Article Marketing

article marketing & press release

Il web marketing turistico: evoluzione e importanza

Il web marketing turistico è quel settore del marketing volto alla promozione online dei siti turistici. In Italia il 50% delle prenotazioni del turismo è effettuato via internet e a livello globale, si può dire che il turismo è il settore trainante del web, dal punto di vista degli scambi commerciali.

Come mai questa affinità tra turismo e web? Semplice, perché nel viaggio, nella vacanza, entrano in gioco diversi fattori psicologici che concernono non solo i comportamenti umani, che tendono a uniformarsi, ma anche i giudizi selettivi delle persone che guidano, con le loro opinioni, i gusti. I tour operators e le grandi agenzie turistiche, non escluse le compagnie aeree low cost, hanno intuito questo rapporto fondamentale che intercorre tra soggetti ed esperienze e ovviamente hanno cercato di massimizzare i profitti, riducendo i costi e spostando molte delle attività online. La diffusione del "low cost" e del "last minute" ha dilatato in maniera esponenziale il fenomeno delle prenotazioni online, giungendo a una vera e propria esplosione nell’era contemporanea, dominato dal contenuto generato dagli utenti.

Nel frattempo il contenuto generato dagli utenti ha risentito in maniera benefica della grande crescita dei social network sites che hanno messo in collegamento orizzontale persone vere. Prima la rete era popolata di siti, ora è popolata di persone, con una spinta energica sugli acquisti online davvero impensabile fino a 5 anni fa. Ovviamente nel campo delle vacanze il contenuto generato dagli utenti coincide col racconto delle esperienze, con le recensioni, con gli album fotografici e i video, i blog e ancora le pagine Facebook e gli aggiornamenti Twitter, per menzionare solo gli aspetti evidenti.

In questo senso il web marketing relativo agli alberghi ha conosciuto più diramazioni. Da un lato ha consentito ai programmi pubblicitari pay-per-click, tipo AdWords, di affermarsi, facendo retrocedere altre forme di pubblicità online, per il fatto che gli annunci, essendo contestuali, si legano naturalmente alla produzione degli utenti potenziali clienti (nel versante AdSense). Dall’altro lato la forte concorrenza generata dagli spot limitati offerti da Google ha spinto gli operatori del settore a investire nel posizionamento su Google e gli altri motori di ricerca, creando nuove opportunità di lavoro nel settore web che fanno fronte ai posti persi nel taglio dei costi risultato del passaggio on line di molte attività.

Lo spostamento verso il fattore local nel turismo è stato indispensabile e necessario, data la natura delle ricerche effettuate dagli utenti nei motori di ricerca e questo bisogno ha generato un’altra rivoluzione nelle serp di Google, che si è evoluto in direzione local, impiantando la mappa del servizio Maps nelle pagine di risultati e sviluppando un vero e proprio servizio di local listing in tempo reale (Google Local Business Center oggi diventato Google Places). Un’integrazione a tutti i livelli che coinvolge anche il popolare programma Earth che ha dato la stura al local e a tutto il mercato localistico delle keywords.

Ulteriore conseguenza di queste dinamiche è stata l’evoluzione del web marketing turistico in più direzioni, come dicevamo prima. Il posizionamento su Google Maps non è distinto dal posizionamento nel web organico, ma può essere ricercato autonomamente. Lo sviluppo dei social network sites come Facebook (utilizzato si stima da 500 milioni di persone in tutto il mondo) ha favorito la circolazione di idee, opinioni e recensioni, con l’immancabile destinazione di alcune funzionalità (o applicazioni) destinate al turismo. Il social media marketing è quindi una declinazione abbastanza credibile del web marketing globale, anche se non è semplice collegare le persone – i profili – ai prodotti. Occorre molta fantasia e una capacità di leggere il futuro che forse appartiene più ai visionari che ai direttori di hotel.

Detto questo le strade del web marketing turistico sono infinite e spetta al concerto tra consulenti di web marketing e albergatori trovare nuovi sentieri da percorrere, non dimenticando mai un aspetto sostanziale: buona parte della promozione online dipende da comportamenti e azioni generati off line.

Leave A Comment

Your email address will not be published.