Article Marketing

article marketing & press release

Wood Concept: lusso e tradizione – Quando il legno incontra il LED

La contrapposizione tra tradizione e modernità, tra passato e futuro è uno dei problemi più dibattuti, da sempre, in architettura. Oggi questo tema assume nuove forme e si delinea sempre più marcatamente la teoria che dove si assume la tradizione non necessariamente si debba bloccare la strada alla modernità.
Fabio Carria, architetto milanese specializzato nel recupero di abitazioni rustiche, spiega ad Archilight come l’illuminazione a LED permetta di risolvere al meglio le esigenze di una casa moderna, esaltando il calore e l’incanto dei materiali tradizionali come il legno.

Architetto Carria, che cosa ci dice sul recupero e la ristrutturazione dei vecchi edifici?
È un settore nel quale opero da anni. Saper recuperare le vecchie strutture adeguandole all’abitazione moderna è la sfida che mi trovo da affrontare ad ogni nuovo progetto dove il successo risiede proprio nella capacità di rendere ogni rustico o storica abitazione idoneo a ricevere il complesso impianto tecnologico e le modalità abitative che richiede una dimora moderna senza per questo snaturarne l’essenza.

E per quanto riguarda la luce?
Nel campo illuminotecnico questi concetti sono fondamentali e sarebbe anacronistico e progettualmente sbagliato pensare di fare a meno dei progressi tecnologici raggiunti quando si deve decidere come illuminare gli interni storici.
Capita sempre più spesso che si scelga di completare il proprio arredo con soluzioni illuminotecniche che mescolino tradizione e qualità, design moderno e stile, pronte a rendere unico qualsiasi angolo della casa. La tradizione e l’innovazione virano oggi verso nuovi confini soprattutto nel campo dell’illuminazione dove la tecnologia a LED porta nuova creatività per illuminare gli interni.

Cosa significano per lei le nuove opportunità offerte dai LED?
La tecnologia LED applicata all’illuminazione degli ambienti rappresenta la più importante novità di questi ultimi anni. L’innovazione tecnologica permette di creare sorgenti luminose di dimensioni estremamente ridotte che possono essere facilmente inserite in qualsiasi posizione e angolazione per valorizzare gli ambienti in modo discreto e scenografico.
Nelle immagini di questo articolo appare chiaro come l’illuminazione a LED – realizzata con prodotti della Disano illuminazione -, s’inserisca bene nel progetto di recupero di uno storico chalet. La luce a LED risolve qualsiasi ambiente nella massima essenzialità e flessibilità senza mai tralasciare l’eleganza e la possibilità di illuminare con originalità senza sminuire i colori naturali del legno.

Come ha concepito il progetto? E quali le fonti luminose utilizzate?
L’illuminazione degli interni richiede una qualità della luce con tonalità “calda” che consenta alle persone di distinguere in modo corretto le diversi tinte degli oggetti illuminati. I primi LED bianchi avevano prestazioni poco soddisfacenti sotto questo aspetto, ma i dispositivi più recenti producono ora una gradevole luce calda.
Luci segnapasso e di cortesia per creare suggestivi giochi possono rappresentare una nuova fonte d’ispirazione così come creare fasci di luce più concentrati o diffusi, oppure possibilità di creare scenari luminosi ad effetto cromatico con LED colorati.
Continua a leggere su http://www.archilight.it/GetPage.pub_do?id=8a8a8ab711a17da80111a26d2ac304ac

Leave A Comment

Your email address will not be published.