Article Marketing

article marketing & press release

Aita Mari, la nave di salvataggio per migranti che sfida la Spagna nel Mediterraneo

Aita Mari, la nave di salvataggio per migranti che sfida la Spagna nel Mediterraneo

Il 12 novembre, un ex peschereccio gestito dall’ONG spagnola Salvamento Marítimo Humanitario ha lasciato il porto di Mitilini, Lesbo, in Grecia.

Era bloccato da quasi un anno dopo il trasporto di oltre otto tonnellate di aiuti umanitari da Guipúzcoa, nel nord della Spagna, all’isola greca.

Ora si trova nelle acque del Mediterraneo centrale, lavorando in coordinamento con le autorità maltesi nell’area di ricerca e salvataggio assegnata al paese.

“Se incontriamo una barca, informeremo le autorità e ci metteremo a loro disposizione. E se vedono una barca vicino alla nostra barca, ci daranno le istruzioni per operare”, ha spiegato a Euronews Iñigo Mijangos, presidente di SMH. , dalla nave.

“Se loro (la barca) si trovano nella zona della Libia SAR e non possono essere ritenuti responsabili, avvertiranno Malta e ci avvertiranno”, ha aggiunto.

Sfida

Proprio come la nave Open Arms , di proprietà di un’altra ONG spagnola, Aita Mari ha sfidato il divieto di ricerca e salvataggio delle navi operanti nel Mediterraneo centrale, nonostante le minacce di un divieto a vita per il capitano e una multa fino a € 901.000 .

Ma Mijangos è fiducioso che, mentre lavorano in coordinamento con le autorità maltesi, le sanzioni non verranno applicate.

“Ciò che il governo vuole con la minaccia di un’ammenda non è quello di affrontare la circostanza che abbiamo un sacco di persone a bordo senza un porto di sbarco”, ha detto.

Sostiene che la Spagna è a conoscenza del fatto che l’Aita Mari è una nave di salvataggio con una capacità limitata di trasportare persone, e fintanto che le autorità maltesi forniranno un porto di sbarco, le sanzioni non verranno applicate.

Non è solo la Spagna che ha litigato con le barche da pesca e di salvataggio nel Mediterraneo. All’inizio di quest’anno, il capitano tedesco della Sea Watch, Carola Rackete, è stato arrestato dopo aver infranto un divieto italiano di attraccare a Lampedusa.

Sebbene i parlamentari olandesi appoggiassero l’ONG, il governo fornì scarso sostegno.

Sul ponte di Aita Mari, il capitano Marco Martinez ha controllato il tempo per le prossime ore mentre il volontario medico Josu Beitia, un pensionato, ha esaminato l’orizzonte verso la Libia con un binocolo, cercando un piccolo punto in mezzo al mare.

A prua sono state scoperte le due navi di salvataggio più piccole e la gru che le rilascia, pronte per essere spedite rapidamente se necessario. A poppa, quattro centiflats erano pronti per essere gonfiati.

Il bollettino meteorologico ha confermato un vento da sud, che avrebbe potuto aumentare il numero di imbarcazioni che salpavano dalla costa libica. Ma le onde – che erano di oltre due metri – non promettevano nulla di buono per qualsiasi barca che attraversasse le 200 miglia per Malta o Lampedusa.

“Con queste onde, qualsiasi gommone come quelli che usano finisce per affondare. Non ha alcuna possibilità”, ha detto Martínez.

Sabato 16 novembre, Ocean Viking, un’altra nave di salvataggio che opera nella zona, ha trovato una grande barca di gomma praticamente affondata a 30 miglia dalla costa libica. I soccorritori in genere contrassegnano le barche che vengono salvate prima di rilasciarle, ma questa nave non aveva tale contrassegno.

Aita Mari - Mitilini Lesbo
“Le barche sono piene di persone e con queste temperature si sgonfiano di notte, facendo cadere una persona nell’acqua, afferrando la persona di fronte a loro e facendole cadere anch’esse”, Martínez, che ha trascorso un anno sulla Open Arms, ha spiegato.

“Ma la barca continua la sua rotta, non si ferma. È una tragedia.”

Ha detto che una volta Aita Mari ha salvato una donna con tre bambini che non smetteva di piangere.

“Abbiamo scoperto che suo marito era caduto nell’acqua poche ore prima che li trovassimo. Sei tu quello che fa i modelli di ricerca e pensi che se l’avessi fatto in un altro modo, forse li avremmo trovati prima … Devi imparare a gestire tutto questo al ritorno. O lo fai o non puoi continuare la tua vita in modo normale “, ha detto Martinez.

1.091 morti

Quando calò la notte sul Mediterraneo, un turno finì e un altro iniziò. L’equipaggio deve rimanere costantemente in allerta se viene dato un segnale, sia sul radar che via radio.

“Questa situazione della crisi umanitaria nel Mediterraneo è prodotta dalla volontà dell’Unione europea di creare uno spazio nero, senza diritti nella zona della Libia SAR. Non hanno la capacità di rispondere alle richieste di aiuto. L’Unione europea ha hanno fornito loro barche e addestramento per giustificarsi. In questo modo normalizzano le “deportazioni sommarie” “, ha affermato Mijangos.

“Se in questa zona SAR ci fosse un naufragio di uno yacht di cittadini europei, i libici non sarebbero mai incaricati di prendersi cura di quella barca. L’UE non sarebbe così scrupolosa nell’affermare che la Libia è responsabile. Ma sono migranti, questa è la realtà. Il punto è giustificare una “deportazione sommaria” “, ha continuato.

E le barche non riescono a trovare tutti.

A partire dal 18 novembre, 1.091 migranti hanno perso la vita nel tentativo di raggiungere il Mediterraneo finora quest’anno, e questa cifra conta solo i corpi recuperati.

FONTE: euronews.com

Leave A Comment

Your email address will not be published.