Article Marketing

article marketing & press release

PARCO ZOO PUNTA VERDE, ARRIVA LO ‘ZOO MOBILE’

Il Parco Zoo Punta Verde di Lignano Sabbiadoro ha avviato un’inedita e divertente iniziativa per chi ama gli animali e vuole conoscerne anche le loro particolarità. Si tratta dello “zoo mobile”, un programma di attività educative itinerante caratterizzato da laboratori mobili, allestiti all’interno del parco e in corrispondenza dei reparti delle specie animali che si andranno a conoscere.

 

L’iniziativa, prevista per tutte le domeniche e nei giorni festivi fino al 2 giugno, ha lo scopo di affrontare assieme ai visitatori tematiche specifiche relative agli animali e al loro habitat, cercando così di soddisfare il più possibile curiosità e creare anche nuovi interessi. Diversi gli argomenti trattati, dalla foresta biodiversa, alle specie animali africane, per arrivare a scoprire gli strumenti e le strategie che vengono utilizzate per studiare alcuni esemplari come, ad esempio, la lince presente sulle montagne friulane oppure il leopardo delle nevi nascosto sulle alte creste del Pakistan. Ma durante questo periodo molte altre saranno le tematiche approfondite, che daranno la possibilità a tutti i visitatori di uscire dal parco con qualche nozioni in più e con il piacere di vivere anche delle belle ed autentiche emozioni.
Per affrontare queste tematiche e per far meglio comprendere le peculiarità degli animali e degli ambienti in cui essi vivono, gli educatori del Parco avranno a disposizione diversi materiali e vari tipi di reperti naturalistici. Le attività avranno inizio dalle 10.30 per poi essere replicate durante la giornata anche in altri orari. La programmazione del giorno sarà riportata direttamente nelle postazioni di riferimento.

 Il Parco Zoo Punta Verde di Lignano Sabbiadoro, che quest’anno festeggia i 30 anni di attività, è diventato oggi un centro di conservazione della specie e di educazione naturalistica. La struttura lignanese, infatti, è impegnata da anni in molti progetti di conservazione di specie più esotiche come ad esempio il Leontopiteco testa nera (Leontopithecus caissara), i magnifici Lemuri dalla coda ad anelli (Lemur catta) del Madagascar e il Leopardo delle Nevi (Uncia uncia), programma quest’ultimo per il quale la onlus Punta Verde in collaborazione con l’International Snow Leopard Trust, contribuisce al progetto di ricerca direttamente nei luoghi di origine, finanziando anche un’attività sul campo di un ricercatore pakistano concentrato sullo studio e la salvaguardia di questa specie.
L’impegno del Parco Zoo è continuo e costante su molti fronti e per questo motivo un paio d’anni fa ha preso vita la Punta Verde In Situ Onlus, associazione no profit che opera nel campo ambientale e si impegna a condurre progetti di conservazione, ricerca, educazione e divulgazione finalizzati ad un maggior rispetto degli animali e dell’ambiente.

Il Parco Zoo Punta Verde dal mese di maggio è sempre aperto dalle 9 alle 18, facilmente raggiungibile grazie all’uscita Lignano dell’autostrada A4 vicina al Veneto e alle spiagge di Bibione, per delle vacanze all’insegna della natura.

Leave A Comment

Your email address will not be published.