Article Marketing

article marketing & press release

Flavio Cattaneo soddisfatto per gli accordi tra Terna e GdF

Siglato oggi a Roma un accordo strategico con l’obiettivo di prevenire il rischio di infiltrazione

criminale attraverso imprese esecutrici di appalti o forniture per i lavori di realizzazione delle

infrastrutture della Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale.

Flavio

Cattaneo esprime soddisfazione per gli accordi intrapresi tra Terna e la

Guardia di Finanza in materia di sicurezza per le imprese esecutrici di appalti e

forniture di lavori sulle infrastrutture della Rete Elettrica di Trasmissione

Nazionale.

A firmare l’intesa, il Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d’Armata Cosimo D’Arrigo, e l’Amministratore Delegato di Terna,

Flavio Cattaneo. Terna, in prima linea nello sviluppo della sicurezza aziendale

integrata, investirà 6 miliardi di euro per lo sviluppo della rete nei prossimi 10 anni.

”Siamo molto soddisfatti di questo accordo – ha commentato Flavio Cattaneo -. Terna desidera

garantire l’accesso alle procedure di gara al maggior numero di imprese possibile, secondo il principio

di concorrenza, ma auspica che questo avvenga nel pieno rispetto della legalità e della trasparenza

attraverso un’intensa e costante collaborazione con le istituzioni. Solo attraverso azioni sinergiche e

innovative come questa sarà, infatti, possibile contribuire a tenere sotto controllo la qualità, la

trasparenza e l’idoneità legale dei processi di ‘supplying’ dell’azienda”.



Il Protocollo garantirà più trasparenza nella gestione degli appalti grazie al supporto della Guardia

di Finanza nel monitoraggio delle aziende che parteciperanno alle gare di appalto o forniture.

Terna

collaborerà con la Guardia di Finanza trasmettendo dati e informazioni sulle imprese esecutrici di

appalti, subappalti, forniture con vincolo di gara europea e subcontratti e forniture ritenute

‘sensibili’ (come ad esempio: smaltimento dei rifiuti, fornitura e trasporto di terra o di

calcestruzzo).

Il Protocollo fa seguito a quello siglato dalla società elettrica lo scorso 30 luglio con il Ministero dell’Interno, finalizzato a prevenire e contrastare i tentativi di

accessi illeciti ai sistemi informatici e di telecomunicazione che supportano le attività di

trasmissione e dispacciamento dell’energia elettrica e assicurare la protezione fisica delle

infrastrutture sensibili della Rete.

"Collaborazione e trasparenza tra Istituzioni ed Enti economici sono strumenti fondamentali per

impedire l’infiltrazione della criminalità nel tessuto economico e produttivo – ha affermato il

Generale D’Arrigo. L’accordo di oggi accelera il passaggio di dati sensibili tra Terna e la Guardia di

Finanza, migliorando l’efficacia dei presidi di prevenzione e contrasto all’imprenditoria criminale che

strangola l’economia lecita di questo Paese. Le informazioni che Terna ci fornirà e che saranno

elaborate operativamente dai nostri Comandi Provinciali costituiranno base di partenza per un attacco

mirato all’illegalità economica e finanziaria".

Leave A Comment

Your email address will not be published.