No Banner to display

Article Marketing

article marketing & press release

BOT sottozero, dove investire?

L’ultima asta dei BOT ha segnato un record storico: per la prima volta i rendimenti dei BOT , al netto di tasse e commissioni, hanno rischiato di andare sotto zero. Se non è successo è solo grazie ad un intervento legislativo che ha ridotto le commissioni delle banche. Ma nonostante questo intervento i BOT trimestrali hanno reso comunque zero.
L’andamento del BOT non sorprende. Le previsioni per il 2010 indicano tassi in rialzo a partire dal secondo semestre 2010. In questa situazione quindi tutti preferiscono rimanere liquidi ossia investire sul breve periodo ed aspettare il rialzo dei tassi. In questo modo però si alimenta la domanda sul breve periodo, riducendo di conseguenza il rendimento. Ovviamente le previsioni possono essere smentite ma per ora sono queste ed i mercati si adeguano di conseguenza, per cui qualsiasi investitore deve prenderne atto.
Dove può mettere i suoi soldi un investitore che non voglia rischiare ma nemmeno lasciare i suoi guadagni su conti correnti senza alcun rendimento?

Investimenti alternativi ai BOT
Se il BOT rende zero e il conto corrente non dà interessi le alternative sono rimanere su investimenti sicuri di breve periodo o rischiare investendo a medio-lungo termine.
Per quanto riguarda quest’ultimi però le alternative sono:

  • le azioni: possono dare rendimenti interessanti ma sono anche rischiose, soprattutto finché non sarà certa la ripresa economica. Inoltre è sconsigliabile investire tutto il proprio patrimonio in azioni, occorre trovare qualche alternativa;
  • le obbligazioni: possono dare rendimenti interessanti ma se i tassi saliranno come prospettato i loro valori caleranno. Per cui occorrerà tenerli fino a scadenza e intanto vedere nuove emissioni obbligazionarie con tassi ben maggiori sfuggirci perché non abbiamo più capitale da investire.

Per quanto riguarda gli investimenti di breve periodo le alternative rimangono i pronti contro termine o i conti di deposito online.
I pronti contro termine possono essere acquistati presso qualsiasi banca ma il loro rendimento medio attuale si aggira tra lo 0,3% e lo 0,6%.
Per quanto riguarda invece i conti di deposito online, seppur anche i lor rendimenti si sono ridotti, ancora oggi è possibile spuntare tassi del 2,5%, un rendimento non da buttare se si considera che il tasso di inflazione è sotto l’1%.
Gli investimenti infatti dovrebbero mirare non a guadagnare (per quello c’è il nostro lavoro) ma a proteggere il tuo capitale e mantenerne il valore reale contro l’assalto dell’inflazione. I conti di deposito ti permettono di fare questo, inoltre sono investimenti sicuri grazie anche al fondo di garanzia interbancario. L’importante quando si investe in conti di deposito (ma è un consiglio che vale per ogni tipo di investimento) è di non abbandonare i propri soldi ma seguire periodicamente (almeno ogni trimestre) l’andamento dei propri investimenti e le alternative possibili.
Infatti le banche online che offrono i conti di deposito variano spesso la loro offerta, spesso lanciano nuove promozioni per i nuovi clienti o iniziative per fidelizzare i vecchi clienti con notevoli capitali investiti. Insomma, anche il tranquillo mercato dei conti di deposito è in continuo movimento, non sarà la Borsa ma è importante che periodicamente lo si controlli.

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Article Marketing