Article Marketing

article marketing & press release

Il climatizzatore non raffredda abbastanza, cosa fare?

Il periodo estivo è quello durante il quale il climatizzatore lavora a pieno regime e nel quale si vuole evitare di soffrire l’afa. Tuttavia può accadere che la capacità di raffreddamento di questo utile dispositivo non sia più soddisfacente e che cali drasticamente. Effettuare un controllo dell’efficienza del clima da parte di un professionista che offre servizi di assistenza sugli impianti di climatizzazione, prima della partenza estiva eviterà sorprese sgradite, e soprattutto, guasti all’impianto.

La verifica dell’efficienza del nostro impianto di climatizzazione può essere effettuata anche da sé: impostiamo la temperatura del clima al minimo, inseriamo la funzione ricircolo dell’aria, inseriamo un termometro all’interno di una delle bocchette di aerazione e verifichiamo la temperatura ottenuta dopo qualche minuto.

Qualora la temperatura sia prossima o superiore ai 10 gradi, questo è sintomo del cattivo funzionamento dell’impianto e di un livello insufficiente di fluido refrigerante, bisognerà quindi rivolgersi a una ditta specializzata in riparazione e manutenzione di impianti di climatizzazione.

Un bravo tecnico idraulico non si limiterà a effettuare la ricarica del fluido, ma cercherà prima di individuare l’eventuale falla mandando in circolo nell’impianto un liquido visibile ai raggi ultravioletti, in tal modo cercherà con una speciale lampada l’origine della perdita di fluido.

Solo dopo aver riparato la perdita, il tecnico effettuerà una ricarica dell’impianto tramite un apposito strumento chiamato pompa del vuoto, questo aspirerà tutto il fluido restante e lo peserà, se necessario, riporterà il peso a quello richiesto dalla casa produttrice dell’impianto, infine rimetterà in circolo la quantità corretta.

La ricarica del clima è sufficiente a garantire estati fresche per almeno due anni, trascorsi i quali, è bene far ricontrollare i livelli, infatti una perdita seppur minima di liquido avviene per trafilaggio delle guarnizioni.

Eseguite i controlli con regolarità, un livello di fluido refrigerante insufficiente può rivelarsi dannoso in particolare per il compressore del clima, esponendolo a rottura in caso di funzionamento ‘a vuoto’. Poiché la spesa per la sua sostituzione ammonta a centinaia di euro, meglio correre subito ai ripari.

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.