Article Marketing

article marketing & press release

Sea-Watch 3 naviga ora sotto bandiera tedesca

Sea-Watch 3 naviga ora sotto bandiera tedesca

L’organizzazione di salvataggio privata con sede in Germania Sea-Watch ha annunciato che dal 5 dicembre è registrata sotto la bandiera tedesca. L’organizzazione ha affermato di avere “scarsa fiducia” nei Paesi Bassi come stato di bandiera.

Quando il Sea-Watch 3 sarà autorizzato a lasciare l’Italia, dove è attualmente attraccato, navigherà sotto una bandiera tedesca, ha comunicato l’organizzazione di salvataggio privata Sea-Watch in un comunicato stampa giovedì 5 dicembre.

“In base al diritto internazionale, i Paesi Bassi come stato di bandiera sono responsabili di garantire che le navi possano sbarcare in un porto sicuro il più presto possibile dopo un’operazione di salvataggio”, si legge nella nota stampa di Sea-Watch. Tuttavia, hanno affermato che ogni volta che avevano fatto appello ai Paesi Bassi per assicurarsi che la legge fosse confermata “i Paesi Bassi avevano ripetutamente mancato di assumersi le proprie responsabilità”. Invece, hanno affermato che il paese aveva “lasciato il posto a tentativi politicizzati di impedire alle persone salvate Sea-Watch 3 arriva dall’Europa. ”

L’organizzazione ha aggiunto che il governo olandese ha “costantemente dimostrato aggressività nei confronti delle persone in movimento e di coloro che sono solidali con loro”.

“Delusi ma non sorpresi”

Sea-Watch ha dichiarato di essere “delusi dal corso degli eventi” ma non sorpresi.

Da luglio, Sea-Watch 3 è stato trattenuto dalle autorità italiane dopo che il suo capitano Carola Rackete, all’epoca, aveva chiamato un’emergenza a seguito di un lungo scontro  con migranti salvati a bordo  ed è entrato nel porto di Lampedusa. Alla nave era stato proibito di entrare con decreto di Matteo Salvini, che all’epoca era ministro degli interni.

L’umanitaria Carola Rackete sta attualmente affrontando accuse in Italia dopo aver attraccato lì la sua nave di soccorso sovraffollata | Foto: DW / B.Riegert

Sea-Watch afferma che da allora è stato “impedito loro di navigare dalle autorità italiane senza una base giuridica apparente”. Le autorità olandesi non hanno fatto “nulla per garantire il rilascio della nave”, aggiungono.

Lavorando contro Sea-Watch

Nel corso del 2019, Sea-Watch afferma che, attraverso una richiesta di libertà di informazione, si sono resi conto che alcuni membri del gabinetto olandese sembravano spingersi verso politiche che prendessero direttamente di mira l’organizzazione. Secondo Sea-Watch, Cora Van Nieuwenhuizen, ministro olandese per le infrastrutture e la gestione delle risorse idriche, che appartiene al partito liberale di destra VVD (Partito popolare per la libertà e la democrazia), “era alla ricerca di modi per limitare lo sbarco delle persone salvate dalle navi delle ONG “, introducendo una nuova politica sulla sicurezza delle navi.

Sea-Watch afferma che “dai documenti pubblicati emerge chiaramente che lo stato non si occupa della sicurezza a bordo delle navi olandesi, ma del controllo della migrazione“. L’organizzazione ha già vinto un caso contro il ministro in un tribunale olandese ad aprile quando ha tentato per la prima volta imporre severi controlli di sicurezza sulla loro nave. Due diversi tribunali olandesi, scrive l’organizzazione, “hanno dichiarato che il ministro ha violato le regole del buon governo e che l’urgenza di attuare la politica non ha superato le possibili conseguenze; persone che affogano nel Mar Mediterraneo. ”

Ufficialmente i Paesi Bassi adottano una politica di “armi aperte” che, secondo Sea-Watch, introdotta nel 1989 “per rendere più facile la navigazione delle navi delle ONG sotto la bandiera olandese”. Bandiera olandese ma per Sea-Watch “è chiaro che il clima politico è impossibile da attuare”.

“Una perdita per i Paesi Bassi”

Suzanne Kroger, parlamentare olandese del partito della Sinistra Verde, ha commentato di essere delusa per la decisione di Sea-Watch di rinunciare alla bandiera olandese. Lo ha definito una “perdita per i Paesi Bassi” e ha dichiarato che sembra contraddire la politica di apertura per la quale il ministro delle Infrastrutture e dell’Acqua afferma di sostenere.

Weitere Tweets von Suzanne Kröger ansehen

“In attesa di una fruttuosa relazione con il governo tedesco”

Sea-Watch ha dichiarato di “attendere con impazienza una relazione proficua in cui il governo tedesco si assume pienamente le proprie responsabilità di nuovo stato di bandiera, senza interferenze politiche”. Hanno affermato di sperare di “tornare presto a navigare” per “monitorare le conseguenze di La mortale politica migratoria dell’Europa nel Mar Mediterraneo e, se necessario, salva le persone in difficoltà. ”

Il 4 dicembre, Rackete, che non fa più parte dell’equipaggio Sea-Watch, ha sottolineato su Twitter che gli 11 migranti a bordo del Sea-Watch 3 che la Germania avrebbe dovuto accettare erano finora ancora in Italia. Ha aggiunto che tutti gli altri a bordo “erano già stati trasferiti” e che questa “non era purtroppo un’eccezione”, quando si trattava di promesse da parte delle autorità tedesche e della realtà.

FONTE: www.infomigrants.net
AUTORE: Emma Walls
IMMAGINI: infomigrants.net

Leave A Comment

Your email address will not be published.