Article Marketing

article marketing & press release

I Tudor

La storia dei Tudor in Inghilterra
Durante il regno di Enrico VIII, che sale al trono nel 1509, si pongono le basi della potenza navale inglese, con la costruzione di cantieri a Deptford e a Woolwich, che portano la flotta da 5 a 53 navi. Di conseguenza la città si espande verso est e sorgono i primi quartieri fuori dalle mura della City. Ma è soprattutto Westminster a trasformarsi. Quel principe tanto pio da essersi guadagnato il titolo di Fidei Defensor per uno scritto contro Lutero, porterà infatti l’Inghilterra nel campo di Roma è protestante, e la rottura con la chiesa di Roma è un’ottima occasione per confiscarne le proprietà e farne terreni di caccia per la corte, o costruirvi palazzi per il re e i suoi nobili. Alla morte di Enrico VIII l’unico figlio maschio, Edoardo, ha nove anni. Regna sotto la tutela della zio duca di Somerset, odiato da molti e assai poco amato anche dal nipote, che il 22 gennaio 1552 annota freddamente nel suo diario: “ Stamattina il duca di Somerset ha avuto la testa mozzata su Tower Hill”. Edoardo muore nel 1553 a 15 anni. Dopo il tragico intermezzo di lady Jane Grey, gli succedono le sorelle: prima Maria, che nel tentativo di imporre nuovamente il cattolicesimo manda al rogo o fa decapitare qualche centinaio di persone, guadagnando il soprannome di Sanguinaria, poi Elisabetta. E’ l’era dei grandi viaggi di scoperta, che pongono le basi del futuro impero: nascono le prime colonie americane, viene fondata la East India Company, impresa commerciale che finirà per governare l’India. La prima grande vittoria navale inglese è, nel 1588, la distruzione dell’Armada, la flotta con cui Filippo II di Spagna vorrebbe invadere l’Inghilterra. Con Elisabetta I, lo splendore del Rinascimento giunge al culmine, fiorisce la letteratura, soprattutto il teatro. Londra che all’inizio del Cinquecento aveva 50.000 abitanti (mentre Napoli superava i 100.000 e Parigi i 200.000), alla fine del secolo ne conta 250.000. Per un approfondimento ulteriore clicca qui: http://www.camereaffittolondra.it/blog/

Leave A Comment

Your email address will not be published.