Article Marketing

article marketing & press release

Follatura della lana: cos’è e come si fa

Cosa bisogna sapere sulla follatura della lana

La follatura è un’operazione del processo di finissaggio dei tessuti di lana, ovvero l’insieme delle operazioni di lavorazione che si applicano ai tessuti  allo scopo di migliorarne l’aspetto, la mano, e le stabilità dimensionali per i possibili usi.
In particolare la follatura è un trattamento che fa infeltrire la lana, chiudendo gli interstizi tra i fili di trama e ordito o tra i ranghi della maglia, rende il tessuto più compatto, dimensionalmente stabile ed in alcuni casi impermeabile.

Come viene eseguita?

La tecnica è antica ed ereditata dall’epoca romana, dalle fullonicae, apposite officine dove veniva eseguita. In queste officine il tessuto veniva in vasche d’acqua assieme ad altri componenti. Qua veniva “battuto con i piedi”  (saltus fullonicus) fino ad ottenerne l’infeltrimento.
Ad oggi le operazioni di finissaggio dei tessuti sono ancora fondamentali. In generale si possono svolgere attraverso un’azione meccanica, con l’impiego di sostanze chimiche o con l’utilizzo di resine e siliconi.
Lo scopo è di apportare maggiore qualità ai materiali tessili, garantendo un comportamento ottimale sia in confezione che durante l’uso, caratteristiche di fondamentale importanza per il successo commerciale del prodotto.
La tecnologia ha cambiato i processi, offrendoci una grossa mano non solo dal punto di vista dei macchinari ma anche dei prodotti chimici per migliorarne il procedimento e la tenuta. Se da un alto le macchine hanno automatizzato e reso controllabile il processo, la chimica ha studiato e sviluppato componenti che permettono di ottenere con precisione le specifiche che le operazioni di finissaggio richiedono.
Nearchimica è una azienda italiana che opera nella ricerca e sviluppo di prodotti chimici per il finissaggio e colorazione dei tessuti.
Per la follatura della lana ha creato NEARSOPHT 2AM, un ammorbidente antistatico sviluppato per il finissaggio di articoli in maglia e navetta  di alta qualità, il cachemire su tutti, poiché ne esalta in maniera incredibilmente naturale la morbidezza della fibra al tatto.




Prodotti come questo sono oramai molto diffusi nella follatura della lana, ma anche nel finissaggio di maglieria in cotone o di manufatti contenenti fibre sintetiche, dal momento che aumentano la conducibilità elettrica superficiale delle fibre, donandogli comunque grande compattezza e morbidezza.
Nel caso di NEARSOPHT 2AM, inoltre, è molto facile anche l’impiego: basta una semplice diluizione in acqua pre-acidificata con acido acetico.
Insomma, un buon ammorbidente antistatico può migliorare notevolmente il processo di follatura della lana e di conseguenza la qualità del prodotto, evitando che il tessuto vi si appiccichi alla pelle per via dell’elettricità statica o che attiri eccessivo sporco, inconvenienti per nulla graditi al consumatore che si aspetta sempre un prodotto longevo e di qualità superiore.

Per conoscere di più su Nearchimica S.p.A: Nearchimica sito aziendale

Per dettagli su Nearsopht 2AM: Nearchimica Nearsopht 2AM

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.