importanza del distanziamento sociale, dell’uso della maschera e della buona igiene è sufficiente, poiché queste pratiche non solo riducono la diffusione infettiva, ma tendono anche a ridurre la dose e quindi la mortalità delle infezioni che si verificano. Mentre prevenire la diffusione virale è un bene sociale, evitare infezioni ad alte dosi è un imperativo personale, anche per i giovani sani.

Allo stesso tempo, dobbiamo evitare una reazione eccessiva nel panico alle esposizioni a basse dosi. Gli indumenti e gli imballaggi per alimenti che sono stati esposti a qualcuno con il virus sembrano presentare un basso rischio.
Le persone sane che stanno insieme nel negozio di alimentari o sul posto di lavoro corrono un rischio tollerabile, purché prendano precauzioni come indossare maschere chirurgiche e distanziarsi. Un blocco completo della società è il modo più efficace per fermare la diffusione del virus, ma è costoso sia dal punto di vista economico che psicologico.
Quando la società alla fine riaprirà, le misure di riduzione del rischio come il mantenimento dello spazio personale e la pratica di un adeguato lavaggio delle mani saranno essenziali per ridurre le infezioni ad alte dosi. I siti ad alto rischio di esposizione ad alte dosi, come stadi e sale convegni, dovrebbero rimanere chiusi.
Dovrebbero essere consentiti servizi rischiosi ma essenziali come i trasporti pubblici, ma le persone devono seguire misure di sicurezza come indossare maschere, mantenere la spaziatura fisica e non andare mai in viaggio con la febbre.
Adesso è tempo di stare a casa. Ma spero che questo periodo sarà breve. Quando ricominceremo a lasciare le nostre case, facciamolo con saggezza, alla luce dell’importanza della dose virale.

Joshua D. Rabinowitz è professore di chimica e genomica a Princeton, dove Caroline R. Bartman è ricercatrice.

FONTE: nytimes.com
AUTORI: Di Joshua D. Rabinowitz e Caroline R. Bartman
Il dottor Rabinowitz è professore di chimica e genomica. il Dr. Bartman è un ricercatore genomico.
IMMAGINE: internet

Leave A Comment

Your email address will not be published.