Article Marketing

article marketing & press release

22 Aprile 2020, 50° Giornata Mondiale della Terra

22 Aprile 2020, 50° Giornata Mondiale della Terra

Le decisioni che prendiamo oggi determineranno come segneremo la Giornata della Terra del 2050 – se condivideremo le storie di successo della natura o necrologi della fauna selvatica, scrive Elena Lazutkaitė, dottoranda presso la Nottingham University nel Regno Unito.
Mentre il Covid-19 sta tenendo alta l’attenzione di tutto il mondo, nel nostro paese in particolare Milano e la Lombardia segui le news milano con tutti gli aggiornamenti, si affrontano anche altri temi molto importanti per il futuro del nostro pianeta e sullo stile di vita che verrà.
Il 22 aprile 1970, la prima Giornata della Terra ha dato voce a una consapevolezza pubblica emergente sullo stato del nostro pianeta.
Questa settimana celebriamo il 50 ° anniversario della Giornata della Terra nel mezzo del blocco di Covid-19. La pandemia ha spostato l’azione della Giornata della Terra nel panorama digitale. Ancora più importante, ci ha costretti a rivisitare il One Health Approach che riconosce che la salute ambientale, umana e non umana degli animali sono strettamente correlate.Se i primi naturalisti si sforzavano di preservare specie o ecosistemi perché erano affascinati dalle meraviglie della Terra, l’approccio scientifico odierno alla conservazione è significativamente diverso. I ricercatori di una vasta gamma di discipline ci avvertono che “la nostra casa è in fiamme”. La rigenerazione non è solo per la natura, è essenziale per la nostra stessa sopravvivenza.La Grande barriera corallina è paragonabile a una città, tranne per il fatto che la sua architettura iconica è a energia solare e vivente; i coralli prosperano in una relazione mutualistica con le alghe; i coralli forniscono alle alghe un ambiente e sostanze nutritive di cui hanno bisogno per la fotosintesi; le alghe a loro volta alimentano i coralli.Brulicante di esuberanza di vita, i coralli possono vivere fino a 5.000 anni, rendendoli gli animali viventi più lunghi sulla Terra. Eppure, possono svanire in una vita umana.Gli ecosistemi della barriera corallina stanno collassando a un ritmo allarmante, lasciando l’oceano e la nostra vita impoveriti in una miriade di modi. Mentre le temperature oceaniche in aumento disturbano la delicata relazione simbiotica tra i coralli e le alghe, l’intera rete della vita viene interrotta.Senza il corallo, non c’è barriera corallina. I pesci alterati e altre comunità animali causano sofferenza alle comunità umane costiere che dipendono dall’abbondanza e dalla bellezza delle barriere coralline.




In occasione della Giornata della Terra 2020, lo sbiancamento accelerato delle barriere coralline ci ricorda tragicamente lo scomodo legame tra salute umana, animale ed eco sistemica. All’inizio di questo mese, una delle più grandi meraviglie naturali del mondo, la Grande Barriera Corallina, è stata segnalata per aver subito il suo terzo e più diffuso evento di sbiancamento in cinque anni.

Le barriere coralline ospitano il 25 percento di tutta la vita marina del pianeta, in concorrenza con la biodiversità delle foreste pluviali tropicali. Situata al largo della costa nord-orientale dell’Australia, la Grande Barriera Corallina è la più grande struttura vivente sulla Terra, così grande da essere visibile dallo spazio.
Perdere barriere coralline significa anche rinunciare “agli armadietti delle medicine del 21 ° secolo”. Le piante e gli animali della barriera corallina sono stati importanti fonti di medicinali salvavita per infezioni virali, cancro, asma, artrite e altre malattie.




Nel 2015, il Museo di storia naturale di Londra, Regno Unito, ha stimato che le barriere coralline forniscono un valore globale di 5,7 trilioni di sterline all’anno, più del PIL della Germania e del Regno Unito messi insieme. I governi di tutto il mondo hanno applicato il motto “troppo grande per fallire” per salvare le grandi banche durante la crisi finanziaria del 2008, ma chiudono un occhio sulla morte delle barriere coralline.

Mentre la pandemia di Covid-19 sta scuotendo i nostri sistemi economici fino in fondo, ci viene presentata un’opportunità unica per fare esattamente questo e recuperare più verde. Nel nostro Paese, in particolare in Lombardia, si dovrà capire anche come gestire l‘inquinamento, visto anche il potenziale rapporto con la trasmissione del virus, che ha colpito in particolar modo la città di Milano come ci dicono anche le news milano ultima ora

Per celebrare la Giornata della Terra 2020, dovremmo ricordare le creature con cui condividiamo questo pianeta – quelle che sono in pericolo, come i coralli, e quelle che stanno aumentando con successo in numero.

Se ci fermiamo a pensare agli animali della Terra, potremmo immaginare leoni, oranghi, elefanti, lemuri o balene, ma queste sono le immagini dei documentari sulla natura piuttosto che i riflessi del “censimento” globale degli animali.

Il nostro appetito per i prodotti animali ha spostato l’equilibrio della vita animale. I polli da carne, il cui antenato, il Red Jungle Fowl, si trovano ancora nel sud-est asiatico, ora hanno una massa combinata che supera quella di tutti gli altri uccelli sulla Terra.




Di tutte le biomasse di mammiferi sulla Terra, solo il 4 percento è costituito da animali selvatici, il 36 percento da esseri umani e il 60 percento da animali da allevamento.

L’allevamento degli animali è una grande preoccupazione per tutte le possibili ragioni: la spaventosa crudeltà delle fattorie intensive, la deforestazione, l’estinzione di specie selvatiche, l’inquinamento dell’aria, dell’acqua e della terra, i rischi per la salute pubblica dovuti alla resistenza antimicrobica e alle zoonosi.

I problemi sono profondi, quindi devono essere le soluzioni

Nel 2019, oltre 11.000 scienziati hanno dichiarato l’emergenza climatica e hanno delineato una serie di azioni necessarie che ruotano attorno all’uso efficiente dell’energia, stabilizzando la popolazione globale, ponendo fine alla distruzione della natura, passando a una dieta vegetale e spostando gli obiettivi economici dalla crescita del PIL .

Sicuramente, dato quello che sappiamo oggi, vorremmo che i nostri governi deviassero gli investimenti dalle industrie dei combustibili fossili e degli animali agli impianti di energia rinnovabile e di origine vegetale?

Salvataggi ecologici e pacchetti di stimolo potrebbero porre l’emergenza climatica e la sostenibilità al centro dei piani di ripresa. Si potrebbero allegare condizioni per garantire che i salvataggi siano strutturati in modo da trasformare i settori in modo sostenibile.




Necrologi o storie di successo?

Stanno circolando notizie sugli animali che tornano nelle città in isolamento. Alcuni erano falsi e davano un’impressione falsa di natura rigogliosa. I delfini non nuotano nei canali veneziani, né i cigni hanno fatto ritorno – sono stati a lungo clienti abituali nei canali di Venezia.

Su una nota più brillante, questi falsi rapporti dimostrano che le persone hanno fame di storie di “successo” della natura e sono fiduciose sul potere del mondo naturale di riprendersi.

Posto sotto il blocco, a molti di noi manca il contatto rilassante con la natura. Quindi rallegriamo le notizie su un calo dell’inquinamento atmosferico in Cina e nell’India settentrionale, dove la catena montuosa dell’Himalaya è ora visibile da 200 km di distanza (queste storie sono vere).

Postato da news milano
Video dal canale Youtube del Bioparco di Roma

Leave A Comment

Your email address will not be published.