Article Marketing

article marketing & press release

Le metodiche radiologiche nella diagnostica per gli animali d’affezione

Oggi la radiologia occupa un posto di primo piano nella diagnostica veterinaria. La sua capacità di rilevare in modo chiaro e dettagliato lo stato degli organi vitali agevola referti diagnostici di altissima precisione, consentendo di applicare ad ogni problematica la terapia più adeguata.

L’innalzamento del livello qualitativo delle prestazioni radiologiche ha portato ad una maggiore complessità sotto il profilo tecnico: per ottenere risultati attendibili, quindi, è necessario che ad una strumentazione radiologica all’avanguardia venga associato il possesso di un alto grado di specializzazione, sia nell’utilizzo della tecnologia che nella gestione delle immagini radiografiche.

Per fornire un servizio radiologico ottimale, ogni ambulatorio veterinario dovrà pertanto unire al possesso delle apparecchiature più avanzate le competenze di un personale medico altamente qualificato.

I dispositivi radiografici, infatti, servono alla produzione delle immagini, che devono poi essere opportunamente elaborate ed interpretate dal medico radiologo.

L’applicazione della radiologia alla diagnostica veterinaria consente di formulare valutazioni precise e affidabili con la massima sicurezza per la salute dell’animale: la moderna tecnologia, infatti, richiede un tempo di esposizione alle radiazioni eccezionalmente breve, evitando così di stressare il piccolo paziente sia fisicamente che psicologicamente.

Queste particolari prerogative di efficacia e di sicurezza consentono di applicare la metodica radiologica ad un’ampia gamma di indagini: l’esame radiografico veterinario, infatti, viene oggi eseguito su tutti i tessuti, sia duri che molli.

Tra le tipologie di analisi radiologica più diffuse si annoverano in particolare le radiografie addominali, le radiografie toraciche e le radiografie muscolo-scheletriche.

Le prime sono funzionali all’individuazione di malattie, neoplasie ed altre problematiche concernenti lo stomaco, l’intestino, le vie urinarie e i reni; con le seconde, invece, è possibile accertare le condizioni dell’apparato respiratorio, del cuore e dell’esofago.

Le radiografie muscolo-scheletriche, invece, servono a valutare le condizioni delle ossa e delle articolazioni: sono quindi estremamente utili nella diagnosi della displasia del cane, dell’artrite, dell’artrosi e dei disturbi di natura traumatica.

Ulteriori informazioni sulla radiologia veterinaria >>

Leave A Comment

Your email address will not be published.

Copyright © 2019 www.article-marketing.eu - Tutti i diritti riservati - Powered by link UP Europe! P.IVA 09257531005
Associazione Culturale per l'uso didattico ed etico dell'informatica
Sede legale: Via Pietro Rovetti, 190 - 00177 - ROMA