No Banner to display

Article Marketing

article marketing & press release

Come migliorare la ricezione della tua antenna Tv

L’avvento del digitale terrestre ci ha permesso di ampliare notevolmente la gamma di canali televisivi. Oggi possiamo fare zapping in un elenco “sterminato” di canali, parte dei quali trasmittente in alta definizione; tuttavia, c’è una fetta importante di reti private che, non dotando di frequenze particolarmente significative, si trovano a trasmettere con segnali di bassa qualità.

In entrambi i casi, il segnale può risultare disturbato. Le cause possono essere molteplici, a partire dalle problematiche manifestate dalla propria antenna Tv (assai più raro che il problema derivi direttamente dall’emittente). Trattandosi di un dispositivo esposto all’esterno, l’antenna può essere oggetto di problemi di natura strutturale. Il forte maltempo, ad esempio, potrebbe comportare sballottamenti dell’apparecchio, sino a provocare guasti (un’eventualità che soggiunge quasi esclusivamente nei casi più gravi).

Trascurando eventi simili, esiste un modo pratico per migliorare la ricezione dell’antenna Tv, che vediamo di seguito, con le informazioni messe a disposizione da antennistamilanoeprovincia.it, antennista a Milano disponibile in tutte le zone del capoluogo lombardo.

Modificare l’orientamento dell’antenna Tv in modo manuale

Un modo utile per migliorare la ricezione dell’antenna Tv è quello di modificarne l’orientamento. L’antenna televisiva funziona captando il segnale “rimbalzante” sui ripetitori, questi ultimi collocati in punti differenti a seconda dell’urbanistica dei comuni.

L’ideale sarebbe orientare la propria antenna in modo tale da permetterle di “intercettare” il segnale del ripetitore. Nel caso in cui non si conosca l’esatta derivazione del segnale – e, allo stesso tempo, non si conosca l’ubicazione dei ripetitori stessi – è buona prassi effettuare una ricerca su Google Maps. Il servizio di Google torna utile per individuare la posizione dei ripetitori: in questo modo, stampata la cartina riportante la loro collocazione, sarà possibile orientare l’antenna in maniera efficace, avendo buone chance di migliorare la ricezione del segnale televisivo.

Comprare un amplificatore del segnale TV

Il corretto orientamento dell’antenna, nella maggior parte dei casi, porterà l’utente a migliorare efficacemente la qualità del segnale. Tuttavia, il problema potrebbe continuare a sussistere. In questi casi, una valida idea per risolvere la questione potrebbe essere quella di acquistare un amplificatore apposito.

Si tratta di un dispositivo semplice ed economico (si consideri che il suo costo non supera i 30 euro, parlando di modelli di qualità) e e che permette di aumentare il segnale che, per un motivo o per l’altro, potrebbe raggiungere la propria abitazione perdendo d’intensità. L’amplificatore può essere acquistato in un qualsiasi negozio di elettronica, nonché su Amazon o eBay. Si tenga presente, però, che il dispositivo permette di migliorare solo parzialmente la qualità del segnale: l’amplificatore va considerato come una soluzione “di ripiego”, qualora i problemi di ricezione riguardino esclusivamente pochi canali.

Una volta acquistato, l’amplificatore potrà essere montato seguendo le istruzioni contenute nella confezione di acquisto. Qualora fossero mancanti, l’utente può recarsi nel sito web del produttore del dispositivo: al suo interno, in spazi dedicati all’assistenza, potrebbe essere presente il manuale in PDF del proprio apparecchio.

Ricezione antenna Tv: cosa fare se i problemi sussistono

Nel caso in cui i problemi non trovassero una soluzione, l’utente farebbe bene a rivolgersi ad un tecnico. In alternativa, se si volesse evitare di spendere altro denaro, una buona idea potrebbe essere quella di vedere i canali televisivi direttamente in streaming.

La soluzione può essere attuata qualora il televisore sia in grado di accedere alla rete, permettendo all’utente di recarsi sul sito web dell’emittente televisiva (discorso valido quasi esclusivamente per le grandi emittenti, da Rai a Mediaset).

Ti è stato utile l’articolo? Leggi anche queste idee sugli interruttori Wi-fi per luci e prese in un impianto elettrico smart!

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.