Article Marketing

article marketing & press release

La bramosia dell’oro da Re Mida fino alla scoperta dell’oro realizzato in laboratorio

Compro oro Firenze

Fin dall’antichità la bramosia che l’uomo prova per l’oro ha portato molte persone a compiere atti e sacrifici per raggiungere il prezioso metallo giallo, anche nella mitologia ci sono esempi di tale fatto, Re Mida amava talmente l’oro da rischiare di morire visto che aveva chiesto e ottenuto da Dioniso di avere la facoltà di trasformare in oro tutto ciò che toccasse salvo poi pentirsene e riuscire a convincere lo stesso Dioniso toglierli tale facoltà. Ma la lezione di Re Mida non è certo servita di esempio, in molti nel corso della storia si sono affannati provocando anche fatti e misfatti di piccole e grandi entità pur di venire in possesso di tesori e grandi quantità d’oro per mezzo della sua estrazione, spesso il prezioso metallo giallo è stato motivo di guerre e delitti di ogni genere ma in qualche modo la sua storia sembra legata a doppio filo a quella dell’uomo, una delle teorie che sono presenti anche nella Genesi è proprio quella che vede la creazione dell’umanità per l’esigenza di popoli di altri pianeti che erano arrivati sulla terra per raccogliere l’oro presente sulla terra e che per estrarlo avevano creato l’uomo da utilizzare come manodopera nella lunga e faticosa opera di estrazione. Anche nei tempi moderni l’oro ha mantenuto non solo il suo fascino in quanto metallo splendente e dall’aspetto regale ma anche la sua grande importanza essendo un asset necessario persino alla stabilità dell’economia degli stati, tanto da essere accumulato e mantenuto nelle banche centrali di tutti i paesi più importanti dai quali viene considerato una riserva di valore insostituibile, l’attuale corsa della Cina all’acquisto dell’oro è solo l’ultimo esempio di questa esigenza di accumularne quantità sufficienti a garantire stabilità all’economia, senza le quali anche una superpotenza come quella Asiatica rischierebbe di divenire un gigante da piedi di argilla. Nonostante l’estrazione dell’oro si possa effettuare con metodi diversi attualmente quella che produce risultati maggiori è sicuramente quella che avviene attraverso le miniere che dopo avere individuato un filone o una zona ad alta densità lo recupera attraverso la movimentazione di grosse quantità di materiale e complicate successive fasi di lavorazione che comunque sono piuttosto costose, la presenza dell’oro sulla terra è piuttosto uniforme anche se solitamente disseminato in quantità molto basse e per questo nella maggior parte dei casi non conveniente da estrarre. Un’altra strada è stata intrapresa fin dai tempi antichi per ottenere il prezioso metallo giallo, sulla falsa riga della lggenda di Re Mida alcuni hanno speso la propria esistenza alla ricerca di un metodo utile ad ottenere oro partendo da materiali non nobili e sicuramente più facili da reperire, furono gli alchimisti in questo i pionieri di tale ricerca i quali pensavano fosse possibile ottenere oro da vili metalli attraverso l’intercessione della pietra filosofale, alla quale si attribuiva praticamente un potere onnipotente, ma che in realtà a parte l’esistenza di vari racconti non si ha prova dell’esistenza di tale elemento. Anche attualmente la ricerca in tal senso è continuata anche se sottotraccia, basandosi sull’evoluzione scientifica e tecnologica che ha apermesso di capire la composizione della materia attraverso gli atomi oggi è possibile attraverso mezzi e procedimenti complessi ottenere materie prime partendo da altre, il limite di questa strada è rappresentato dagli immensi costi necessari a sostenere tali cambiamenti relegandoli al solo scopo scientifico in quanto totalmente controproducenti da utilizzare per fini commerciali. Notizie diverse i tal senso sembra giungano dalla Russia paese estremamente all’avanguardia in questo settore, anche se sembra che la scoperta di un metodo conveniente di creazione dell’oro sia stato scoperto casualmente come spesso avviene in questi casi, sembra che una lastra di piombo sia divenuta una lastra d’oro puro dopo essere stata utilizzata come protezione durante un esperimento nucleare, alla base di questo risultato sembra ci siano esperiemnti di fusione nucleare, considerando che nei pressi di mosca esista uno dei centri tra i più attrezzati del mondo per questo genere di esperimenti dove processi di questo genere vengano ormai svolti da molti anni per vari motivi. I dettagli di tale scoperta vengano chiaramente non divulgati in quanto se ciò fosse reso possibile a bassi costi rappresenterebbe un vantaggio finanziariamente strategico di grandissima importanza visto il ruolo primario svolto dall’oro anche nella finanza e nell’economia moderna.

Leave A Comment

Your email address will not be published.