Article Marketing

article marketing & press release

La University College di Londra vieta relazioni sentimentali tra studenti e insegnati

La University College di Londra vieta relazioni sentimentali tra studenti e insegnati

28 FEBBRAIO 2020 – L’University College di Londra è diventata la prima università del Russell Group ad attuare il divieto di relazioni sentimentali tra il personale e gli studenti nel tentativo di proteggere da potenziali abusi di potere e conflitti di interesse.

La politica vieta direttamente strette relazioni personali e intime in cui il membro del personale ha la responsabilità diretta nei confronti di uno studente e chiede al personale di dichiarare relazioni intime con gli studenti che non supervisionano direttamente entro un mese o che affrontano azioni disciplinari.

Viene detto al personale di “evitare di creare amicizie speciali con gli studenti, in quanto ciò può essere visto come una cura” e di contattare gli studenti solo attraverso i canali universitari ufficiali.

Parlando con The Guardian , il responsabile del cambiamento di comportamento e cultura dell’UCL Kelsey Paske ha affermato che il divieto, che è stato ispirato da politiche simili nelle università Ivy League negli Stati Uniti, era “incentrato sulla protezione di studenti e personale”.

Ha aggiunto che c’era “la necessità di riconoscere le posizioni di potere e gli squilibri di potere all’interno degli ambienti di istruzione superiore e di aiutare a prevenire gli abusi di potere”.

L’UCL è solo la terza università del Regno Unito a imporre il divieto di relazioni sessuali e romantiche tra docenti e studenti, dopo Greenwich e Roehampton. Secondo The Guardian , 97 università hanno politiche su tali relazioni, ma molte le scoraggiano.

In un sondaggio condotto dalla National Union of Students (NUS) e dal gruppo del 1752, che fa campagne contro la cattiva condotta sessuale da parte del personale universitario, quattro quinti degli studenti hanno dichiarato di essere a disagio con il personale che ha rapporti con gli studenti. Queste relazioni sono state percepite come “predatorie“.

Rachel Watters, l’ufficiale femminile per la NUS, ha dichiarato: “Data l’attenzione pubblica sulla cattiva condotta sessuale nell’istruzione superiore e altrove, speriamo e ci aspettiamo che più università rivedano le loro politiche in modo simile”.

L’Università di Manchester ha attualmente messo in atto una “Politica sui rapporti consensuali”, che non proibisce le relazioni intime tra personale / studente, ma obbliga il personale a informare il proprio capo di istituto / direttore al fine di garantire che il docente non sia coinvolto nel valutazione dello studente.

La politica afferma: “L’Università valorizza le buone relazioni professionali tra personale e studenti.

“Queste relazioni dipendono fortemente dalla fiducia e dalla fiducia reciproca e possono essere messe a repentaglio quando un membro del personale inizia un rapporto romantico / sessuale con uno studente. All’estremo, queste relazioni possono mettere a repentaglio le relazioni professionali e provocare un abuso di potere. ”

“L’Università non desidera impedire i collegamenti tra il personale e gli studenti e fa affidamento sull’integrità di entrambe le parti per garantire che non si verifichino abusi di potere.”

FONTE: mancunion.com
AUTORE: Nicole Wootton-Cane
IMMAGINE:  FOTO: DILIFF @ WIKIMEDIA COMMONS

Leave A Comment

Your email address will not be published.