Article Marketing

article marketing & press release

Eni Aluko lascia Torino e l’Italia

Eni Aluko lascia Torino e l’Italia

Nell’immagine in evidenza:  Eni Aluko festeggia con il trofeo della Coppa Italia femminile dopo che la Juventus ha battuto la Fiorentina nella finale della scorsa stagione – hanno anche vinto il titolo di Serie A e la Supercoppa. Fotografia: Daniele Badolato / Juventus FC via Getty Images

Eni Aluko: Alla Juventus le cose sono andate bene in campo, ma gli ultimi sei mesi in particolare sono stati difficili. Nel  fine settimana giocherò la mia ultima partita per la Juventus, portando a termine un anno e mezzo di grande successo e tanto apprendimento . Quando sono arrivato nell’estate del 2018, sono stato attratta da un grande club ancora agli inizi come squadra femminile e da un grande progetto dentro e fuori dal campo di cui potevo far parte. Sul campo abbiamo ottenuto molti successi rapidi: un titolo di campionato, la coppa nazionale e la Supercoppa.
Fuori dal campo, penso che sia giusto dire che le cose sono state un po ‘più irregolari.

Ripensando ai miei successi con questa squadra, che includeva il completamento della scorsa stagione come capocannoniere, sono orgogliosa. Quando sono arrivata, non sapevo se potevo adattarmi allo stile di gioco, alla cultura, alla lingua e alla città di Torino. Sapevo che avrei giocato, ma non sapevo dove, o quanto bene. In una squadra costruita attorno a un nucleo di nove nazionali italiani, sono riuscita a integrarmi perfettamente. Non credo sia una cosa facile da fare per un attaccante internazionale. In questa stagione ho cambiato posizione, giocando ampiamente sulla destra con diverse responsabilità. È stato difficile mantenere la mia forma di goal e non sono sempre stata la migliore versione di me stessa, ma è stata ancora un’altra esperienza di apprendimento.

Ho lavorato con alcune persone brillanti. Lo scienziato dello sport della squadra, Emanuele Chiappero – lo chiamiamo il Prof – è il migliore con cui ho lavorato nel calcio e ha completamente cambiato il mio corpo, i livelli di fitness e il sentimento atletico generale. Rita Guarino è un allenatore estremamente tecnico che mi ha dato molta libertà la scorsa stagione per esprimermi sul campo. Il direttore sportivo, Stefano Braghin, è un visionario, un vero gentiluomo e qualcuno che mi piacerebbe continuare a vedere come mentore. Devo un enorme grazie al fisico, guidato da Ottavia Maffei e dal team dei media. Infine ci sono giocatori come Lisa Boattin, Aurora Galli e Michela Franco che non potrebbero essere compagne di squadra più gentili e altruisti. Non dimenticherò mai la velocità con cui due di loro si trovarono al mio letto d’ospedale dopo un grave incidente d’auto a Torino all’inizio di quest’anno.
Quindi lasciare 18 mesi in un contratto di due anni non è stata una decisione facile. Mi rendo conto che la mia attenzione deve essere rivolta ai prossimi 3-5 anni della mia carriera piuttosto che ai prossimi mesi, ma riflette anche il fatto che fuori dal campo ho trovato molto difficili gli ultimi sei mesi.

Per un po ‘dopo il mio arrivo stavo scoprendo la città e alla scoperta dell’Italia. Viaggiavo in altre città durante i miei giorni liberi e coglievo qualsiasi opportunità potessi trovare. Sono molto curiosa, mi piace andare a eventi, gallerie, negozi e non c’è tanta varietà come vorrei a Torino.

Ancora più importante, a volte Torino si sente indietro di un paio di decenni in termini di apertura generale a diversi tipi di persone. Mi sono stancata di entrare nei negozi e sentirmi come se il proprietario si aspettasse che rubassi. Ci sono così tante volte che puoi arrivare all’aeroporto di Torino e farti curare dai cani da fiuto come se fossi Pablo Escobar. Non ho sperimentato alcun razzismo dai tifosi della Juventus o all’interno della lega femminile, ma c’è un problema in Italia e nel calcio italiano ed è la risposta ad esso che mi preoccupa davvero, dai proprietari e dai tifosi nel gioco maschile che sembrano vedere come parte della cultura dei fan.

Oltre a ciò, se il club vuole continuare ad attirare i talenti dell’Europa in Italia, è necessario concentrarsi sul far sentire gli internazionali a casa e una parte importante del progetto a lungo termine. Anche se la squadra sta giocando bene, se le cose non vanno proprio fuori dal campo sarà solo una questione di tempo prima che un giocatore pensi, cavolo questo, io vado a casa.

Ma credo che la consapevolezza globale di Juventus femminile sia cresciuta nel tempo in cui sono stata qui. Ho cercato di aiutare, scrivendo questa rubrica e parlando nei media di tutto ciò che distingue il club e le sfumature che rendono la Serie A femminile un campionato così interessante. So che sempre più giocatori internazionali sono interessati alla Juventus, e forse ho giocato una piccola parte in questo.

La Juventus e il campionato hanno più cambiamenti da fare se vogliono competere con i migliori d’Europa. Ci sono voci di un passaggio dallo status amatoriale a quello professionale per le donne in Italia, il che sarebbe un grande passo. I migliori giocatori vogliono far parte di una cultura che cerca sempre di evolversi ed eccellere.
Il vecchio detto dice che se non è rotto, non aggiustarlo.
Direi che non è l’approccio migliore nel calcio: dovresti sempre cercare di migliorare, e ciò significa che sei sempre alla ricerca di modi per cambiare le cose in meglio. Penso che molti vedano un club che ha vinto gli ultimi due titoli di campionato e concludono che nulla deve essere risolto.

La mia ultima partita è contro la Fiorentina, seconda classificata della scorsa stagione. È un grande gioco nella corsa al titolo contro un rivale chiave. Non vedo l’ora di salutare i tifosi della Juventus che mi hanno mostrato rispetto e sostegno. Domenica torno a casa.

Ho avuto i miei alti e bassi in Italia e ho imparato moltissimo su di me. Quando giochi all’estero sono spesso i brutti giorni che ti danno forma e ti rafforzano. Quando i nostri giocatori tornano in Inghilterra vengono giudicati in base a ciò che hanno ottenuto sul campo mentre erano assenti, ma sono sicuro che giocatrici come Toni Duggan a Madrid, Jadon Sancho a Dortmund e Chris Smalling a Roma saranno d’accordo sul fatto che adattarsi alle culture al di fuori del tuo la zona di comfort è un successo significativo che ti migliora.

Penso di aver ottenuto molto a Torino. Ho vinto trofei, segnato gol, giocato all’Allianz Stadium, imparato l’italiano ed esplorato l’Italia. Ora sono entusiasta di essere tornata a Londra, non solo perché avrò con me i miei amici e la mia famiglia, ma perché ci sono così tante eccitanti opportunità.

Tra oggi e Natale lavorerò per Amazon alle partite della Premier League, lavorerò alle partite della WSL e realizzerò alcune cose più eccitanti con il mio libro. Molte persone vedono la fine dell’anno come un momento di riflessione e anche per fare piani e fissare obiettivi per il futuro, e sicuramente lo farò. Un capitolo di 18 mesi si sta chiudendo, in una lunga carriera. Tornerò sul suolo di casa, dove tutto è iniziato, e ancora una volta sono entusiasta di ciò che il futuro ha in serbo.

FONTE: www.theguardian.com
FOTOGRAFIA: Daniele Badolato / Juventus FC via Getty Images

Leave A Comment

Your email address will not be published.