Article Marketing

article marketing & press release

MDaemon combatte quotidianamente lo spam

Più del 50% del volume di posta elettronica che circola in rete è costituito da mail spam; si tratta di messaggi non richiesti e non graditi, una vera e propria piaga per gli internauti e la rete. Lo spam consuma inutilmente la banda e rallenta il recapito delle email legittime; si tratta di un fenomeno che non conosce fine perché alimentato dai destinatari che, sebbene pochi, rispondono a questi messaggi non richiesti e che fanno dello spam un’attività proficua.
Soprattutto in termini di spreco di banda, di capacità di elaborazione e di spazio su disco, lo spam rappresenta un serio problema. Se non tenuto sotto controllo, esso divora tempo prezioso per controllare e scartare i messaggi non desiderati.
Per ovviare a tutti gli inconvenienti dello spam, MDaemon, il mail server distribuito in Italia da Achab, mette a disposizione diversi strumenti AntiSpam. Sebbene non esista un singolo metodo, l’azione combinata delle diverse tecniche AntiSpam presenti in MDaemon consente di attenuare sensibilmente il problema.
Impostazioni AntiSpam efficaci
Sebbene la tecnologia antispam non possa competere con il livello di precisione della nostra mente, l’AntiSpam di MDaemon risulta uno strumento efficace.
Utilizzando impostazioni predefinite, i filtri AntiSpam individuano dall’ 80% al 95% dello spam senza falsi positivi; anche un utente alle prime armi può attivare l’AntiSpam di MDaemon senza timore di perdere messaggi importanti.
Per i più esperti esistono numerose opzioni per una configurazione avanzata aiutando a individuare, evidenziare, mettere in quarantena ed eliminare lo spam.
Analisi dei messaggi e attribuzione dei punteggi di spam
L’AntiSpam di MDaemon assegna un punteggio a ogni messaggio in entrata. Nel momento in cui il punteggio raggiunge la soglia impostata, l’AntiSpam etichetta il messaggio come spam.
Una volta che un messaggio viene riconosciuto come spam, può essere rispedito al mittente, cancellato, inoltrato a una cartella pubblica creata per archiviare lo spam, oppure processato dalle tecniche di filtraggio dei contenuti ed eventualmente recapitato al destinatario.
Il filtro per i contenuti può intervenire in modi diversi sui messaggi spam, ad esempio aggiungendo un apposito avviso nell’oggetto dell’email. Per gli utenti che usano IMAP e WorldClient, lo spam può essere smistato automaticamente in appositi folder.
DNS Black List
Un altro metodo di identificazione dello spam consiste nel confrontare l’indirizzo del mittente con gli indirizzi contenuti all’interno di black list di libera consultazione che elencano gli spammer e i server open relay (server che consentono l’invio di email da qualunque mittente a qualunque destinatario senza effettuare controlli) conosciuti.
Queste liste, dette anche “DNS Black List”, sono disponibili su diversi siti Web e contengono gli indirizzi IP dei mail server che effettuano spam. Il DNS black listing (il meccanismo di verifica delle black list) confronta gli indirizzi dei server da cui provengono i messaggi con quelli contenuti nelle black list. Se coincidono, i messaggi vengono etichettati come possibile spam aumentando il punteggio ad essi associato.
Ciascuna lista è gestita secondo criteri arbitrari per quanto attiene all’aggiunta o alla rimozione dei mail server dall’elenco. Le black list utilizzate da MDaemon hanno dato, nel tempo, prova di affidabilità.
SecurityPlus for MDaemon è il plug-in di MDaemon che arricchisce le funzionalità antispam del mail server, grazie alla rivoluzionaria tecnologia Outbreak Protection. Outbreak Protection consente di intercettare e fermare il malware prima ancora che siano rese disponibili le relative segnature. In questo modo Outbreak Protection rafforza la sicurezza di MDaemon anche nei confronti dei cosiddetti attacchi “del giorno zero”, i più insidiosi.

Leave A Comment

Your email address will not be published.