Article Marketing

article marketing & press release

Greta Thunberg e la sua generazione di giovani: arrabbiati sui problemi del clima

Greta Thunberg e la sua generazione di giovani: arrabbiati sui problemi del clima

BERLINO – È sicuro dire che chiunque volasse alla conferenza mondiale sul clima di quest’anno a Madrid avrebbe avuto una scusa a tenuta stagna se incontra Greta ThunbergL’adolescente svedese ha fissato uno standard elevato per funzionari governativi, scienziati e attivisti ambientalisti che partecipano ai colloqui dal 2 al 13 dicembre, decidendo di tornare indietro attraverso l’Atlantico in seguito a un cambio di rotta dell’ultimo minuto dal Cile.

L’ attivista giovanile per i cambiamenti climatici, Greta Thunberg, interviene in un’audizione della sottocommissione della commissione per gli affari esteri della Camera sui cambiamenti climatici a Capitol Hill a Washington. “Generation Greta” è diventata una forza vocale nel dibattito sul riscaldamento globale.

Il costante rifiuto di Thunberg di portare l’aereo in Spagna è un elemento chiave del messaggio del movimento mondiale che ha contribuito a creare e della serietà con cui i suoi seguaci perseguono la loro causa.

Si prevede che centinaia di migliaia, se non milioni, di giovani in gran parte si raduneranno nelle città di tutto il mondo venerdì per chiedere ai governi di intensificare gli sforzi per frenare il cambiamento climatico. È probabile che Thunberg si unisca a loro nello spirito della barca a vela La Vagabonde sulla quale attraversa l’Atlantico insieme a un piccolo equipaggio. Spera di arrivare a Madrid in tempo per mettere i leader mondiali sul posto, ancora una volta, su ciò che stanno facendo per proteggere la sua generazione dal peggio del riscaldamento globale.

La sedicenne è diventata fonte d’ispirazione per colleghi come August Wietfeldt, un dirigente della Lusher Charter School di New Orleans, che afferma che Thunberg ha contribuito a mettere in luce il modo in cui le generazioni precedenti hanno esaurito le risorse in modo insostenibile.

“Il guadagno a breve termine è semplicemente orribile perché la nostra generazione e quelle successive dovranno sopportarne le conseguenze”, ha affermato. Wietfeldt teme che i cambiamenti climatici possano innescare enormi problemi economici e sociali simili a quelli osservati negli anni ’30, quando una grave siccità causò la migrazione di massa dalle zone agricole americane verso gli stati occidentali.

“Se non combattiamo la perdita di terra, ciò accadrà di nuovo”, ha detto. “Dobbiamo davvero agire per prevenire scenari del genere.” Insieme ad altri membri del Club SEA della scuola – Students for Environmental Action – Wietfeldt ha contribuito a raccogliere la spazzatura in un parco sul fiume Mississippi.

A distanza di oceano, Jennifer Selfa condivide questo spirito pratico nel suo gruppo di conservazione della scuola a Lagos, in Nigeria. “Alcune delle cose che ho fatto per ridurre i cambiamenti climatici sono la piantagione di alberi”, ha detto la quindicenne.

La professoressa Victoria Ebesunan ha affermato che gli studenti stanno aiutando a combattere l’ignoranza sui cambiamenti climatici, diffondendo la parola nel dialetto locale – piuttosto che in inglese – sulla necessità di proteggere l’ambiente.

Questa crescente consapevolezza è diventata un fattore importante nel dibattito sul clima nel corso dell’ultimo anno, ha affermato Andrew Steer, capo del gruppo di risorse ambientali con sede a Washington, World Resources Institute. “Non abbiamo mai avuto 7 milioni di persone, quasi tutte giovani, in marcia prima”, ha detto Steer, riferendosi agli “scioperi climatici globali” che hanno segnato momenti di protesta concertata in tutto il mondo nel corso dell’ultimo anno – spesso organizzati in gran parte sui social media.

Greta Thunberg
La sola Thunberg ha accumulato oltre 3 milioni di follower su Twitter da quando ha lanciato le sue proteste individuali di fronte al parlamento svedese l’anno scorso. Steer ha detto che non è ancora chiaro se il movimento, così com’è, continuerà a crescere. Ma le indicazioni indicano che almeno nelle prossime elezioni presidenziali degli Stati Uniti, i cambiamenti climatici avranno un ruolo di primo piano.

“Il problema è all’ordine del giorno sia negli Stati Uniti che a livello globale”, ha affermato. Semplicemente, i candidati non possono ignorare ciò che sta succedendo. In Louisiana, di fronte a un’epica perdita di terra che peggiorerà solo se il riscaldamento globale aumenta ulteriormente i livelli del mare, affrontare i cambiamenti climatici non è una semplice moda studentesca.

L’anno scorso, la New Harmony High School ha aperto con l’obiettivo di preparare gli studenti alle carriere nella protezione e nel ripristino delle coste. “Vogliamo aiutare, quindi possiamo rimanere qui per più di 50 anni, perché voglio crescere i miei figli qui”, ha detto il secondo anno Michael Bailey mentre recentemente ha usato una pala per tagliare le viti invasive da un albero nativo.

“Apportando un piccolo cambiamento – potremmo vedere cosa succederà”. All’inizio di quest’anno, i segnali di una “ondata verde” in politica sono emersi nelle elezioni per il Parlamento europeo, dove i partiti ambientalisti sono stati tra i grandi vincitori del voto.

Il partito verde austriaco è pronto a entrare nel governo per la prima volta, mentre nella vicina Germania il suo partito gemello è stato in testa alle urne per mesi. Franziska Heinisch, una ventenne studentessa e attivista climatica della città di Heidelberg, nella Germania sud-occidentale, ha dichiarato di essere fiduciosa che “Generation Greta“, come alcuni l’hanno definita, viene ascoltata dai potenti. Il raduno globale di questa settimana sarà seguito il 6 dicembre da una manifestazione a Madrid, a metà della conferenza sul clima.

“La pressione sta semplicemente crescendo”, ha detto Heinisch, aggiungendo che il discorso schietto di Thunberg – ha confrontato notoriamente i leader mondiali di New York con le parole “come osi?” – riflette parte della rabbia che i giovani provano nei confronti dei suoi anziani.

Per Johan Rockström, condirettore dell’Istituto tedesco di Potsdam per la ricerca sull’impatto climatico, il movimento giovanile ha inserito un elemento di moralità nel dibattito sul clima, ha affermato Rockström. “(Ha creato) una nuova narrazione attraverso le generazioni della società per dire, guardare, qui: un futuro sano, pulito, sostenibile e sicuro è ciò che vogliamo”, ha detto.

Le generazioni successive potrebbero un giorno guardare indietro e vedere l’inizio delle proteste di massa come il momento in cui la marea ha iniziato ad attivare il riscaldamento globale. “Non lo sappiamo ancora, ma potrebbe essere il punto di svolta”, ha detto Rockström.

Dorothee Thiesing a Berlino, Lekan Oyekanmi a Lagos, in Nigeria, e Rebecca Santana e Stacey Plaisance a New Orleans hanno contribuito a questo rapporto.

Segui la questione climatica di AP su www.apnews.com/Climate

FONTE: www.mail.vom
IMMAGINE: www.mail.com

 

Leave A Comment

Your email address will not be published.