Article Marketing

article marketing & press release

16 Dicembre 2007

Nasce ItaliaAmbulante.com – Gli Ambulanti si lanciano nella rete…

Una struttura di coordinamento e supporto per gli operatori mercatali
L’idea parte da un gruppo di ambulanti, dalla loro esigenza di creare un portale web che si rivolge alla categoria. Obiettivo, dare una mano al settore del commercio itinerante nella giungla di leggi e regolamenti, “una struttura tutta a sostegno di una categoria troppo tartassata – dicono gli ideatori – con al suo interno una serie di sezioni, dalle feste alle fiere mercati, dalle sagre al meteo, dall’elenco degli autovelox sulle strade, alla modulistica fino alla vendita dei posteggi mercatali ed altre notizie ancora”.

Paradisi Fiscali, condizione legale favorevole ai detentori di grossi capitali

Paradisi Fiscali
I «paradisi fiscali», sono dei territori piccolissimi o degli stati le cui legislazioni fiscali sono volutamente lassiste o inesistenti atte ad offrire una condizione legale e fiscale del tutto favorevole ai detentori di grossi capitali, indipendentemente dall’origine di questi ultimi. Secondo le stime, il numero dei paradisi fiscali varia dai 60 alle 90 unità.

ESSO, la più grande compagnia petrolifera del mondo

Durante le elezioni del 2000 in USA la Esso diede 1.376 milioni di dollari ai repubblicani, più di qualsiasi altra compagnia petrolifera. E non fu la sola. Il 91% delle compagnie appoggiavano l’elezione di Bush. Guarda caso, non appena Gorge W. Bush diventò presidente degli USA rimosse gli Stati Uniti dal protocollo di Kyoto, l’unico accordo internazionale che collegava il riscaldamento globale alla politica che la Esso ed altre compagnie petrolifere promuovevano. Gli USA coprono un territorio vastissimo e come sappiamo è un paese fortemente industrializzato, da soli sono responsabili del 25% dell’inquinamento globale che causa l’innalzamento delle temperature. Ciò significa che il suo contributo ha un grande effetto sull’efficacia del protocollo stesso.

Uso del biglietto da visita personale e galateo

L’uso del biglietto da visita personale, l’antico “biglietto da tasca”, resta gradita forma presso molte culture. Sebbene la sua utilità abbia alcune analogie col biglietto professionale (erede del vecchio “biglietto reclamistico”), la fornitura dei propri recapiti per mezzo di quello personale ha il profondo significato di indicare il personale piacere dell’eventuale presentazione o del futuro contatto, non già l’interesse economico.

Biglietti da Visita Storia – Come nasce

1. I cinesi amano molto scambiarsi biglietti da
visita, per cui assicuratevi di portarne un’abbondante
scorta. Assicuratevi che da un lato
siano scritti in inglese e dall’altro in cinese,
preferibilmente nel dialetto locale.