Article Marketing

article marketing & press release

Sardine viste dall’estero – nytimes.com

Sardine viste dall’estero – nytimes.com

Il nuovo movimento “Sardine” in Italia impazza le piazze per protestare contro Matteo Salvini leader di estrema destra. Un movimento liberale di base mira a sostenere la civiltà, l’uguaglianza e un candidato per ridurre la retorica anti-migrante di Matteo Salvini. Una manifestazione contro il populismo di destra sabato ha riempito San Giovanni in Piazza Lateranense a Roma.

Immagine in evidenza:

ROMA – Un movimento di base per protestare contro il populismo del leader italiano di estrema destra Matteo Salvini ha dimostrato sabato la sua forza crescente, trascinando decine di migliaia di persone in una vasta piazza di Roma nella sua prima manifestazione nazionale. Il movimento delle Sardine, chiamato per la sua capacità di riempire le piazze, riflette un disgusto generale tra molti italiani liberali sulla lingua anti-migrante e anti-europea di Salvini.

“Qualcosa è già cambiato nel panorama politico italiano”, ha dichiarato Mattia Santori, 32 anni, uno dei fondatori del movimento. Ha affermato che il suo scopo principale era combattere l’apatia e offrire uguaglianza, rispetto della Costituzione e istituzioni italiane più forti come un modo per contrastare l’odio e i temi essenziali di Salvini: opposizione all’immigrazione , antagonismo nei confronti dell’Europa e maggiore sicurezza. Le sardine sono state ispirate ad organizzare dal voto della campagna Salvini di “liberare” la roccaforte liberale dell’Emilia Romagna alle elezioni regionali del prossimo mese. Temono che se il signor Salvini può vincere lì, può vincere ovunque.
Gli italiani hanno riempito San Giovanni in Piazza Lateranense sabato, con cartelli con scritto “Umanità e rispetto” e “Indifferenza, il lato oscuro dell’umanità”. Alcuni portavano bandiere dell’Unione Europea.
Gli organizzatori hanno cercato di caratterizzare il movimento come un ampio appello pubblico positivo per una maggiore civiltà in politica. Ma alcuni degli slogan del raduno esprimevano un tono diverso: “L’unico bravo fascista è un fascista fritto”, diceva uno striscione.
E uno sguardo intorno alla piazza ha chiarito che si tratta di una risposta specifica al signor Salvini e al suo partito della Lega come una dichiarazione più ampia. Eduardo Scirè, 28 anni, si è fatto strada tra la folla con una scatola decorata con immagini di sardine, con la scritta “Come batteremo Salvini?”
“Abbiamo bisogno di nuove idee”, ha detto mentre una donna metteva una lunga nota nella scatola.

In un’intervista, Santori ha affermato che l’obiettivo delle Sardine a questo punto non è stato quello di generare proposte specifiche,  ma piuttosto di creare un’energia di base. Il movimento cerca di sostenere un affermato candidato di sinistra, chiunque esso sia , contro il candidato del partito della Lega Salvini alle elezioni in Emilia Romagna alla fine di gennaio.

Santori ha detto che il movimento non ha voluto diventare un partito politico, ma ha suggerito che non era nemmeno impossibile. Domenica, gli organizzatori delle Sardine hanno in programma di incontrarsi con organizzatori di incontri locali da tutta Italia per capire meglio il movimento e dove potrebbe andare.

Salvini, che è stato politicamente messo da parte l’estate scorsa, guida il partito della Lega. Ha un solido sostegno e una sofisticata organizzazione politica mentre cerca di andare al potere nelle regioni tradizionalmente di sinistra. A metà novembre, Salvini era pronto a dare il via alla campagna del suo partito a Bologna, il capoluogo della regione, in un’arena che ospitava 5.700 persone. Il signor Santori ha inviato un messaggio ad alcuni amici per incontrarsi il giorno successivo.

A pranzo a Bologna, hanno deciso di diffondere un invito su Facebook a un raduno “flash mob” in una piazza di Bologna, anche se senza banner politici o di partito. Speravano in 6.000 persone. Invece sono arrivati ​​15.000.
I successivi raduni riempirono le piazze intorno alla regione e poi al paese. A Firenze, Torino e altrove, le Sardine hanno cantato una canzone di resistenza antifascista, “Bella Ciao“, che è stata strettamente associata alla sinistra italiana per decenni.

Sabato, alla manifestazione di Roma, giovani e meno giovani hanno cantato ripetutamente la canzone mentre Ismail Sylla, una 23enne del Mali, marciava con altri migranti in un gruppo chiamato “le sardine nere“.

Sylla ha dichiarato che il gruppo spera nell’abrogazione del severo decreto sulla sicurezza di Salvini , una misura approvata dal Parlamento alla fine dell’anno scorso che ha represso i migranti illegali. Alla domanda su cosa avrebbe fatto se il signor Salvini fosse tornato al potere, ha detto: “Non voglio sentire la domanda. È un grosso problema per noi. Abbiamo sofferto così tanto sotto di lui. ” Il tono pacifico e rispettoso delle manifestazioni ha reso difficile per il signor Salvini deriderle con le sue solite caratterizzazioni: elementi di estrema sinistra o elitari molto lontani dal mainstream italiano. E man mano che il movimento delle Sardine è cresciuto, ha costruito una metrica di supporto a cui l’operazione Salvini presta attenzione: il supporto della pagina Facebook di Santori è aumentato a oltre 200.000 follower.

Santori ha affermato che lo stile di comunicazione della sinistra è obsoleto perché nessuno vuole più ascoltare discorsi di un’ora, soprattutto quando l’operazione sui social media di  Salvini – chiamata La Bestia – elimina tweet, post di Facebook Live e video per l’app TikTok.

“Ci sono persone che pensano che tu possa battere la Bestia di Salvini con manifestazioni politiche degli anni ’90; sfortunatamente, non funziona in questo modo “, ha detto, aggiungendo,” Dobbiamo proporre un’alternativa che in qualche modo è interessante “.
Salvini, che per primo ha deriso il gruppo, scrivendo su Twitter che gli piaceva di più i gattini perché “mangiano sardine quando hanno fame”, poi è passato a criticare la sua mancanza di proposte. In seguito ha espresso apprezzamento per il suo impulso democratico, dicendo: “Più persone partecipano, meglio è”.
Il movimento delle Sardine è un contraccolpo contro il populismo del leader di estrema destra Matteo Salvini.
Il suo ammorbidimento potrebbe avere a che fare con l’evidenziarsi delle dimensioni delle sardine nei sondaggi. Alcuni sondaggi hanno dimostrato che le sardine catturerebbero il 17% dell’elettorato nazionale se diventassero un partito. Ma anche il signor Santori riconosce che la vera misura del movimento arriverà nelle elezioni dell’Emilia Romagna.
Ha detto che dopo che le sardine hanno iniziato a riempire le piazze, il candidato per il centro-sinistra è stato in grado di attirare i sostenitori dei suoi eventi. Senza le sardine, ha detto, “non l’avrebbe fatto”.Ma la recente storia italiana ha una storia di movimenti di protesta che sembravano importanti e poi scomparsi.Nel 2002, quando l’ex primo ministro Silvio Berlusconi ha dominato la politica italiana, le proteste liberali dei Girotondini si sono opposte al magnate. E poi sono scomparsi.
Ma poi di nuovo, alcuni movimenti hanno preso il controllo del paese.
Manifestazioni arrabbiate nel 2007 hanno dato vita al Movimento a cinque stelle, che nel 2018 ha vinto le elezioni nazionali. Ha governato in una coalizione con il partito della Lega di estrema destra del sig. Salvini prima di passare con il partito democratico di centro sinistra questa estate.
Santori ha respinto qualsiasi paragone con il Movimento a cinque stelle e il suo messaggio anti-istituzione che ha ridotto sia la destra che la sinistra.
“C’è una differenza”, ha detto. “Ad un certo punto devi scegliere dove ti trovi.”

Mentre le sardine sono ovviamente contrarie al sig. Salvini e al nazionalismo, se il movimento avrà importanza o meno alla fine potrà dipendere dal fatto che chiarisca ciò che rappresenta al di là della civiltà e dei diritti umani.

“Abbiamo riempito la piazza, missione compiuta”, ha detto Santori alla folla sabato. Ma vicino al palco, dove i giovani hanno cantato “Bella Ciao“, un giovane aveva una domanda chiave scritta su cartone: “All’urna”, si legge, “staremo vicini e uniti?”

FONTE:  nytimes.com
IMMAGINI:  Credit Gregorio Borgia / Associated Press  |
AUTORE: Jason Horowitz – Capo dell’ufficio di Roma, che copre l’Italia, il Vaticano, la Grecia e altre parti dell’Europa meridionale. In precedenza ha coperto la campagna presidenziale del 2016, l’amministrazione e il Congresso di Obama, con particolare attenzione ai profili e alle caratteristiche politiche.

Leave A Comment

Your email address will not be published.