Article Marketing

article marketing & press release

Progressi nella lotta alla antibiotico resistenza secondo la CDC

Progressi nella lotta alla antibiotico resistenza secondo la CDC

In media, qualcuno negli Stati Uniti sviluppa un’infezione resistente agli antibiotici ogni 11 secondi e ogni 15 minuti qualcuno muore per tale infezione.

IMMAGINE IN EVIDENZA: Questa illustrazione medica, presentata nel rapporto CDC sulle minacce di resistenza agli antibiotici negli Stati Uniti, 2019, raffigura organismi fungini della Candida auris .

Questo è secondo il rapporto CDC Antibiotic Resistance Threats negli Stati Uniti, 2019, (www.cdc.gov) che è stato rilasciato il 13 novembre 2019.

Secondo il rapporto, batteri e funghi resistenti agli antibiotici causano oltre 2,8 milioni di infezioni e 35.000 morti negli Stati Uniti ogni anno.

Aggiungi infezioni causate da Clostridioides difficile – un batterio che, sebbene non in genere resistente agli antibioticisia associato all’uso di antibiotici – e il bilancio annuale delle minacce coperte dal rapporto CDC supera 3 milioni di infezioni e 48.000 decessi.

Il nuovo rapporto utilizzava fonti di dati che non erano disponibili quando l’agenzia ha pubblicato per la prima volta un rapporto di infezione resistente agli antibiotici nel 2013, e i ricalcoli più recenti di quei dati più vecchi hanno indicato che i totali nel rapporto precedente erano debolmente sottovalutati. Tuttavia, il CDC ha affermato che gli sforzi di prevenzione hanno ridotto i decessi per infezioni resistenti agli antibiotici del 18% in totale e di oltre il 27% negli ospedali da quando è stato pubblicato il rapporto precedente.

ASPETTI SALIENTI

  • Secondo il rapporto del CDC sulle minacce di resistenza agli antibiotici negli Stati Uniti, 2019,
    che è stato rilasciato il 13 novembre, batteri e funghi resistenti agli antibiotici causano oltre 2,8
    milioni di infezioni e 35.000 decessi negli Stati Uniti ogni anno.
  • Il rapporto CDC utilizzava fonti di dati che non erano disponibili quando l’agenzia ha pubblicato per
    la prima volta un rapporto di infezione resistente agli antibiotici nel 2013.
  • Da quando è stato pubblicato il rapporto precedente, l’agenzia ha affermato che gli sforzi di prevenzione
    hanno ridotto le morti per infezioni resistenti agli antibiotici del 18% in totale e di oltre il 27% negli ospedali.

“Il rapporto del 2013 ha spinto la nazione verso azioni critiche e investimenti contro la resistenza agli antibiotici“, ha dichiarato il direttore del CDC Robert Redfield, MD, in un comunicato stampa di accompagnamento. (www.cdc.gov) “Il rapporto di oggi dimostra notevoli progressi, ma la minaccia è ancora reale. Ognuno di noi ha un ruolo importante nella lotta contro di essa. Vive qui negli Stati Uniti e nel mondo dipende da questo.”

Punti salienti del rapporto

Oltre a stabilire una nuova base nazionale di infezioni e decessi per agenti patogeni resistenti agli antibiotici, il nuovo rapporto ha classificato le principali minacce resistenti agli antibiotici in base al loro relativo livello di rischio per la salute umana: urgente, grave o preoccupante.

Come il precedente rapporto, il rapporto del 2019 ha valutato il livello di minaccia relativo per ciascun patogeno in base a sette fattori:

  • impatto clinico,
  • impatto economico (se disponibile),
  • incidenza,
  • 10 anni di incidenza prevista,
  • trasmissibilità,
  • disponibilità di antibiotici efficaci e
  • ostacoli alla prevenzione.

Vale la pena notare che, sebbene la valutazione del CDC si sia concentrata sull’impatto domestico di ciascun patogeno, gli autori del rapporto hanno esaminato il contesto internazionale durante la stima delle proiezioni dell’incidenza a 10 anni. Non sorprende, anticipano che minacce urgenti e serie richiederanno maggiore attenzione e un’azione più rapida.

Ecco l’elenco completo delle minacce resistenti agli antibiotici per categoria:

Minacce urgenti

  • Acinetobacter resistente ai carbapenem (elencato come grave nel rapporto 2013)
  • Candida auris (non precedentemente elencato)
  • C. difficile
  • Enterobatteriacee resistenti ai carbapenemi
  • Neisseria gonorrhoeae resistente ai farmaci

Minacce gravi

  • Campylobacter resistente ai farmaci
  • Candida resistente ai farmaci
  • Enterobatteriacee a produzione di β-lattamasi a spettro esteso
  • Enterococchi resistenti alla vancomicina
  • Pseudomonas aeruginosa multiresistente
  • Salmonella non tifoidea resistente ai farmaci
  • sierotipo di Salmonella farmaco-resistente Typhi
  • Shigella resistente ai farmaci
  • Staphylococcus aureus resistente alla meticillina
  • Streptococcus pneumoniae resistente ai farmaci
  • tubercolosi resistente ai farmaci

Per quanto riguarda le minacce

  • Streptococco di gruppo A resistente all’eritromicina
  • Streptococco di gruppo B resistente alla clindamicina

Il S. aureus resistente alla vancomicina , elencato come rilevante nel 2013, non appare affatto nel rapporto del 2019. Dal 2002 sono stati osservati solo 14 casi negli Stati Uniti, tutti isolati, senza diffusione documentata da paziente a paziente. Tuttavia, il CDC ha affermato che continuerà a monitorare il VRSA come parte del lavoro in corso dell’agenzia per ridurre le infezioni da stafilococco nelle strutture sanitarie e nella comunità.

Il rapporto ha richiamato tre ulteriori minacce, collocandole in una cosiddetta Watch List. Questi agenti patogeni – azolici resistente Aspergillus fumigatus, farmaco-resistente Mycoplasma genitalium e farmaco-resistente Bordetella pertussis – sono attualmente responsabili per pochi, se del caso, le infezioni degli Stati Uniti. Tuttavia, o sono noti per causare infezioni in altre parti del mondo, hanno il potenziale per diffondersi rapidamente o semplicemente non sono ben compresi in questo momento. La diagnosi precoce e la prevenzione delle infezioni causate da questi agenti potrebbero avere un impatto significativo sulla salute pubblica.

Per quanto riguarda il numero stimato di infezioni, la S. pneumoniae resistente ai farmaci era il principale colpevole, con 900.000 infezioni. Successivamente è stata la N. gonorrhoeae resistente ai farmaci , con 550.000 infezioni, seguita da Campylobacter resistente ai farmaci , con 448.400 infezioni; MRSA, con 323.700 casi; e C. difficile, con 223.900 casi in pazienti ospedalizzati. C. difficile è stato responsabile del numero più alto stimato di decessi, a 12.800, seguito da MRSA, con 10.600; Enterobacteriaceae produttrici di ESBL, con 9.100; VRE, con 5.400; e S. pneumoniae resistente ai farmaci , con 3.600.

Progresso misto

Nonostante il fatto che la resistenza agli antibiotici essenziali stia aumentando in sette dei 18 agenti patogeni esaminati, secondo il CDC, sono stati compiuti progressi significativi nella prevenzione di infezioni e decessi dovuti a minacce resistenti tipicamente associate agli ospedali. Come notato sopra, i decessi per infezioni resistenti agli antibiotici negli ospedali sono diminuiti di quasi il 28% tra il 2012 e il 2017.

Tuttavia, le minacce resistenti agli antibiotici spesso presenti nell’assistenza sanitaria – tra cui CRE, MRSA e altri – sono state responsabili di oltre l’85% delle morti totali calcolate nel rapporto.

Numerose strategie CDC – prevenzione della diffusione di minacce resistenti, prevenzione delle infezioni relative a dispositivi e procedure, attuazione della strategia di contenimento (www.cdc.gov) per arrestare la diffusione di minacce emergenti e miglioramento dell’uso di antibiotici in contesti ambulatoriali – – hanno aiutato ospedali e dipartimenti di sanità pubblica a combattere le minacce resistenti agli antibiotici in tutta la nazione.

Tuttavia, l’agenzia ha affermato di rimanere preoccupata per tre infezioni resistenti agli antibiotici che sono in aumento nella comunità:

  • Più di mezzo milione di infezioni da gonorrea resistenti si verificano ogni anno, il doppio del numero riportato nel 2013.  N. gonorrhoeae ha sviluppato resistenza a tutti tranne una classe di antibiotici e metà di tutte le infezioni sono resistenti ad almeno un antibiotico.
  • Come una delle principali cause di morte tra i patogeni resistenti ai farmaci, le Enterobacteriaceae produttrici di ESBL esacerbano le infezioni del tratto urinario, specialmente nelle donne, e potrebbero annullare i progressi compiuti negli ospedali se autorizzati a diffondersi lì.
  • Le infezioni invasive dallo streptococco di gruppo A resistente all’eritromicina sono quadruplicate dal rapporto del 2013. Se la resistenza continua a crescere, le infezioni e le morti potrebbero aumentare.

Azioni CDC

L’ iniziativa per le soluzioni di resistenza agli antibiotici del CDC (www.cdc.gov) è progettata per adottare un approccio globale per superare la resistenza agli antibiotici

  • investire in modo significativo in ciascuno stato attraverso programmi come AR Laboratory Network, che mira a rilevare e prevenire rapidamente infezioni resistenti agli antibiotici;
  • collaborare con gruppi come CMS, Agenzia per la ricerca e la qualità della sanità e altri partner federali, esperti di dati e professionisti sanitari per migliorare l’uso degli antibiotici attualmente disponibili;
  • continuare a fornire campioni di agenti patogeni resistenti dalla Banca dell’Isolato AR agli sviluppatori di test diagnostici e farmaceutici per trovare nuovi farmaci e trattamenti;
  • investire milioni di dollari per trovare strategie di prevenzione che possono essere ridimensionate in tutta la nazione;
  • collaborare con l’industria privata per migliorare la sicurezza dei prodotti alimentari, i dispositivi medici e le capacità di sorveglianza; e
  • coordinarsi con i partner nazionali per espandere la capacità di risposta e prevenzione nazionale, nonché con i partner globali per migliorare la capacità di combattere la resistenza agli antibiotici in tutto il mondo.

FONTE: www.aafp.org

IMMAGINE:  aafp.org

Leave A Comment

Your email address will not be published.