Article Marketing

article marketing & press release

Aspetti Giuridici di Internet – Quaderni dell’Internet Italiano

La INTERNET GOVERNANCE è lo sviluppo e l’applicazione da parte dei governi, del settore privato e della società civile – nei loro rispettivi ruoli – di principi, norme, regole, procedure decisionali e programmi condivisi che determinano l’evoluzione e l’uso di Internet. Ed è proprio in questa ottica che le Nazioni Unite nel 2006 hanno attivato un Forum (IGF Internet Governance Forum) da tenersi annualmente per un quinquennio, per allargare a tutti le discussioni sul futuro della rete.

Il Ministro Nicolais ha istituito un Comitato Consultivo sulla Internet Governance, coordinato dal Prof. Stefano Rodotà, per accompagnare il Governo italiano nella predisposizione delle linee di azione italiane sui temi della INTERNET GOVERNANCE.

Il concetto di INTERNET GOVERNANCE include tutte le attività che in qualche modo determinano la direzione di sviluppo della rete, nei suoi vari aspetti tecnici, economici, sociali, giuridici e politici: non comprende soltanto gli standard, i nomi a dominio e gli indirizzi di Internet, ma include anche altre questioni di politica pubblica che hanno necessità di essere coordinati, come la libertà di espressione in rete, l’accesso alla rete, il rispetto delle diversità, la sicurezza, tutti aspetti legati allo sviluppo e questioni pertinenti l’uso di Internet.

La linea generale del Governo italiano per quanto riguarda gli interventi sulla rete è di intervenire in una modalità leggera, solo nei casi necessari per prevenire usi distorti e dannosi per l’interesse pubblico. Questo però non impedisce che talvolta vengano prese decisioni che non sono compatibili con la natura stessa della rete: il caso più recente è stato quello della legge Levi-Prodi sull’editoria.

Segnalo infine che l’Italia ha recentemente proposto una “carta costituzionale” dei diritti di Internet che salvaguardi la libertà degli internauti e garantisca a tutti il diritto alla connettività. Questi diritti e principi – che derivano dalle discussioni sulle politiche di Internet – includono, fra gli altri, la privacy, la protezione dei dati, la libertà di parola, l’accesso universale, la neutralità della rete, l’interoperabilità, la possibilità di raggiungere tutti i nodi Internet, l’uso di formati e standard aperti, l’accesso pubblico alla conoscenza, ed il diritto ad innovare, così come le regole del mercato libero, fra le quali il diritto ad un mercato online giusto e competitivo e i diritti dei consumatori in generale.

Leave A Comment

Your email address will not be published.