Article Marketing

article marketing & press release

#nomask nuovo movimento negazionista dell’utilità delle mascherine anti covid-19

#nomask nuovo movimento negazionista dell’utilità delle mascherine anti covid-19

Nessuna maschera consentita: i negozi degli Stati Uniti che allontanano i clienti nella guerra culturale americana

Una moltitudine di haters che non vuole indossare le mascherine.Ispirati dai No Vax e in Italia dallo youtuber Stefano Montanari, la crociata dei No Mask va, a gamba tesa, contro l’uso delle mascherine definite “un abominio per controllare la gente”. Infischiandosene della  pandemia peggiore di questo inizio secolo.
“Le mascherine sono pericolose”. “Non mettete le mascherine, ci vogliono tutti uguali”. “Le mascherine sono un bavaglio”.
Ecco in poche parole il movimento No-Mask. 32mila iscritti in pochi giorni e un unico fine:  impedire l’uso della mascherina, in barba alle raccomandazioni sia dal Ministero della Salute sia dall’Istituto Superiore di Sanità.

Molti sono vicini ai No Vax, il movimento contro i vaccini. Roberto Burioni, virologo avverte: ” con la salute non si scherza”.
Per ora i No Mask sono solo sui social dove postano  meme e insulti nei nei confronti di chi indossa la mascherina.
Pubblicano anche video di medici o sedicenti tali che camminano per strada senza mascherine e ne sconsigliano l’uso.

L’articolo continua dopo l’immagine



Il movimento di opinione nasce negli Stati Uniti.
E’ lì che in molti negozi, dalla California al Kentucky , sono spuntati cartelli quasi scherzosi quanto sono assurdi:  “Qua si entra solo SENZA mascherina”, “Vietato indossare mascherine”.
I No Mask italiani descrivono  la mascherina come segno di “cieca obbedienza ai governatori. Proprio loro che hanno messo in ginocchio l’economia a colpi di lockdown”.
Tra loro si trovano soprattutto persone che hanno perso il lavoro per colpa del blocco dovuto al Covid-19 e che comunque si sono trovati in una forte crisi economica.
“Non metto la mascherina, non sono un suddito” scrive Emanuele e ha postato  una foto con le sue bambine e la frase “come farò a farvi studiare senza lavoro?!”.
Oppure una signora che su Facebook riferisce di essere stata licenziata e ora sul gruppo No Mask scrive in maiuscolo “MAI PIU’ MASCHERINA”.

Alcuni negozi negli Stati Uniti  negano l’ingresso a coloro che indossano mascherine mentre i manifestanti protestano contro misure preventive in nome della libertà

Movimento #NoMask #IdoNotConsent
Nelle ultime settimane una serie di negozi americani ha fatto notizia dopo aver messo le insegne per dire ai clienti che indossano le mascherine che gli verrà negato l’ingresso.
Giovedi ‘, un negozio del Kentucky che ha messo un cartello di lettura : “Le maschere senza volto ammessi in negozio. Abbassa la maschera o vai altrove. Smetti di ascoltare (il governatore del Kentucky Andy) Beshear, è un cretino. ”

Movimento #NoMask #Idonotconsent
Un altro cartello è stato pubblicato da un negozio di costruzioni californiano all’inizio di questo mese per incoraggiare gli abbracci ma non le maschere.
In Illinois, un dipendente di una stazione di benzina che ha apposto un segno simile da allora si è difeso , sostenendo che indossare una maschera rendeva difficile la distinzione tra adulti e bambini quando vendono alcolici e sigarette.

Nel frattempo, Donald Trump ha finalmente ceduto e indossato una maschera ieri – qualcosa che non voleva “dare alla stampa il piacere di vedere”.
Ma mentre è gratificante vedere il Presidente finalmente costretto a proteggersi il viso, bisogna chiedersi fino a che punto il virus si diffonderà grazie alle azioni dei cittadini che insistono nel proteggere la loro “libertà” contro il diritto degli altri di non ammalarsi .

I manifestanti anti-blocco hanno sostenuto che è anti-americano per il governo riduca le libertà delle persone al fine di ridurre i decessi a seguito di Covid-19. Nel frattempo, i proprietari dei negozi raccontano ai clienti cosa possono e non possono indossare prima di entrare e i clienti tossiscono in faccia alle persone in nome della libertà.

i tweet seguono dopo l’immagine



TWEET

L’articolo continua dopo l’immagine



FONTE: theguardian.com
IMMAGINI: facebook.com | twitter.com

Leave A Comment

Your email address will not be published.