Article Marketing

article marketing & press release

17 Ottobre 2009

Turismo : Malindi perla nera d’Africa

La capitale del turismo italiano ed europeo in Africa: forse tra la metà degli anni Novanta e l’inizio del nuovo secolo il Kenia era diventato la maggiore attrattiva nel “continente nero” per un gran numero di turisti; ci pensarono poi i conflitti civili a raffreddare la febbre per il Kenia ma ancora oggi lo stato, e soprattutto la città costiera di Malindi, è una destinazione di sicura presa.

Malindi sorge nel breve tratto in cui il Kenia si apre al mare (precisamente all’Oceano Indiano): è una città di media estensione con una popolazione di poco superiore ai centocinquantamila abitanti (la quarta per grandezza della nazione ma niente a che vedere con la popolazione della capitale Nairobi, quattro milioni e mezzo di abitanti).

La storia antica della città è ancora oggi avvolta nel mistero: si deve andare dietro fino all’ottavo-nono secolo per trovare i primi insediamenti umani nella zona: popolazioni, probabilmente di etnia bantu, che avevano occupato tutta la zona costiera impiantando rudimentali forme di coltivazione dove il fiume Galena provvedeva in abbondanza al rifornimento di acqua per le terre.
Le prime notizie documentarie sicure sono però databili solo all’inizio del quattordicesimo secolo nel momento in cui tutta la regione era abitata da popolazioni Swahili (nate dall’incontro e dalla fusione tra gli arabi e i Bantu autoctoni) che vi avevano trovato un ottimo punto da cui far partire un fitto sistema di comunicazioni commerciali con l’esterno. Documenti di provenienza cinese testimoniano dell’arrivo nella città di navigatori provenienti dal paese del Sol Levane e dell’instaurarsi di un fattivo scambio che porterà addirittura al dono di una giraffa da parte delle popolazioni di Malindi ai nuovi “clienti” cinesi. Quasi cinquant’anni dopo anche gli europei che volevano aprire nuove strade di comunicazione verso l’Oriente fecero tappa a Malindi: Vasco da Gama fu uno di questi e probabilmente senza il saggio consiglio sulle rotte da tenere dato dai locali difficilmente avrebbe potuto raggiungere l’India.

Già all’epoca a Malindi funzionava un importante porto che rivaleggiava aspramente con quello di Mombasa (più a sud di circa un centinaio di chilometri). Le attività mercantili ebbero il loro apice quando iniziò la tratta degli schiavi: essi venivano trasportati in città dall’interno via fiume o da nord attraverso la strada carovaniera che arrivava dal Kenia settentrionale; una volta arrivati erano scambiati nella piazza centrale e poi imbarcati verso le rispettive zone di destinazione. Si hanno testimonianze sicure del fatto che ancora a fine Ottocento la pratica era abbastanza diffusa: arrivò poi l’occupazione britannica che stava costruendo un grande Impero in Africa, dall’Egitto al Capo di Buona Speranza, e con essa lo spostamento delle attività economiche verso le coltivazioni intensive di prodotti da piantagione. Gli inglesi restarono nel paese fino al 1963 dopo che per vent’anni la protesta dei Mau Mau (i nazionalisti indipendentisti keniani) si era opposta alle loro pretese; all’atto della nascita della Repubblica Keniana Malindi era ancora uno dei porti principali dello stato.

Oggi la città ha sensibilmente modificato il suo profilo economico spostandosi verso le attività turistiche, tanto che la seconda lingua più frequentemente parlata è proprio l’italiano dei molti turisti che vi passano le vacanze.

Uscendo dai tanti villaggi vacanza per dirigersi verso le altre città del Paese si incontra un sistema viario abbastanza disastrato e spesso strade senza asfalto; l’aeroporto di Malindi è l’Aeroporto Nazionale che attua prevalentemente un servizio di navetta verso Nairobi e ospita i numerosi voli charter con a bordo i turisti europei.

Le lingue ufficiali di Malindi sono lo swahili e l’inglese, la moneta ufficiale è lo Scellino Keniota; per gli affari diplomatici a Malindi è presente un vice console onorario che si trova nel Sabeki centre in Lamu Road, P.O. Box 704.

Un video originale per promuovere un hotel

Un video originale per promuovere un hotel. È l’esperienza che propongono i Bien Vivre Hotels del Trentino (Cavalese, Val di Fiemme). Il video è stato pubblicato da pochi giorni (sui siti degli hotel e sui social network video) e già ha ottenuto un considerevole numero di click. Il pubblico ha risposto positivamente alla novità.

Mobili da vera fabbrica AD Arredamenti produce e vende

AD ARREDAMENTI PRODUCE MOBILI SU PROGETTO DANDOTI LA POSSIBILITA’ DI AVERE UNA CASA UNICA E RAFFINATA .
GRAZIE ALLA VENDITA DIRETTA IL PRIVATO OTTIENE GRANDI VANTAGGI ECONOMICI

Francesco Insinga: In hoc tempore

Alla Galleria Marconi di Cupra Marittima proseguono gli appuntamenti della rassegna “Non lo so e non lo voglio sapere”. Dopo il successo dell’esposizione di Giuseppe Restano domenica 25 ottobre alle 18.00 si inaugura In hoc tempore, personale di Francesco Insinga. La mostra, organizzata in collaborazione con la Galleria White Project di Pescara, è curata da Renato Bianchini autore anche del testo critico.

Tutte le novità per la sposa a Milano LE nuove collezioni SPOSA MILANO LOVE 2010

ANTEPRIMA le nuove collezioni di abiti da sposa milano LOVE 2010.
Da oggi è possibile per tutte le spose ,provare presso l’atelier sposa milano LOVE tutta la nuova collezione sposa.

Pannelli metallici coibentati e isolanti

produzione pannelli metallici coibentati, PAKA PANNELLI con sede a Parma, una nuova produzione e una nuova comunicazione a livello nazionale.

Un magnifico soggiorno a Verona

Quando si arriva a Verona in una limpida giornata di primavera, si ha l’impressione che individuo e territorio vivano in completa armonia da tempo…