Article Marketing

article marketing & press release

Amazon e i corrieri postali in USA

Come l’accordo dell’ufficio postale con Amazon ha reso la vita infernale per i corrieri postali

Quest’anno, Amazon è diventata la seconda azienda statunitense da un valore di più di $ 1 trilioni di . Eppure, nonostante tutto il suo dominio e la sua efficienza, Amazon fa affidamento su un sistema polveroso e vecchio di secoli per consegnare almeno un terzo e forse anche la metà deisuoi pacchetti in tutto il paese: il servizio postale degli Stati Uniti.

A metà ottobre, ho parlato con un corriere che lavora in un centro di medie dimensioni del servizio postale degli Stati Uniti nella Nuova Inghilterra rurale. Come socio di una compagnia aerea rurale, guadagnano poco meno di $ 18 / ora in una posizione continua e part-time. Durante la settimana, il vettore afferma che tra il 75 e l’80 percento dei pacchi consegnati sono pacchetti Amazon; di domenica, quando non vengono consegnate lettere, consegnano esclusivamente pacchetti Amazon, il risultato di un accordo che genera entrate che l’USPS ha stipulato con la società nel 2013 .

Al momento dell’accordo con Amazon , la USPS stava soffrendo sulla scia di cambiamenti di bilancio fuorviati istituiti dal Congresso e del crollo finanziario e stava perdendo $ 16 miliardi all’anno. La partnership Amazon sembrava una manna dal cielo. Anche se le informazioni di base sui contratti rimangono elusive, sappiamo qualcosa sulla portata delle operazioni di Amazon: all’inizio di quest’anno, la società ha annunciato di aver spedito oltre 5 miliardi di articoli in tutto il mondo attraverso Amazon Prime nel 2017; nel frattempo, qualcosa come la metà di tutte le spedizioni di Amazon negli Stati Uniti sono in definitiva consegnate dall’USPS, un accordo che gli analisti di mercato sembrano concordare è reciprocamente vantaggioso: il servizio postale, che non riceve finanziamenti federali, ha riportato una perdita netta di soli $ 2,7 miliardi nel 2017.

Ma l’accordo ha anche aumentato la quantità di lavoro senza espandere la forza lavoro a tempo pieno . Oltre alle domeniche e ai giorni festivi, i dipendenti part-time sono chiamati a coprire i percorsi regolari delle compagnie di carriera se sono in vacanza o fuori di malattia. Questi lavoratori sono pagati meno, hanno meno benefici e sono tenuti a una programmazione più caotica rispetto alle loro controparti a tempo pieno; nel frattempo, il numero crescente di pacchetti Amazon significa lavoro più difficile e più caotico

Amazon ha rifiutato di commentare questa notizia, ma la USPS ha rilasciato la seguente dichiarazione: “Dedicati dipendenti del servizio postale in tutto il paese si sono impegnati a fornire per il pubblico americano e hanno promosso la recente crescita dei pacchetti attraverso prestazioni eccezionali. La crescita nel nostro pacchetto di attività compensa in parte il significativo calo della posta ed è essenziale per contribuire a stabilizzare le finanze del servizio postale e pagare la nostra infrastruttura che ci consente di adempiere ai nostri obblighi di servizio universale. Come ogni attività prudente, non discutiamo pubblicamente delle specifiche dei nostri rapporti commerciali “.

Nei primi mesi del 2018, il presidente Trump ha chiesto un’indagine sulla transazione USPS con Amazon, i cui risultati saranno come riferito non resi pubblici fino a dopo le elezioni di medio termine. In risposta, Amazon e altri rivenditori hanno formato un gruppo di pressione, la Coalition Package, emettendo una minaccia appena velata che qualsiasi modifica alla disposizione avrebbe avuto conseguenze. “L’ultima cosa di cui vuoi parlare sta distruggendo uno dei pochi punti luminosi del servizio postale”, ha detto a Forbes il lobbista e l’ex funzionario dell’amministrazione Obama John McHugh .

La minaccia implicita è stata persino interiorizzata nel Servizio Postale stesso. “L’ho sentito dai miei supervisori”, mi ha detto il vettore rurale. “‘Se sconvolgeremo Amazon, si ritireranno e abbiamo bisogno del loro aiuto'”.

“Mi sento come se lavorassi per Amazon”, hanno continuato. “Sento che la mia vita dipende da Amazon”.

 

FONTE: medium.com
AUTORE:
Brendan O’Connor (scrittore e giornalista freelance)

Leave A Comment

Your email address will not be published.