Article Marketing

article marketing & press release

Le proprietà benefiche del caffè d’orzo

L’orzo, una bevanda molto amata e molto presente nelle tavole di tutta la popolazione mondiale. Molto amato da chi non può bere caffè a causa del suo effetto particolarmente eccitante.
Ma vediamo di approfondire i benefici del caffè d’orzo, una gustosissima e freschissima bevanda.
Innanzitutto, agisce come antinfiammatorio ed emolliente, ottimo per alleviare il fastidio gastrico e rilassare le pareti intestinali ed inoltre, è utile per alleviare le turbe pancreatiche e biliari, e per esercitare un’azione benefica contro le infezioni della mucosa intestinale.
Viene utilizzato anche per regolare le funzionalità intestinali, come la stipsi e l’intestino pigro, grazie alle sue proprietà lassative-stimolanti.
L’orzo viene utilizzato anche come decotto per i gargarismi, quando si presenta un’infiammazione della cavità orale. Non a caso, l’estratto d’orzo viene sfruttato per preparare caramelle contro il mal di gola, proprio per alleviare le infiammazioni del cavo orale. Utilizzato anche dai bambini e dagli anziani che soffrono di dispepsia, proprietà digestive e per chi sta attraversando un periodo di convalescenza o di debolezza fisica.
La sua ricchezza di sali minerali, inoltre, lo rende un ottimo mineralizzante, così come il fosforo che contiene che è fondamentale per stimolare le capacità intellettive e come rimineralizzante delle ossa, agendo in sinergia con il potassio, magnesio, ferro e calcio.
Già nell’antichità, il decotto d’orzo veniva impiegato per gli impacchi contro irritazione della pelle e degli occhi arrossati. La sua assunzione è consigliata anche alle donne che allattano, grazie alle sue capacità galattogene, utili per la produzione di latte per la regolazione della produzione di estrogeni.
Di recente, si è scoperto che alcune sostanze isolate dall’orzo, tra cui il tocotrienolo, sono in grado di inibire la sintesi di colesterolo cattivo, esercitando così le loro proprietà ipocolesterolemizzanti.
Concludendo, possiamo accennare ad Ippocrate che, nei suoi Scritti, già elogiava l’orzo per le sue proprietà medicamentose dicendo che “il decotto d’orzo fu prescelto tra le vivande cereali in questi morbi acuti….dissetante e di facile escrezione, non comporta astringenza né brutta agitazione, né gonfia il ventre”.

Leave A Comment

Your email address will not be published.